Il presagio (Le brevi di Valerio 164)

Anne Holt
Il presagio
Einaudi, 2017
Traduzione di Margherita Podestà Heir

22 luglio 2011. Oslo. Mentre polizie e ambulanze si dirigono a Utøya dove Breivik ha appena ucciso 69 giovani laburisti tra i 14 e i 20 anni, sta per svolgersi una festa di ragazzi e ragazze e la 43enne Johanne arriva per aiutare i preparativi, la padrona di casa era sua compagna di liceo e da un po’ l’aveva persa di vista. La trova in soggiorno col marito, ha in grembo il cadavere del figlio Sander, caduto dalla scala. C’è qualcosa che non torna, si indaga. La narrazione (in terza) tratta con acume e tragedia varie storie di violenza, concentrandosi sulle troppe domestiche subite dai minori, contro alcune delle quali non facciamo abbastanza. L’ottima norvegese Anne Holt (Larvik, 1958), laureata in legge, giornalista dal 1984, avvocato dal 1994, ministro della giustizia nel biennio 1996-97, ha pubblicato quasi una ventina di gialli, cinque per la serie Johanne Vik, il primo nel 2001. Il presagio è l’ultimo, bellissimo (originale del 2012, anche se in varie sedi si cita il 2010).

Recensione di Valerio Calzolaio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *