Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Dicembre 2019

Seduto sulla tazza del water, preso da improvvisa ispirazione, mi è venuto istintivo rifare il verso ad una famosa poesia.

Ed è subito getto
Ognuno sta solo sul cuor della tazza
Trafitto da uno spasmo nel retto
Ed è subito getto.
La poesia si trova davvero dappertutto.

(Una volta a dicembre si declamavano poesie natalizie, oggi invece… o tempora, o mores! NdA)

Il pianto dell’alba di Maurizio de Giovanni, Einaudi 2019.
Avendo iniziato con il primo libro Il senso del dolore, Fandango 2007, non potevo trascurare questo che sembra essere l’ultimo della serie (stando a quel che ci fa capire l’autore). Ecco cosa avevo scritto a fine recensione “Il romanzo si svolge per storie parallele. Stile pacato, lineare, attento ai dettagli, senza troppi sobbalzi a tenere bilanciato un ritmo lento e doloroso. Spunti sul regime fascista che tendeva a coprire i lati oscuri della società “Nessun delitto, solo sicurezza e benessere di regime: così era sancito per decreto”. Qualche insistenza di troppo nel definire i contorni del commissario. Meglio se più sfumati. Un buon libro da leggere. Che avrà senz’altro un seguito. Ci potete scommettere”. Facile previsione e ricordo con piacere una mail di ringraziamento da parte dell’autore che serbo gradito nella memoria.
Al dunque. Il vento, il libeccio, non porta mai buone notizie “Nulla si muove nella testa dell’uomo, attraversata da un proiettile che ora è fermo all’interno del cervello, in mezzo al sangue rappreso, espulso dalla pistola che è nell’altra mano della donna che sogna”.
Napoli fascista, 1° luglio 1934. Il commissario Luigi Alfredo Ricciardi ce l’ha fatta, sposando Enrica, la ragazza della casa di fronte che, vedendola dalla sua finestra, gli aveva fatto tremare il cuore. Ora aspettano un figlio, maschio o femmina che sia (ognuno della famiglia ha una sua idea). Siamo di domenica primo luglio. Esce di casa “nel vento carico di sabbia” e si avvia verso la questura, ma non ci arriva. Ad attenderlo all’angolo di Sant’Anna c’è il brigadiere Maione e una ragazza che singhiozza. Un omicidio. È stato ucciso con un colpo di pistola in testa l’amante di Livia Lucani, vedova Vezzi (spasimante non ricambiata del Nostro), trovata dalla domestica Clara nel suo letto, che odora di vino, addormentata e con la pistola in mano. Un bel problema perché l’ucciso è il maggiore della cavalleria germanica Manfred Kaspar von Brauchitsch, addetto culturale del consolato tedesco (aveva chiesto in passato la mano di Enrica). Guai politici in giro che arriva la polizia politica (appunto) a prendere in mano le redini dell’inchiesta. E Livia e Manfred spariscono…
Ma Ricciardi non demorde, aiutato dal generoso dottor Modo (antifascista) con il suo cane e dal citato Maione (ottima forchetta). Dalle indagini, svolte con accurata discrezione, viene fuori che Manfred era stato coinvolto nella famosa notte dei lunghi coltelli, per mezzo della quale Hitler fa fuori le SA di Rohm. Di mezzo c’è pure l’OVRA fascista ed un tizio “coi capelli grigi, profumato di lavanda”: Falco. Il delitto è solo una montatura per incastrare Livia.
Al centro della storia, naturalmente, il nostro commissario, non più chiuso e introverso come nel passato, ma ora marito gioioso, deciso ad andare fino in fondo sfruttando tutte le occasioni con l’apporto dei suoi fedeli compagni di viaggio. Al centro, sempre comunque, con la sua “maledizione”, il Fatto, le terribili visioni e le voci dei morti che lo perseguitano (anche Enrica ne è al corrente), e la paura che possa essere trasmesso al nascituro.
Personaggi ben ritagliati a partire dalla cara e sensibile moglie per continuare con la giovane, granitica governante Nelide (addirittura parteciperà, a suo modo, all’indagine), l’amica ricchissima Bianca Borgati ancora attratta da Ricciardi, al femminiello Bambinella… Personaggi con le loro particolari caratteristiche che spingono talvolta al sorriso, i loro dubbi, gli errori, i sensi di colpa, il passato che riemerge improvviso, ma anche con la forza genuina dell’affetto e della determinazione. Insieme ad altri scaltri, ambigui, a spie senza scrupoli tramanti biecamente nell’ombra.
Una parte importante spetta all’Amore nelle sue varie e diverse sfaccettature. Amore ricambiato e respinto, le gioie e le sofferenze dell’amore, l’amore che si trasforma in forte amicizia ma “quando il vento cambia diventa un veleno. Si insinua nelle teste, altera gli equilibri”. Allora arriva la disperazione di una vita frustrata, il tradimento, la vendetta. Arriva la morte. In una Napoli vista nei suoi vari e molteplici aspetti, dai “bassi” vocianti e maleodoranti alle silenziose magioni dei ricchi.
La scrittura di Maurizio va via leggera e fluttuante, inframezzata da qualche spunto in dialetto, talvolta attraverso un picchiettare, un vibrare continuo sulla stessa parola (che sia il “vento”, l’”anno”, la “paura” o una intera frase) per approfondire sensazioni o concetti. Per esplodere come in un crescendo di una sinfonia. Un bel noir sentimentale dentro una ingrovigliata spy-story, senza cadere nella melassa del sentimentalismo. L’ultimo capitolo del nostro Ricciardi come adombrato nel sottotitolo del libro? Vedremo…

Peccati immortali di Aldo Cazzullo e Fabrizio Roncone, Mondadori 2019.
Roma. Tutto ruota attorno ad un cellulare. I tempi sono cambiati. Oggi negli abiti dei morti non si trovano più lettere od oggetti compromettenti, ma questi moderni arnesi di comunicazione. Come il cellulare nella tasca della giacca del cardinale Michelangelo Aldovrandi, “ritrovato a Porta Sant’Anna, steso sul sedile posteriore dell’Audi nera”, volato tra le braccia di Lucifero durante un’orgia, che contiene delle foto assai “pericolose” anche per il leader del nuovo Popolo dell’Onestà (vedi i Cinque Stelle).
Cellulare che passa da una mano all’altra, partendo da quelle della suora Remedios (attendente del cardinale) a cui viene rubato, in una Roma vista nei suoi molteplici aspetti dai bassifondi delle periferie, dai campi rom della mala nigeriana ai palazzi del potere e della Curia, dalla povertà dei miserabili alla ricchezza ostentata dei benestanti. Dove danzano giulivi sesso, droga, brutalità, tradimento, sfruttamento, ricettazione, intrallazzi, violenza, brama di potere e chi più ne ha più ne metta. E dove si può trovare una caterva di personaggi politici e altri famosi di vario genere (attrici, attori, sportivi e via discorrendo) proprio al momento attuale dell’alleanza Pd-Popolo dell’onestà. Molti alla ricerca del cellulare, pronti ad uccidere per averlo che potrebbe mettere in crisi il governo e lo stesso Vaticano. Due nuovi investigatori sulle sue tracce: la citata Remedios e Leone Di Castro, detto Grigia, antiquario e già agente dei servizi segreti, esuberante in carne e votato alla pasta, che devono svolgere il lavoro a favore di un altro cardinale.
Intrighi, sussurri, paure, sorrisetti ambigui, veleni, citazioni colte, rivisitazioni storiche, colpi di scena, mangiate e bevute in trattoria. Non manca niente in questo magma di sordide situazioni, in questo tourbillon di sorprese tra personaggi di ogni risma, dagli sfigati maneggioni a quelli che si sentono, addirittura, invincibili. Immortali.
Scrittura veloce, tambureggiante, spesso grottesca, cruda e cattiva ma anche ironica, tesa al sorriso, intrisa di dialetto romano e raccolta in capitoletti brevi da buttare giù in un sorso. Un viaggio fantapolitico, assurdo e realistico, un viaggio tenebroso all’esterno e all’interno dell’uomo (dal killer al grande porporato) dove ogni tanto si accende una piccola luce nel buio più profondo. Una lacrima. Uno spiraglio di umanità. Uno spiraglio d’amore.

Cinquanta in blu di Costa, Malvaldi, Piazzese, Recami, Robecchi, Savatteri, Simi e Stassi, Sellerio 2019.
Otto racconti per festeggiare i cinquant’anni dalla fondazione della Sellerio della collana “La memoria”. Ogni autore ha scelto un libro tra i millanta del catalogo e lo ha proposto come elemento fondamentale, con motivazioni diverse, della storia.
Ci si può trovare di tutto in questi racconti. Anche l’“hikikomori”, ovvero il “ritiro sociale” da una società diventata troppo competitiva. È ciò che capita al figlio di un avvocato che si presenta al biblioterapeuta Vince Corso (consiglia la lettura di romanzi contro l’infelicità) per un aiuto. Il figlio si è chiuso in se stesso e non esce più di casa. L’avvocato piange, si dispera. A far capire il problema c’è già il libro di Gesualdo Bufalino La luce e il tutto che comprende il racconto L’isola plurale. Sorpresa finale.
E possiamo impattare una strana storia di cartoline. Cartoline abbandonate di qua e di là in una azienda di famiglia (ditta di mobili). Chi le dissemina? Perché? Una bella gatta da pelare per Carlo Monterossi chiamato a risolvere il mistero, ma viene a fagiolo Un uomo muore solo di Hans Fallada dove c’è un tizio che dissemina cartoline postali a Berlino durante la Resistenza contro il Reich. Allora serve solo una mappa dell’azienda per sciogliere l’enigma…
Oppure si parte con nonno Ampelio di Massimo Viviani che ha il diabete, e si continua con il prof. Castellani che si è gettato dalla finestra della sua stanza d’albergo (così sembra) nella quale niente computer e niente cellulare. Era un esperto di testi scritti e doveva tenere una conferenza, insieme ad un ex compagno di Massimo, al congresso “Structures in Languages” sull’identificazione di Geoffrey Holiday Hall, autore del capolavoro The End is Known, e, addirittura, deporre in un importante processo negli Stati Uniti. Ma qualcosa non quadra per Massimo e la fidanzata vicequestore Alice Martelli. Prima di tutto le conseguenze della caduta che non convincono e poi ecco una serie TV americana tratta proprio dal libro…
Aggiungo un plico in busta bianca portata al prof. Lorenzo La Marca che racconta in prima persona. Contiene il libro La vera storia di Salvatore Giuliano di Ignazio Buttitta. Firmato Bianca C, da parte di suo padre. Perché? Per quale scopo? Un mistero da svelare insieme a Michelle “medico di morti ammazzati”. Via, dunque, alla ricerca di chi ha portato il plico. Tra succosi piatti culinari una storia, una vecchia storia di un carcerato al quale era stato insegnato cos’è un giallo…
E poi Milano. Tempi movimentati per Amedeo Consonni. Ci sono da pagare le spese per il prossimo matrimonio della figlia Caterina e le solite urla provenienti dall’appartamento numero 15. E c’è l’appuntamento con una nuova cliente, la signora Cioppi-Casigli-Mori. Deve risistemare certi divani che, secondo lui, non avrebbero bisogno di nessuna sistemata. Ma se insiste le farà avere un preventivo. In un cuscino trova un collier voluminoso di smeraldi che vale una fortuna. Dubbi, pensieri. Occorre una ricerca per capire la strana situazione e viene a fagiolo un “volumetto sulla storia delle famiglie nobili della zona.” Mentre qualcosa di brutto succede nell’appartamento numero 15…
Da Milano a Erice, Sicilia. Saverio Lamanna a un funerale. Capisce che il morto era un avanzo di galera e ripensa ad una busta gialla consegnatagli dall’amico Peppe Piccionello, ovvero il “solito manoscritto del solito scrittore in cerca di pubblicazione”. Si tratta di una storia che ricalca proprio quella del morto, di uno che è stato incastrato e si uccide. Una storia triste, di malagiustizia. Poi al Salone di Torino tra diversi famosi scrittori. C’è il problema della “copiatura” dei libri, ovvero del “calco” di un altro in modo da… insomma come in un racconto di Borges “Pierre Menard, autore del Chisciotte”…
Arriva il ricordo, il ricordo di un libro, ovvero di Assassinio al Comitato Centrale di Manuel Vásquez Montálban regalato, da chi racconta la vicenda, a Oberdan Danesi. Storia di quest’ultimo che ora comanda lo yacht di un imprenditore italo-maltese. E colpo di scena finale, riguardante le 58 persone di migranti dell’Esmeralda trattenute in mezzo al mare, dove ritroviamo proprio Oberdan. Che ci fa sulla nave? Cosa vuole?…
Infine il poliziotto Angela e Storie e cronache della città sotterranea di Salvo Licata. Il suo incontro con Elina, vittima della Palermo nera. La vicenda narrata nel libro è quella di Assunta, una prostituta come la madre della stessa Elina. Storie antiche, storie di donne che volevano sfuggire al loro destino e alla loro miseria con gli orchi a sbarrar loro la strada.
Otto racconti che, come dicevo all’inizio, prendono spunto da un libro. Otto racconti diversi, in diverse città e contesti sociali con finali talora sorprendenti. Storie ben costruite, personaggi perfettamente sbozzati, tra cui gli inseparabili pupilli degli autori. Ci si può trovare di tutto: metamorfosi di una persona, scambio di equivoci, la forza del dubbio, emigrazione, malvagità, truculenza e romanticismo, angoscia, paura, ironia, sorriso, letture, citazioni (a volte qualche abuso), buona cucina, moventi, inganni, incomprensioni, malagiustizia… Insomma la vita, insomma l’uomo visto attraverso molte delle sue diverse sfaccettature. Con la scrittura tipica di ogni autore sempre gradevole ed efficace.
P.S.
Porc… mi sono dimenticato i titoli dei racconti abbinati agli scrittori! Leggendo il libro li troverete da voi.

