Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Marzo 2016

book-toiletVediamo cosa viene fuori…

Prima di tutto un saluto a Umberto Eco. Quasi un amico, come se lo avessi conosciuto di persona.
Passiamo alle mie cianfrusaglie.
Ogni tanto al gabinetto mi viene da pensare al nostro martoriato paese (chissà perché). Non bastassero la Mafia, la Camorra e la ‘Ndrangheta ci si mettono pure i pedofili e i violentatori assassini di donne, gli evasori fiscali, i falsi invalidi, il bullismo nelle scuole e nelle piazze, le maestre (qualcuna, via) che picchiano i bambini, infermieri (idem) che picchiano i disabili, gli impiegati comunali in mutande a timbrar cartellini per gli altri, gli inchini alle dimore dei boss, gli incasinamenti pecuniari e non (praticamente di tutti i tipi) dei nostri politici, gli affitti risibili in palazzoni fastosoni  e chi più ne ha più ne metta. Il tutto condito da un debito pubblico che fa tremare le vene e i polsi come canta il Poeta. E dunque mi fa specie rilevare spesso una tracotanza bullesca (mio conio) oppure, sulle facce di certi personaggi quel sorrisetto di superiorità di chi ha la verità in tasca e la chiave sicura per risolvere in quattro e quattr’otto la tremenda situazione. Quando ci sarebbe, invece, da fare, al posto del sorrisetto, non dico una faccia perennemente ammosciata come quella del nostro Presidente della Repubblica che fa cascare le braccia, e non solo, ma almeno una piccola smorfietta di preoccupata serietà. Speriamo bene ma la vedo dura.

Vediamo, invece, cosa succede tra i miei immarcescibili G.M.
Sherlock Holmes - La vedova del DartmoorSherlock Holmes – La vedova del Dartmoor, di Warwick Downing, Mondadori 2016.
Continua la riproposizione degli apocrifi dell’Investigatore per antonomasia. Qui è la volta di Jeremy Holmes, nipote del grande Sherlock. Niente fiuto particolare ma un’abilità sorprendente, da avvocato, di incastrare i testimoni durante il processo con domande che riescono a perforare la loro pur dura corazza. A dir la verità qualcosa di “particolare” la possiede. Quella di disegnare le persone e carpirne, in qualche modo, gli aspetti più profondi. Ora deve risolvere il caso della stupenda lady Russell, accusata di omicidio e pronta a penzolare dal capestro. E si dovrà “riesumare” una vicenda oscura avvenuta nella remota landa del Dartmoor. Un momento… E Sherlock Holmes? Possibile che se ne stia lontano da questo caso? O ci metterà almeno lo zampino, magari con qualcuno dei suoi famosi travestimenti? Mah…

L’inferno alle porteEcco a quali conseguenze portano le prese in giro ne L’inferno alle porte di Bill Pronzini, Mondadori 2016.
“Oh, avrebbe scatenato l’inferno, senza dubbio. Un inferno allo stato puro”. Siamo a pagina 120 e l’inferno, Pete Balfour, brutto da far paura (piccolo, grassottello, bocca da pesce persico preso all’amo) in parte l’ha già scatenato. Preso di mira da Ned Verriker con quella frase che lo nominava primo sindaco della Valle degli Stronzi (la battuta è sulla bocca di tutti gli abitanti della piccola città di Six Pines), ha provocato un incendio alla sua casa dove è morta bruciata la moglie, mentre lui se l’è cavata, maledizione, perché non c’era. Ora studia un piano per farlo fuori che deve pagare le sue stupide prese in giro. Nel frattempo chi ci rimette è pure una signora sequestrata dallo stesso Pete che poteva essere una testimone pericolosa… In pratica la Vendetta, la Ricerca e la Lotta per la liberazione. Traduttore Mauro Boncompagni e questo è già, di per sé,  una sicurezza.

Il segreto del milionarioIl segreto del milionario di Helen Reilly, Mondadori 2016, è il classico giallo della camera chiusa a chiave dall’interno, senza nessun’altra possibilità di entrata, che ha mandato al manicomio più di una generazione di lettori. Siamo in un lussuoso palazzo della Quinta Strada. Il morto ammazzato è Fennimore Kingston e l’assassina sembra proprio sua moglie Katherine. Non c’è niente da fare. Fino a quando non arriva l’ispettore McKee, capo del reparto investigativo della polizia di New York, e allora la faccenda non è così semplice come si pensava. Tra l’altro c’è un bel gruppo di personaggi che hanno da guadagnare dalla sua morte. Ottima orchestrazione generale con momenti di viva tensione e notevoli capacità introspettive, soprattutto nello sviluppo dei personaggi delineati nello loro complesse sfumature anche psicologiche, che non sfuggono all’occhio vigile di McKee e rendono il tutto una gradevole e avvincente lettura.

Il mondo di AteneMi sono buttato, anzi ributtato su Il mondo di Atene di Luciano Canfora, Laterza 2013, tanto per passare dalle miserie presenti della Grecia ai fasti (ma anche agli incasinamenti e distorsioni) del passato. Una passione che mi porta spesso a volteggiare sinuoso tra i meandri del Tempo. Soffermandomi, questa volta, soprattutto sui processi a Frinico (quello a Frine è un’altra storia) per tradimento, o meglio al suo cadavere dissotterrato (giuro), ad Antifonte e ad altri che hanno attirato la mia attenzione, devo dire un pochettino morbosa. La scrittura, poi, del nostro Canforone, così precisa ed eloquente, ha la sua parte di attrattiva e c’è perfino chi lo ha paragonato ad un “indagatore poliziesco”. E se si mettono insieme storia e giallo trillo come un passero all’arrivo della primavera (mi sa che l’ho già detta).
A proposito di processi famosi notevole Il corrotto. Un’inchiesta di Marco Tullio Cicerone di Luca Fezzi, Laterza 2016, contro Gaio Verre, l’ex governatore della Sicilia accusato di concussione e peculato. Come a dire che le cose non cambiano mai.
E, ancora a proposito di storia, in Inghilterra è nata una polemica da parte, soprattutto, di Mary Beard, docente della suddetta disciplina ad Oxford, che si lamenta del machismo imperante nel mondo dell’editoria con maschi che si impegnano su guerre e morti ammazzati e i lettori che vanno in visibilio. Non so cosa dire ma mi sa che abbia ragione che ogni tanto sfoglio, da intemerato maschiaccio, con una certa trepidazione Le grandi battaglie. Armi tattiche e strategie militari di AA. VV., Mondadori 2005, oppure L’arte occidentale della guerra di Victor Davis Hanson, Mondadori 1990, per vedere l’effetto che fa come nella famosa canzone.

A volte tiro fuori preistorici libri della mia beata un tubo gioventù (mai una lira in tasca) come I promessi sposi commentati da Attilio Momigliano, Sansoni 1963 (una chicca) e mi metto a fantasticare tra i vecchi ricordi di un tempo che fu (è venuta anche la rima) con qualche rimpianto da vecchietto rinseccolito già pronto per la bara.

il paese dell'alcolNella collana Supercoralli della Einaudi ci si può imbattere in un premio Nobel nella persona di Mo Yan con Il paese dell’alcol. Qui, oltre al contenuto altamente drammatico (qualcuno potrebbe cibarsi di carne di neonato), siamo di fronte ad una forza espressiva di ottima qualità che sa sfruttare stili diversi tutti protesi verso una satira forte e allucinata su una nazione, la Cina, in preda a cambiamenti tumultuosi e imprevedibili.

Chi vuole vedere gli scacchi citati dappertutto qui che Lucius Etruscus è una miniera di informazioni. Ha scritto anche diverse belle cosette.

il fiume ti porta viaE chi vuole ritrovare un personaggio particolare allora c’è Il fiume ti porta via di Giuliano Pasini, Mondadori 2015, con il commissario Roberto Serra che ha il dono, come scrissi per Venti corpi nella neve, “di “sentire” ciò che provano le vittime e i loro carnefici attraverso una “danza” particolare. Sintomo e preavviso l’odore di fiori marci”. Siamo a Pontaccio, piccolo paese della Bassa emiliana. Qui deve fare i conti con l’uccisione di un certo “re dei matti”, anche se sospeso dal servizio. E dovrà pure cercare di distinguere i matti dai cosiddetti “sani”. Mica facile.

Già avevo accennato, in uno dei pezzi precedenti, al cinque indagini romanevicequestore Rocco Schiavone di Antonio Manzini. Ed eccolo bello spaparanzato in Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, Sellerio 2016. Così potremo conoscerlo ancora meglio. Sul punto di essere trasferito per una “cazzata” di due anni prima abita in un bellissimo attico a Monteverde, facile allo spinello e alle belle donne, sua fissazione quella di schedare mentalmente le persone grazie alla somiglianza con qualche animale, odia le ciabatte durante l’estate, qualche affaruccio poco pulito, ricordi e ricordi nostalgici della moglie Marina defunta che sembra una Madonna (in corsivo). Qui è alle prese con cinque casi dei soliti morti ammazzati. Giramenti di coglioni e intermezzi in romanesco sparsi un po’ dovunque. Spunti su Roma, sui suoi quartieri belli e brutti, caldo afoso, discariche abusive, esistenza senza speranza. Tocchi vivi di personaggi che restano impressi nella memoria. Cinismo, pessimismo, malinconia tracciati lungo un solco sicuro senza tanto strombazzamento, Il mondo è una merdaccia e anche lui fa la sua parte. Ma resta pure simpatico.

Nuotare con un elefante tenendo in braccio un gattoE mi ero pure soffermato su Nuotare con un elefante tenendo in braccio un gatto di Yoko Ogawa, il Saggiatore 2016, che lì si trattava di scacchi. Visto e preso posso aggiungere qualcosa.
Un bambino con le labbra incollate fra loro e una folta peluria, un fratellino e i nonni che lo accudiscono, una bambina piccola e una elefantessa, Indira, suoi unici amici. A scuola continue prese in giro. Fa amicizia con un conducente di autobus “terribilmente grasso”, ma grasso, grasso, cascante da tutte le parti. Diventerà il suo Maestro di scacchi e conoscerà il suo bel gatto, Pedone. Già, gli scacchi, al centro di tutta la storia, i suoi incontri con il Maestro, il suo modo di giocare infilandosi sotto il tavolo accarezzando Pedone e poi uscire solo per fare la mossa. Studia, legge le biografie dei grandi campioni: Staunton, Morphy, Steinitz ma, soprattutto, quella di Alexander Alechin “poeta sulla scacchiera”. Il suo mondo si allarga, dopo un incontro al circolo di scacchi Pacific viene chiamato Little Alechin e costruito un automa sulla falsariga del famoso “Turco” di Kempelen nel 1769, tra i cui marchingegni era nascosto un piccolo giocatore che faceva muovere i pezzi sulla scacchiera all’automa stesso. Così il nostro ragazzo accetta di giocare all’interno della nuova creatura, aiutato dalla bambina Mummia con la sua misteriosa colomba bianca. Libro sugli scacchi, specchio della personalità dell’uomo e libro tra sogno, favola e fantasia. Sotto il tavolo da gioco, al riparo dai marosi della vita e nel buio della solitudine, si possono creare momenti di vera, intima poesia, con i pezzi che si muovono leggeri sulla scacchiera.

il gioiello che era nostroNon perdete Il gioiello che era nostro di Colin Dexter, Sellerio 2016.
Così potrete conoscere, se non lo avete già fatto, E. Morse, un ispettore piuttosto particolare amante di diverse cosette, oltre alle belle donne (è scapolo): l’alcol, Wagner, le riviste porno e le parole crociate. Sì, avete letto bene. Proprio le parole crociate che affronta come fossero delitti, o meglio, viceversa, ma le soluzioni risultano spesso sballate e il suo fedele sergente Lewis, lui sposato, è costretto a fare i salti mortali per stargli dietro. Qui deve ritrovare un gioiello antico di inestimabile valore tra i soliti morti ammazzati.

Attirato dalla vivace copertina arancione, dal titolo La brigata dei reietti di Sophie Hénaff, Einaudi Stile Libero Big 2016, e dalla quarta di copertina “Alcolizzati, assenteisti, iettatori: un’irresistibile brigata per la prima volta, pericolosamente, in azione.”, l’ho tirato giù dagli scaffali della solita libreria di Siena e l’ho fatto mio (pagandolo). Vi saprò dire qualcosa la prossima volta.

Facciamo ora un giretto tra i miei libri meno recenti

Il quadrato della vendetta di Pieter Aspe, Fazi 2009.
il quadrato della vendettaBruges. Furto in una gioielleria della potente famiglia Degroof. Furto assai strano, a dir la verità, che i gioielli non vengono portati via ma sciolti nell’acqua regia. Lasciato un messaggio criptico, praticamente un quadrato magico.
Ad indagare il poliziotto Pieter Van In, sopra i quaranta, da quasi venti al servizio dello stato. Pancetta che si tira davanti allo specchio, sbuffa, ringhia, impreca, fuma e beve con grande trasporto (soprattutto Duvel), buona forchetta. Matrimonio fallito alle spalle per il fascino di una giovane collega (ci rimugina spesso), amante dell’arte, biblioteca con Eco, Dante, Jung e insomma si vede che ha studiato. Testardo e controcorrente (ripensa con sospiro agli anni sessanta), in conflitto con il commissario capo De Kee che vorrebbe una indagine all’acqua calda. Sensazione di impaccio e malessere davanti alle donne, soprattutto se lasciano intravedere qualcosa di interessante. Simpatia per Hannelor Martens, sostituto procuratore, con degli “splendidi polpacci scolpiti”. Chissà che…
Di mezzo c’è la politica, i Templari (la loro storia), un convento, un ospedale psichiatrico, un rapimento e… anche gli scacchi (piccolo accenno). Non manca la solita citazione di Holmes (se non c’è ci si sente male).
Una indagine alla vecchia maniera, una discreta caratterizzazione dei personaggi (ricordo Versavel che si dedica alla scrittura), una prosa tranquilla senza tanti tormentoni linguistici che non se ne può più. Soluzione complessa ma accettabile.

Il raccomandato di Wilkie Collins, Polillo 2013.
il raccomandatoUna figura emblematica di tutti i tempi. Dunque anche della seconda metà dell’Ottocento. Il raccomandato è Matthew Sharp “che gode dell’appoggio di una persona estremamente influente”, praticante presso un avvocato “straordinariamente pieno di sé” ed ora infilato nel reparto investigativo. Deve risolvere il caso di un furto al posto del sergente Bulner, come si evince da una lettera dell’ispettore capo Theakstone allo stesso. Possiamo seguire le sue indagini sballate dai rapporti di Matthew al superiore di una involontaria comicità proprio per la sua inettitudine portata avanti con tronfia arroganza.
In breve. Sparisce una scatola di latta piena di soldi dalla casa dei signori Yatman. Possibili sospettati tre affittuari: un giovane scapolo che abita nella camera sul davanti, al secondo piano, il commesso del negozio di cui gli Yatman sono proprietari che occupa una delle stanze della soffitta e una domestica che dorme dietro la cucina. Matthew si mette ad indagare ma non combina niente (ne infilasse una) anche se è sempre convinto di fare bene (lo sfiorasse mai un dubbio). Alla fine il caso gli viene tolto e affidato nuovamente al sergente Bulner il quale potrà scoprire il ladro proprio dalla lettura dei rapporti di Matthew. Un racconto ironico e divertente. Ve lo raccomando.

il ritorno di CampionAndiamo subito al sodo con Il ritorno di Campion di Margery Allingham, Mondadori 2008. Intanto piccolo spunto “Dopo tre anni al fronte, Albert Campion torna in licenza nella sua casa di Londra. E nel suo letto trova ad aspettarlo, sorpresa macabra, il cadavere di una donna. E’ subito chiaro che la sconosciuta non è morta lì. Infatti è stata portata da Lugg, il fedele valletto di Campion, e da lady Carados, madre di Johnny, celebre eroe della RAF…”.
Dunque in questo romanzo del 1945 c’è una donna morta nel suo letto. Per essere più precisi assassinata. Per essere ancora più precisi addormentata con l’oppio e poi strozzata. E se si vuole cadere nella pignoleria diciamo pure che si tratta della signora Moppet Lewis, moglie del noto ristoratore Stavros ben conosciuto dal nostro Campion. E poi abbiamo la scomparsa di Lugg, una strana telefonata alla polizia, uno strano regalo (una rosa), tesori d’arte rubati, sei dozzine di bottiglie di vino di Borgogna, un matrimonio in bilico, “piccole gelosie e affetti morbosi” nella famiglia Carados, e insomma il solito guazzabuglio delle storie della Allingham con il Nostro che appare un po’ stanco e sonnacchioso.

Il ritratto Bellini di Jason Goodwin, Einaudi Stile Libero 2009.
il ritratto belliniDalla quarta di copertina “1840. Un ritratto simbolo dell’antica grandezza ottomana, scomparso da Istanbul quattro secoli fa, riappare misteriosamente a Venezia. Il sultano lo vuole. E Yashim, in missione nella agonizzante ex Serenissima, scopre che il dipinto leggendario semina morte, suscita timori, dissolve ricchezze favolose. E la ricerca dell’eunuco detective si trasforma in un oscuro gioco del gatto col topo, che minaccia di distruggere più di un trono d’Europa”.
Yashim Togalu già incontrato ne L’albero dei giannizzeri della stessa casa editrice: “Era un uomo alto e robusto sulla quarantina, con una gran massa di boccoli neri e qualche filo bianco; niente barba, ma baffi neri ricciuti. Aveva gli zigomi alti da turco e grigi occhi a mandorla di un popolo che viveva millenni sulla grande steppa eurasiatica”. Possiede parecchie doti “fascino innato, disposizione per le lingue, e la capacità di sgranare quei suoi occhi grigi all’improvviso. Gli uomini e le donne rimanevano stranamente ipnotizzati dalla sua voce, prima ancora di capire chi stesse parlando. Però non aveva le palle”.
Ergo è un eunuco. Grande affresco di Venezia sotto il tallone austriaco, il ghetto degli ebrei, i barnabotti nobili decaduti,  incontri e scontri, morti assassinati, una testa trovata sull’altare di una chiesa, quadri veri e contraffatti, peripezie da capogiro tra cipolle rosse, fegato d’agnello, aglio e semi di cumino, aneto e prezzemolo, ceci, semi di nigella, bistecche di pesce spada e prelibatezze varie (per chi le ritiene tali) cucinate con arte superba dal nostro Yashim.
Prosa naturale che sgorga spontanea. Da scrittore vero. Politica, arte e giallo avvinti come l’edera. Ottimo anche senza una parte mancante (giuro). Figuriamoci integro.

Il sangue versato di Asa Larsson, Marsilio 2007.
il sangue versatoProtagoniste principali l’avvocato fiscalista Rebecka Martinsson e l’ispettrice di polizia Anna Maria Mella. La prima, single, in fase di esaurimento nervoso per avere ucciso (legittima difesa) tre uomini a Kiruna (siamo in Svezia, mi pare); la seconda, forte ed energica, sposata con quattro figli. La trama, che parte dall’uccisione del pastore Mildred Nilsson (e di cui volutamente non svelerò altro), ha valore fino ad un certo punto. Nel senso che vale, soprattutto, in quanto fornisce all’autrice il destro per entrare nel profondo dei personaggi, svelarne i piccoli-grandi segreti, i loro slanci, le loro manie, le loro paure, le loro debolezze.
Ma il personaggio principale del libro, quello intorno al quale ruota tutta la vicenda, non sono Rebecka né Anna Maria. È Mildred. Sposata e lesbica. Ovvero il “fantasma” di Mildred che aleggia praticamente su quasi tutti i personaggi mettendone a nudo i lati più deboli, più delicati, più brutti, più umani. Mildred che in vita, con il suo comportamento, ha scatenato nel piccolo paese in cui vive una serie di reazioni contrastanti: dall’odio viscerale alla venerazione. Mildred è la chiave di volta dell’autrice per scavare a fondo negli animi e portare alla luce tutto ciò che è nascosto. Storie che si intrecciano con altre storie con una istintiva naturalezza, passato e presente che si uniscono e si staccano in continuazione. Un tono basso, quasi monotono a segnare la vita che scorre. Una prosa secca, asciutta, essenziale con quel minimo di ricchezza indispensabile (ad essere pignoli qualche svolazzo psicologico di troppo) per disegnare la complessità degli inconsci. E poi l’ambiente, il paesaggio, quei boschi, quei cieli, quegli spazi immensi, quel profondo silenzio della natura che sembra fatto apposta per ascoltare le voci più intime dell’animo. Infine la storia di una lupa, Zampe Gialle, che viene scacciata dal branco e che lotta duramente per la sopravvivenza.  Come il simbolo della vita stessa di ognuno di noi.

