“Cittadinanze” nell’antica Roma. Volume I (Le brevi di Valerio 223)

Antonello Calore
“Cittadinanze” nell’antica Roma. Volume I, L’età regia
Giappichelli, 2018
Storia del diritto romano

Roma. Tra l’VIII e il VI secolo a.C. Riflettere sulla cittadinanza significa richiamare il rapporto giuridico fondamentale che lega l’individuo all’ordine politico e sociale, un legame che dopo la Rivoluzione Francese riguarda sia l’appartenenza (a una Nazione) che la partecipazione (a un sistema di diritti e doveri). Il modello sembra oggi entrato in crisi per ingenti flussi migratori, la globalizzazione dell’economia, il multiculturalismo delle società, il ruolo di istituzioni sovranazionali. Può essere, dunque, utile non dare per scontato il modello otto-novecentesco e verificare concezioni e pratiche più antiche. Antonello Calore (Sulmona, 1952) insegna Diritto Romano a Brescia e ripercorre con meticoloso acume l’evoluzione dello status dei cittadini romani (una minoranza dell’intera popolazione) nel periodo dei re da Romolo (753) ai Tarquini (509). Esistevano più Cittadinanze nell’antica Roma, acquisibili non solo con la nascita, mai strumento di pura esclusione e chiusura.

(Recensione di Valerio Calzolaio)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.