“Ma non credo, signor Constable, che voi cenerete stasera”. L’altro si rizzò nella poltrona. “Non cenerò? Perché diavolo non dovrei cenare?”. “Perché non credo che a quell’ora sarete ancora vivo” disse semplicemente Pennik. E Pennik è il personaggio su cui ruota Lettore, in guardia! di Carter Dickson, Mondadori 2008.
Pennik, una specie di mago che sembra abbia poteri stupefacenti: leggere nel pensiero e servirsi di onde psicocinetiche capaci di uccidere. Insomma il padrone della Teleforza. E, guarda un po’, questo signor Sam Constable ad arrivare a cena proprio non ce la fa.
Ma il personaggio principale, come succede spesso nei romanzi di Carter Dickson, è Henry Merrivale, il Vecchio, capo del controspionaggio militare e investigatore a tempo perso. Ci mette un po’ ad arrivare, precisamente al capitolo ottavo, ma quando arriva si fa sentire. Se Gideon Fell, la sua creatura più famosa, pare modellata sulla figura di Chesterton (23 racconti), quella di di Sir Henry Merrivale ha molte somiglianze con Winston Churchill (22 opere). Ecco una descrizione “Movendo gli occhiali su e giù sul naso, sir Henry Merrivale sbirciava alternativamente Sanders e l’ispettore. Di tanto in tanto, come muoveva il corpaccione sull’ottomana, la polvere accumulata nelle tende sovrastanti gli cadeva sulla testa calva, e allora lui guardava in su e imprecava”. Ma non solo impreca. Mi sono divertito a sottolineare il modo con cui si esprime: sbuffa, grida, ringhia, accentua il broncio, esorta, si scuote, si acciglia, grugnisce, scuote il capo, trasalisce, brontola, emette un ruggito, ordina secco, ha l’aria chiusa e ostinata. Una specie di belva chiusa in gabbia. Una grossa belva dalla mascella quadrata con un pancione “ornato da una gran catena d’oro che doveva servire a sostenere l’orologio” e che lo precede “Maestosamente come la polena di una nave”. Inutili le cure dimagranti. Fuma da una pipa annerita e, da altre avventure, sappiamo che è un bel bevitore e un gran sottaniere. E questo ce lo rende ancor più simpatico.
Inutile fare l’elogio di Carter Dickson, alias John Dickson Carr (vero nome), alias Carr Dickson, alias Roger Fairbairn. Tutti (o quasi) conoscono la sua perizia stilistica, la sua bravura nel concertare e sviluppare gli intrecci (talvolta fin troppo ingegnosi) e rendere credibili e veri i personaggi. E anche Lettore, in guardia! conserva intatte tali peculiarità.
Oggi sembra che sia tornato di moda con le pubblicazioni della Mondadori e della Polillo (qua un piccolo ritratto). E questo non può che essere un bene. Non solo per gli appassionati del giallo classico ma per tutti i lettori.

I Maigret di Marco Bettalli

Maigret del 1934
Sorprendentemente, troviamo Maigret, in una fredda mattinata di febbraio, in pensione nella sua casetta nella Loira, con la signora Maigret che prepara marmellate (il pensionamento nasconde, a quanto pare, un tentativo di Simenon di liberarsi del suo ingombrante personaggio). È in effetti il primo romanzo, di pochi, nel quale il commissario ha terminato la sua carriera e si gode la vita in campagna, leggiucchiando il giornale, pescando al fiume e giocando a carte, oltre che, ovviamente, mangiando i manicaretti della instancabile moglie. A richiamarlo a Parigi è una disavventura occorsa al nipote, anche lui poliziotto ma molto più tonto dello zio. Segue una storia piuttosto divertente, tutta imperniata sulle difficoltà di Maigret, frenato nell’inchiesta dal suo status, e sulla sua presenza ingombrante al Quai des Orfèvres, con Lucas che cerca di aiutarlo. La storia, di per sé, come spesso accade non è straordinaria: ambientata come tante nei locali notturni di Montmartre, è da ricordare soprattutto per la figura del protagonista e deus ex machina Cageot, freddo, impenetrabile, quasi privo di anima, che ingaggia con l’ex-commissario un duello senza sangue versato, che si conclude con un macchinoso trucchetto “tecnologico” della cui verisimiglianza sarebbe lecito dubitare. Ma a chi può importare? Un’ultima noterella: perché questo titolo incongruo? Maigret e il nipote ingenuo, come in alcune traduzioni italiane, sarebbe già meglio.

I sotterranei del Majestic del 1942
Bello per almeno due motivi: la descrizione meravigliosa di un mondo sommerso e misterioso, quello dei sotterranei di un grande albergo parigino (nella realtà il Claridge), nel quale vivono e lavorano centinaia di impiegati, camerieri, contabili, cuochi, intenti a soddisfare le richieste continue del bel mondo che alloggia nelle costose camere dei piani superiori; e per la storia gialla che, una volta tanto, ha un certo interesse e non è del tutto scontata o inutile, sia pure con qualche insensatezza (la seconda persona uccisa: perché uno che scopre il colpevole di un delitto deve andare dall’assassino a comunicargli che la sua coscienza gli impone di andare alla polizia? Ci vada, e stia zitto; verrebbe da dire che se l’è meritata, la sua triste sorte…). Quanto al resto, un Maigret in gran forma spadroneggia e, come sempre, mostra intolleranza per i ricchi e una grande tenerezza e comprensione per la povera gente, giungendo fino a mettere delicatamente in mano a una puttanona in crisi di astinenza una bustina di droga frutto di una recente retata. Il colpevole, invece, e non per la prima volta, è uno rimasto nel mezzo: un piccolo borghese sfortunato che cerca di truffa in truffa di sollevarsi dalla sua condizione. Maigret gente del genere proprio non la sopporta… (v. nr. 15 e 35, per esempio).

Spunti di lettura della nostra Patrizia Debicke (la Debicche)

Via del riscatto di Mariolina Venezia, Einaudi 2019.
Arriva la serie televisiva (prima puntata 22 settembre) ed esce in libreria la quarta (e mi sento di dire, senza tema di smentita, geniale) avventura di Imma (Immacolata) Tataranni, una specie di “amazzone” della Basilicata, armata di codice penale invece che di spada, scritta da Mariolina Venezia. Sì e sì, torna proprio lei, la dottoressa Tataranni, sostituto procuratore di Matera, quarantacinque anni, alta uno e un barattolo (a conti fatti uno e cinquanta), mente fina, naso a patata, capelli crespi color ruggine “sparati”, che continua a muoversi in lungo e in largo arrampicata sull’immancabile tacco dodici – e qualche volta le capita di spiaccicarsi rovinosamente a terra. E i vestiti poi. Ossignore, di sicuro non un figurino di moda perché le sue scelte e gli accoppiamenti di colori sono, ehm, a dir poco rivoluzionari. Secondo sua suocera, poi, addirittura Imma è “la donna peggio vestita di tutta la provincia”. Comunque, ve l’abbiamo ripresentata in tutta la sua poliedrica eccentricità e tutte le sue peculiari caratteristiche. Imma Tataranni anche stavolta è l’insuperabile protagonista che fastosamente, al di là della macchietta, diventa un personaggio che conquista il lettore, lo fa sorridere – ma ricordiamoci che quando c’è di mezzo un delitto e intrallazzi e soperchierie varie, magari anche riflettere – e lo costringe per forza ad andare avanti. Per scoprire come funziona la storia, sempre rigorosamente giallotragicomica, e soprattutto per scoprire comunque come andrà a finire.
Ma intanto andiamo a dare un’occhiata a cosa succede: scenario Matera medievale avvolta nel freddo bubbone di un pomeriggio di febbraio, Imma obbligata ad andare in giro per il centro storico con tutta o quasi la sacra famiglia del marito, più ospiti in vena turistica. E un botto rompe il silenzio, uno sparo? Imma si sa, non può resistere, deve dare un’occhiata, e nell’intrico dei vicoli medievali incrocia fugacemente una donna impellicciata che si dilegua subito inghiottita dalla nebbia che si sta alzando. Ma il giorno dopo in procura arriva la notizia: in  un palazzo vicino a via del Riscatto – il famoso palazzo Sinagra, che ha vissuto secoli di passati splendori ma ora è in vendita – nell’inquietante stanza rossa con dipinti alle pareti che raffigurano i vizi capitali, è stato ritrovato il cadavere di un agente immobiliare, Antonello Ribba, ucciso con un colpo di pistola al cuore. Il palazzo gode di sinistra fama. Lo si dice addirittura frequentato dai fantasmi. Chi l’ha ucciso? Imma Tataranni si fa assegnare il caso e lo porta avanti più scatenata, insofferente e peggio vestita che mai…

Il lupo nell’abbazia di Marcello Simoni, Mondadori 2019.
Marcello Simoni ci sorprende piacevolmente una volta di più con un colto e raffinato romanzo di ritorno al Medioevo. Ma all’Alto medioevo stavolta, che ci presenta, avvolto nella carta regalo, con una trama gialla da manuale, un misterioso e ineccepibile enigma della camera chiusa, un rebus che riesce a integrare al meglio verità e finzione. Siamo nell’832 in Assia, nel colmo di un gelido inverno che attanaglia l’abbazia benedettina imperiale di Fulda. Un momento difficile per il Sacro Romano Impero voluto da Carlo Magno, sconvolto da lotte intestine.
La terza di copertina recita solenne: «Anno Domini 832. Sorpreso da una violenta bufera di neve, un contingente armato dell’imperatore Ludovico il Pio trova riparo presso l’abbazia benedettina di Fulda, nel cuore dell’Assia. Riprendere il cammino è impossibile: le vie che collegano Magonza a Erfurt sono impraticabili, e ancor più pericolose paiono le selve nei dintorni. L’incondizionata ospitalità offerta agli armigeri dall’abate…»
Un romanzo profondamente realistico, immerso in un gelido inverno che condanna gli abitanti dell’Europa del nord nel mese di dicembre a lunghe ore di buio rotto appena dal chiarore delle torce per i viandanti in arrivo e alla luce delle lanterne e delle candele i frati che operano laboriosamente nell’Abbazia, con le finestre sigillate da tende di pergamena, trattata con grasso per renderla impermeabile e abbastanza adatta a mantenere il calore. Non troverete un errore e neppure la più piccola sbavatura nell’eccellente ricostruzione storico-ambientale di Marcello Simoni. E il suo lupo nell’Abbazia approfitta della sacralità di uno scenario religioso che godiamo appieno nei particolari e minuziose abitudini e che sia per l’atmosfera, sia per la suspence che sprigiona, ci rimanda al grande Umberto Eco. Le imponenti mura che racchiudono il complesso abbaziale, lo scriptorium, magico regno degli amanuensi e dei miniaturisti, il lungo dormitorium con le sue celle dei monaci, la colombaia, indispensabile rifugio per i piccioni latori o portatori di messaggi, la contigua Villa Fuldensis, il povero villaggio satellite dell’Abbazia con i suoi abitanti, la splendida chiesa di Saint-Michael e la sua misteriosa cripta dai tanti cunicoli segreti, le porte di accesso, ricreano un indispensabile scenario perfetto per la narrazione gialla di Simoni…

