La storia di un matrimonio (2011)

la storia di un matrimonioAndrew Sean Greer
La storia di un matrimonio
Adelphi, 2011

Crediamo tutti di conoscere le persone che amiamo. Chi parla è Pearlie Cooks, giovane donna di colore che vive nella San Francisco post seconda guerra mondiale. All’inizio sembra che si parli di una tragedia annunciata: Pearlie scopre che nella vita del marito Holland ci sono delle zone d’ombra. E, con il senno di poi, si colpevolizza per non aver capito prima. Tutta presa a tenere indenne Holland dalle brutture del mondo, Pearlie non si era resa conto di non conoscere il marito.

Chi è Holland Cooks? Per Pearlie è, appunto, l’amorevole marito e padre di suo figlio, per le zie Alice e Beatrice non è uomo da sposare, per Buzz Drumer è il compagno ospedale, per Annabel è la trasgressiva evasione da una vita perfettamente WASP, per William la causa remota e inconsapevole di tutte le sue disgrazie e di alcune delle sue fortune. Ma chi è veramente Holland Cook, e cosa veramente vuole, nessuno lo sa. Il suo punto di vista è l’unico che il narratore non ci rende. Tutti parlano di Holland Cook, solo Holland non parla di sé.

È un racconto di guerra? Se lo chiede anche Pearlie, a un certo punto, e la risposta è no, La storia di un matrimonio non è un racconto di guerra, semmai un racconto di gente che vive in tempo di guerra, con tutto ciò che questo comporta: lavori “anomali”, opportunità per le donne, massicci contingenti di giovani uomini sottratti alla vita civile per andare a combattere, e quindi lutti, ferite, traumi psicologici per chi va e per chi resta. E poi restrizioni, sacrifici, e infine il ritorno alla vita normale, il desiderio di cancellare il dolore, le piccole conquiste e i piccoli piaceri ritrovati. E la lotta per mantenere tutto questo.

La piccola Pearlie però non lotta. Indaga, si dispera, si avviluppa nelle sue elucubrazioni, ma al momento di fare una scelta si arrende di fronte all’ineluttabile. Salvo che…

Greers ha una meravigliosa, banalissima lezione da insegnarci: un uomo non si giudica da ciò che dice, ma da ciò che fa. Le mille congetture di Pearlie, le lunghe discussioni con Buzz, i consigli delle zie, le ipotesi e i programmi si scontrano con un’unica, solida realtà. Si dice che esistano tanti mondi quante sono le nostre scelte: e solo questo è quello che conta, l’unica cosa che scegliamo tra le tante possibili.

A distanza di quattro anni, La storia di un matrimonio rimane uno dei libri migliori che io abbia mai letto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *