Giorno della Memoria: “Dovrei essere fumo” di Patrick Fogli

dovrei essere fumoOggi è il Giorno della Memoria, la giornata in cui si celebra il ricordo delle vittime dell’Olocausto e dei “Giusti fra le Nazioni”, cioè coloro che hanno rischiato la vita per proteggere, o tentare di proteggere, i perseguitati dal nazismo.

Sull’argomento suggerisco la lettura del recentissimo Dovrei essere fumo di Patrick Fogli (edizioni Piemme, anche in ebook a prezzo accessibilissimo).

Alberto Corini, ex agente dei corpi speciali in cerca di una nuova, vera identità, benestante e disorientato, riceve l’incarico di proteggere un anziano in fin di vita ricoverato in una clinica di lusso, incarico che dovrà svolgere per conto di un misterioso e danaroso cliente. Chi sia il vecchio, chi sia il cliente, perché Alberto sia lì, a fare sorveglianza notturna in preda ai suoi fantasmi di guerra e violenza, è la storia che si dipana sotto gli occhi del lettore, a capitoli alterni tra passato e presente, legati tra loro da un misterioso quaderno azzurro.

…Un pomeriggio venne a trovarmi un compagno di studi, abitava nella via accanto, dall’occupazione non l’avevo più visto. Ci sedemmo in cucina e mi raccontò che un’amica di sua sorella, una ragazza che conoscevo bene e a cui aveva fatto una corte spietata, era stata uccisa da un gruppo di soldati. L’avevano presa davanti a casa, caricata su una camionetta, violentata a turno e picchiata e alla fine uno di loro le aveva sparato in testa, subito dopo averla scaricata davanti al portone. Abbiamo fatto un’opera di bene, aveva detto, in un francese stentato,  ma comprensibile. Lo dissi a mio padre, decidemmo di non dire nulla alle donne di casa, che sentivano comunque le stesse voci che arrivavano a noi, e riuscimmo a farci promettere che non sarebbero uscite da sole, una recita che fingeva protezione e non consolava nessuno. La nostra vita, quella di tutti, non valeva nulla, se fosse capitato a una di loro, saremmo soltanto morti insieme.
Arrivarono una dopo l’altra una serie di regole e leggi a cui non potevamo sottrarci. Aver ceduto la fabbrica prima dell’occupazione ci evitò l’obbligo di svenderla, ma fummo lo stesso censiti e scoprimmo che era stato emesso uno speciale statuto per definire che cosa si dovesse intendere per ebreo e in quali categorie dovevamo essere divisi, a seconda della nazionalità o dell’utilità economica. Eravamo esclusi dalle cariche pubbliche, dalla stampa, ogni diritto civile era abolito, non eravamo più niente.
Fu allora che scoprii che l’essere umano fa l’abitudine a tutto.
Pur in quelle condizioni, schiacciati, sfruttati, in costante pericolo di vita, eravamo riusciti a costruirci un’esistenza alternativa. Eravamo insieme, tutti, e nella nostra casa, ancora una famiglia, sicuri che la tempesta sarebbe passata, che bastasse attendere a testa bassa per uscirne vivi e ricominciare. I nostri nuovi padroni ci odiavano, ma in casa eravamo al sicuro. Nessuno poteva farci niente dentro casa.
Era nostra, soltanto nostra.
Ma non sarebbe durata.

Sul blog di Patrick c’è un percorso guidato alla lettura del libro, racconta retroscena e suggestioni; recensioni, commenti, tutto ciò che riguarda il post-edizione può essere seguito cercando l’hashtag #dovreiesserefumo su Pinterest e su Twitter.