Dare e avere è il quarto capitolo che Novelli & Zarini, Fratelli Frilli 2019, dedicano al loro protagonista Michele Astengo, l’uomo dal Borsalino, il cappello portato da tanti grandi attori cinematografici. Gli anni aumentano e con gli anni anche i fili bianchi della barba, l’unica cosa che cala invece è il conto in banca. Finiti i benefici del caso Argentero, ormai il nostro è quasi agli sgoccioli in attesa di nuova linfa e quindi: cinghia stretta. Ex poliziotto, ex marito, riciclatosi a investigatore privato, gode del vantaggio di un ufficio di rappresentanza nel palazzo Doria Danovaro, ereditato alla morte di un munifico zio. Quindi Palazzo avito, sede di prestigio dominata da fastosi stucchi d’epoca ma arredata con mobili stile Ikea. Dimenticavo, Astengo condivide l’ufficio con la bella Dalia, suo braccio destro e segretaria. Lei lo ama, cerca di scalfire la sua dura scorza, vorrebbe essere qualcosa per lui, magari mettere in piedi una relazione, ma lui la ignora crudelmente. Preferisce vegetare in una vita volutamente avulsa da inutili complicazioni, tipo quelle che considera rischiose, di cuore. Vivacchiare pigramente insomma. Stavolta è immerso in una calma piatta, neppure rotta da qualche inchiesta di routine. Rifiuta con sdegno persino i tentativi di Delia di incastrarlo a tradimento con una esotica atmosfera di tango e il dono di una rosa rossa. Ma, anche se Astengo non lo sa, alcuni punti fermi della sua vita stanno per cambiare. La sua abulia verrà forzosamente scossa a seguito di un tragico e spaventoso fatto di cronaca, un drammatico ed esibizionistico suicidio avvenuto a pochi passi dal suo ufficio in Salita San Matteo che, in poche ore, è diventato virale sul web…

Le letture di Jonathan

Cari ragazzi,
ecco a voi Diario di una schiappa. Una vacanza da panico di Jeff Kinsey, il Castoro 2018.
Questa volta il povero Greg si ritrova ad affrontare una vacanza da panico. Lui desidera tanto trascorrerla davanti ai videogiochi sgranocchiando patatine, però la mamma non la pensa allo stesso modo. Allora partono con l’aereo per l’“Isola de Corales”, un villaggio tropicale. Naturalmente a Greg tocca il posto più brutto dell’aereo, in mezzo a una famiglia composta dai genitori e un bambino piccolo che piange sempre. Al villaggio si ritrova ad affrontare molte avventure più o meno pericolose: dovrà lottare con un ragno gigante, dovrà sopportare le lamentele di suo padre per il mal di pancia, si ritroverà a bere un enorme quantità d’acqua perché perderà il boccaglio durante un’immersione e tante altre…
Dunque, cari lettori, cercate di aiutare la povera Schiappa durante le sue avventure!!!

Un saluto e Buone Feste da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

1 thought on “Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Dicembre 2019

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.