Viaggetto con la Polillo e company (Le lunghine di Fabio Lotti)

A ruota (gialla) libera
Così, come mi frulla per la testa. Spunti di lettura, scrittori, sensazioni, emozioni, satirette per sorridere insieme…
Viaggetto con la Polillo e company
Parto dai libri rossi della Polillo, una casa editrice che ci fa riscoprire tanti piccoli gioielli di un glorioso (a volte più, a volte meno) passato. Per esempio Se muoio prima di svegliarmi dello scrittore americano Sherwood King del 1938 che dette vita ad un film straordinario, La signora di Shanghai, interpretato dalla indimenticabile Rita Hayworth. Qui abbiamo l’ex marinaio Laurence Planter ora autista di un importante avvocato sposato a una donna bellissima. Ed ecco che gli arriva una strana e brividosa proposta dal socio dell’avvocato: dovrà fingere di ucciderlo per liberarsi dalla moglie e procurarsi una nuova identità. Come ricompensa un bel mucchio di dollaroni. Niente male ma… ma da qui nasceranno tutte le sue peripezie. Una bella storia in prima persona con il classico personaggio accusato ingiustamente di omicidio e una dark lady spietata e, allo stesso tempo, innamorata.

Se volete qualcosa di diverso dal solito personaggio umano che fa fuori altri personaggi umani, allora viene a fagiolo Il libro che uccide di William Fryer Harvey. Non aggiungo altro così vi lascio nell’incertezza se sia proprio un libro a uccidere qualcuno… Sto scherzando. Comunque un consiglio ve lo do. Occhio a Vita e morte di Mr Badman. Evitate di comprarlo!

Iniziò con un bacio, finì con un delitto di Derek (Howe) Smith, trattasi del classico delitto impossibile. Nel senso che sarà pure impossibile ma qualcuno ci lascia lo stesso le penne. In questo caso la protagonista di uno spettacolo a cui assistono (sono stati invitati con un biglietto) Steve Castle, ispettore capo di Scotland Yard, e l’amico Algy Lawrence, classico investigatore dilettante fornito di genio. Doveva essere uccisa secondo copione della scena. In teoria, naturalmente, ma non nella pratica. Il caso sembra risolto con il colpevole catturato dopo un inseguimento. Troppo facile. No, non ci siamo. E sembra che nessuno dei sospettati sia l’assassino. Caso che sta a pennello al nostro Algy.

Passiamo a Se morirò di lunedì… di Charles Barry. Una storia davvero curiosa. Si parte dalla scomparsa di Peter Perley, padrone di una agenzia ippica, il cui cadavere viene ritrovato, dopo poco più di una settimana, in una cava di sabbia. Il verdetto è “morte per assideramento.” Niente di speciale se non fosse per il fatto che nel testamento si è impegnato a lasciare il suo patrimonio secondo il giorno della sua morte: il lunedì a un nipote, il martedì a un altro e così via per i rimanenti della settimana (giuro!). Cruciale, dunque, stabilire il giorno della morte e il sospetto che dietro a questa ci sia la mano di qualche erede. Sarà compito dell’ex commissario di polizia Laurence Gilmartin a risolvere un caso davvero strano.

Un libro che sta filando via come un treno è Il delitto ha le gambe corte di Christian Frascella, Einaudi 2019. A Torino tre problemi per l’investigatore privato Contrera: ritrovare una bella ragazza scomparsa di cui si è invaghito; proteggere l’ex moglie e la figlia dalle molestie di uno stalker e riportare a casa un cinese dedito alle arti marziali. Personaggio Contrera fuori dagli schemi (però, a onor del vero, costruire un personaggio fuori dagli schemi è diventato, oggi, esso stesso uno schema): ex poliziotto, ex marito e padre detestato dalla moglie e dalla figlia, vive con la sorella, odiato dal cognato (i due nipotini, però, lo ammirano). Spulciando in qua e là ironia e sorriso tra violenza e disperazione.

Il mistero del cadavere sul treno di Franco Matteucci, Newton Compton 2019.
Già conosciuto con La mossa del cartomante, Newton Compton 2014, dove avevo incontrato, come personaggio principale, il poliziotto Marzio Santoni. Ecco che cosa avevo scritto su di lui “Ad indagare l’ispettore Marzio Santoni, detto Lupo Bianco, capelli biondi lunghi, occhi azzurri, fisico splendido e splendido naso capace di avvertire i minimi odori (mi ricorda don Attilio Verzi di Andrea Franco). Vespa 50, bianca come la neve, degli anni ottanta (e qui mi viene in mente il free lance Radeski di Paolo Roversi). Scapolo, vive in una casa con formicaio (giuro) e il topo Mignolino. Suo assistente Kristal Beretta, capelli a spazzola, occhi celestini e una gran simpatia. Supercapo Soprani invischiato in traffici piuttosto dubbi. Portatore di disgrazie al solo apparire il falco Trogolo, come in questo caso”. Ora è alle prese con la morte per malattia di una sensitiva “capace di parlare con gli alberi”. Sollecitato dalla lettera di Miss Coccoina (nome tutto un programma e non sappiamo ancora chi sia) la morte della ragazza diventa sospetta e si pensa ad un omicidio. Forse da parte dello stesso marito, insegnante di Forest Theraphy, che se la spassa con l’amante. Siamo a Valdiluce, su una montagna fiabesca, dove succederanno fatti drammatici e inquietanti che metteranno in pericolo la sicurezza, la privacy e l’intimità di ognuno. Il tutto attraverso un dosaggio equilibrato tra momenti di pathos e sorriso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.