La nostra superba Patrizia Debicke (la Debicche) ci presenta…

Interludio, una storia di guerra di Niccolò Capponi, su Amazon.
Interludio, una storia di guerraConosciamo tutti Niccolò Capponi come grande storico, mago della battaglie, rigoroso narratore e allo stesso tempo gustoso dissacratore dei tempi buoni o bui che furono, ma vi confesso che mi è piaciuto scoprirlo come autore di un coinvolgente romanzo storico ambientato nel 1944, a Ferragosto nella polverosa e bruciante calura dello scarno paesaggio alle pendici dell’ Appennino Tosco Emiliano.
Roma è già stata liberata dagli alleati, i tedeschi sono stati sconfitti a Cassino e si stanno lentamente ritirando oltre gli Appennini, attestandosi lungo la Linea gotica che verrà definitivamente superata dagli alleati solo ad aprile del 1945.
Nell’agosto 1944, in un’Italia spezzata in due, dilaniata dalla guerra, una strana occasione, che provoca il casuale incontro di tre combattenti nemici e amici, provenienti da paesi diversi, porterà a impensabili sviluppi. Infatti cultura, bellezza e musica, riscoperte e vissute insieme, costringeranno ognuno di loro a mettere in dubbio le proprie radicate convinzioni.
Una storia che, in tante sue pagine, introduce un sottile richiamo a importanti episodi bellici del passato allora come ora motivo di studio e interpretazione per chi intenda diventare un ufficiale, nonostante l’immane differenza delle pur crudeli guerre di un tempo con i vigliacchi attacchi terroristici e i premeditati e barbari massacri dei nostri giorni.
Un mondo quello descritto in Interludio diverso, pervaso di cavalleria, fatto di regole di tradizioni, di rispetto per gli altri e di educazione, qualità che purtroppo è quella che più si è dimenticata e si continua a dimenticare ai nostri giorni. E invece spesso la realtà si nutre anche di immaginazione e solo un certo immaginario collettivo può portare a maggior concretezza nella vita.

I libri che ci aiutano a vivere feliciḔ arrivata in libreria una raccolta speciale intitolata: I libri che ci aiutano a vivere felici di Giulia Fiore Coltellacci, Newton Compton 2016, che contiene, all’occorrenza, un kit di pronto soccorso terapeutico, dedicato ai lettori e alle lettrici di ogni età. Perché propone e fornisce ogni genere di cure e rimedi per inguaribili lettori.
Come il cilindro di un mago la nostra prodigiosa e saggia raccolta contiene: storie perfette per uscire dal mal d’amore, entusiasmanti rimedi alla tristezza profonda, letture natalizie da leggere sotto l’albero e libri antistress e antipanico. Questo sfizioso “trattato” antologico, una specie di “biblioterapia”, vi suggerirà cosa e come scegliere. Se avete bisogno di ridere, di piangere, di ricucire il cuore a pezzi, di evadere dalla realtà, di passare serenamente una domenica di pioggia, ma anche di tirarvi su di morale, di procurarvi una scarica di adrenalina, di sbollire un’arrabbiatura, tirando fuori la rabbia repressa, un libro può sempre aiutarvi. Basta capire quale! E leggere. Però se le tante idee e suggerimenti non bastano, insomma se la “malattia” persiste, allora… allora bisogna consultare il libraio.

Fabio Jonatan JessicaUn saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

4 thoughts on “Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Marzo 2016

    • Caro Lotti, essendo vecchio rinco e alquanto imbranato leggo solo ora la tua recensione al mio “Hanno ammazzato Montalbano”. te ne ringrazio, seppure con tale ritardo. Nel frattempo, sfidando il tempo l’età e i malanni, ho fondato una webzine “malacoda.eu” di cui sono fino ad ora usciti 5 numeri. forse ti interesserà darle uno sguardo (anche agli arretrati) e cercarvi cose che ti interessino. vedrai anche che parliamo di gialli e noir. e a tal proposito vorrei chiederti: a) posso recensire uno dei tuoi romanzi? e quale?; b) potrei in futuro, ovviamente citando la fonte, rilanciare alcune delle tue “letture al gabinetto”?. ti sarei grato di una risposta anche se non so proprio come mi arriverebbe. un saluto cordiale, e ancora grazie, Mario.

  1. Caro Mario
    Il tuo libro “Hanno ammazzato Montalbano” mi piacque moltissimo e lo consiglio ancora oggi. Essendo anche io un rinco e rimba più di te non so nemmeno cosa sia un “webzine” ma ti auguro tanto successo. Puoi recensire “Chi ha ucciso il campione del mondo? Scacchi e crimine” soprattutto per la parte scritta da Mario Leoncini e puoi tranquillamente rilanciare le mie letture al gabinetto quando vuoi. Grazie per la tua gentilezza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.