Lissy (Le brevi di Valerio 179)

Luca D’Andrea
Lissy
Einaudi, 2017

Inverno 1974. Sud Tirolo. La bella 22enne Marlene Taufer in Wegener, occhi blu malinconia, affascinante neo accanto alle labbra, sta derubando la cassaforte nella villa del 42enne marito Robert, potente crudele boss della zona, capo della malavita, ormai legato al temibile segreto Consorzio. Lo ha tradito pensando a Klaus, nonostante fosse pedinata ovunque. Prende gli zaffiri, ha l’inseparabile vecchio libro dei fratelli Grimm e fugge con la Fiat 130 avuta in regalo. Acquista una Mercedes W114 dallo sfasciacarrozze, però sbanda e vola fra gli alberi nella scarpata innevata. L’uomo di fede Simon Keller l’estrae viva dall’auto, la porta al secolare maso dove accudisce maiali; pulisce e ricuce le ferite, la cura con infuso di papavero; la nasconde all’ira funesta del marito che la cerca ovunque, con rabbia malvagia, con uomini di fiducia. Seconda buona prova per Luca D’Andrea (Bolzano, 1979), Lissy, in terza varia su fuggitivi e cacciatori, di ogni risma, Premio Scerbanenco 2017.

(Recensione di Valerio Calzolaio)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *