La ragazza sbagliata di Giampaolo Simi

Giampaolo Simi
La ragazza sbagliata
Sellerio, 2017

Dopo Cosa resta di noi, vincitore del Premio Scerbanenco del 2015, Giampaolo Simi torna in libreria con La ragazza sbagliata.

Oggi mi è chiaro: sotto la minaccia che tutto crollasse, niente cambiò nel senso in cui avevamo sperato. Mi è chiaro proprio mentre mi ritrovo da solo, in un appartamento ormai quasi vuoto, a scrivere quello che doveva diventare il mio libro sensazionale sul caso Calamai.
Doveva. Perché si è trasformato nel racconto di come invece è stata la mia vita a crollare e a cambiare per sempre.
In una settimana.

Ecco a voi Dario Corbo: giornalista licenziato in tronco e senza troppe spiegazioni dal settimanale di “nera” Chi è stato? che ha diretto per anni; una casa in affitto a Monti, che sta per lasciare; una separazione pesante, il figlio che rimane con la madre; insomma, un momento di grossa crisi. La tregua sembra arrivare con la richiesta di scrivere, dietro lauto e quantomai provvidenziale compenso, un instant book su un succulento caso di cronaca: il rilascio, dopo quasi vent’anni di carcere, di Nora Beckford.
Il caso Beckford è il primo caso che Corbo, giovane cronista versiliese, aveva seguito per il quotidiano La Costa, ventitré anni prima: tutto era iniziato con la scomparsa di Irene Calamai, la mattina del 7 luglio 1993. Irene era andata alla festa di Nora, figlia scapestrata dell’architetto Thomas Beckford, era stata vista litigare con Nora e andare via sul suo scooter, dopodiché se ne erano perse le tracce. La studentessa brava e senza grilli per la testa era stata ritrovata, morta, dopo qualche settimana. Corbo era stato tra i più accesi colpevolisti nel processo, prima mediatico e poi giudiziario, che aveva visto come unica imputata Nora Beckford. E adesso Nora sta per essere rilasciata e tornerà a Marina di Pietrasanta, dove verrà inaugurata una mostra dedicata al suo (nel frattempo defunto) padre.
Il fatto è che l’editore vuole un diverso punto di vista sul caso Beckford. Il libro dovrebbe insinuare nei lettori il dubbio che la Beckford non fosse colpevole.
Corbo decide di tornare sul luogo del delitto per trovare qualche spunto, qualche indizio che gli permetta di smontare il vecchio caso e darne una lettura differente. Dapprima molto scettico, poi sempre più coinvolto, perennemente al verde, nell’arco di una settimana intensissima (la seconda settimana di agosto del 2016, lungo la quale si svolge il romanzo) si troverà a fare i conti col passato personale e professionale e a rimettere tutto in discussione.

Finale sorprendente.

Calce viva sui sogni morti. Perché i nostri sogni ci dovrebbero sopravvivere? Solo per diventare gli incubi di qualcun altro? Calce viva. È questo che hanno passato sui nostri anni migliori, Irene. Tu non hai vissuto abbastanza per capirlo, ma è questo che ci hanno fatto.
Noi siamo rimasti vivi, qua nel mondo, e abbiamo bruciato, ci siamo consumati, senza neanche risplendere.
Parlo di noi che non abbiamo scavato un muro fino a perdere le unghie, noi che abbiamo camminato liberi per tutti questi anni. A differenza di te e di Nora, noi abbiamo solo continuato a illuderci. E a credere di avere, fin dalla nascita, quel famoso diritto uguale e intangibile a decidere del nostro destino.

Ci sono romanzi alchemici in cui gli elementi si combinano in modo unico. Il piacere della lettura veloce e godibile, tipica del giallo – soprattutto per me, ma so di essere in buona compagnia nell’amore per questo genere – si combina con la densità dei contenuti. Alla conclusione della storia, verso il finale disvelatore, si arriva mentre si legge altro, anche molto altro.
E dunque alla storia di questo giornalista di mezza età, con qualche fallimento e qualche delusione addosso, che riflette amaramente sul ruolo della stampa e di internet nell’informare e disinformare il pubblico, si aggiunge una vicenda del recente passato, che per i più giovani è storia: la bomba di via dei Georgofili, la strategia della tensione che ha sconvolto l’Italia nei primi anni Novanta.
Ieri e oggi si intrecciano nelle pagine di La ragazza sbagliata. Ieri Falcone e Borsellino, oggi un cold case da risolvere e una donna da salvare.

Con Giampaolo Simi parleremo di La ragazza sbagliata domenica 8 ottobre a Perugia, nell’ambito della manifestazione UmbriaLibri

Non ti faccio niente di Paola Barbato

Paola Barbato
Non ti faccio niente
Piemme, 2017

Nell’arco di sedici anni, a cavallo tra gli Ottanta e i Novanta, alcuni bambini (molti, si scoprirà) sono stati rapiti. Si è trattato di rapimenti brevi (qualche giorno, meno di una settimana) e nessuno di loro ha mai riportato danni. Anzi, tutti sono tornati a casa ben vestiti, ben nutriti e senza aver subito alcun tipo di violenza. Contenti, quasi. Solo che, a differenza di quel che accade oggi, non c’erano database, gli inquirenti non incrociarono subito le informazioni e i rapimenti erano avvenuti qua e là per l’Italia: bisognerà attendere il sesto o settimo caso perché un investigatore più attento degli altri realizzasse che dietro ai vari rapimenti c’era un’unica mano. Una mano gentile, che tratta bene i bambini e li restituisce dopo qualche giorno alle famiglie terrorizzate. Talmente terrorizzate che solitamente, al ritorno la vita dei bambini migliorava sensibilmente: vuoi perché le forze dell’ordine, la stampa, gli assistenti sociali li tenevano d’occhio; vuoi perché gli stessi genitori, messi davanti all’orrore della perdita, modificavano comportamenti dolosamente o colposamente distratti, i piccoli rapiti, una volta tornati, sperimentavano un modo più piacevole di stare in famiglia. Questo, si sarebbero detti, se solo si fossero parlati tra loro. Ma i bambini, ormai adulti, non si sono mai incontrati. Non ce n’è stata occasione né motivo. Non c’è mai stato il processo, in qualche caso forse non c’è nemmeno stata una denuncia, e il rapitore, di punto in bianco, ha smesso di colpire. Quel rapitore mai catturato, quel caso dei bambini rapiti è il grande cruccio di Giuseppe Cardinali, poliziotto ormai in pensione.
Il tutto potrebbe sparire nelle pieghe della memoria senonché un giorno la piccola Greta, figlia di Remo Polimanti, viene rapita. Remo è uno dei piccoli rapiti degli anni Ottanta. Non ha ancora realizzato appieno il significato della scomparsa della figlia quando la bambina viene ritrovata. Morta.
E non è l’unica: altri due bambini, di recente, sono stati vittime di incidenti più o meno sospetti, ed entrambi erano figli di ex rapiti. Non si conosce il motivo, ma si intuisce che ancora una volta il disegno criminale è il medesimo, e stavolta non ha niente di positivo. A questa conclusione arriva Giacomo, uno degli ex rapiti che, ossessionato dalla sua vicenda personale (e anche da tante altre cose), già da anni si è messo in cerca degli altri rapiti, seguendone le tracce sul web. Giacomo contatta Daniele, e insieme iniziano una corsa contro il tempo per rintracciare tutti i piccoli ex rapiti. Cooptano altri due di loro, due donne, Bianca e Mariangela: i “non genitori” si mettono in cerca di quelli “con figli” per avvisarli del pericolo.

Anche le forze dell’ordine si attivano ma, per deformazione professionale, iniziano a cercare il vecchio rapitore, convinti che dietro i casi di adesso ci sia la stessa persona di allora.
Niente di più sbagliato, come il lettore apprende presto, perché il vecchio rapitore, ancora vivo, non è più in condizioni di nuocere. Rintanato in un casale di un paesino sperduto, vive ormai quietamente tenendo a bada i vecchi fantasmi. Basta poco per far franare il precario equilibrio conquistato in anni di isolamento. Lo sa bene Nives, la donna che, con pazienza, gli sta accanto da anni.

La monumentale caccia all’uomo che si snoda per mezza Italia, e che vede i buoni sempre un passo indietro rispetto al cattivo, lascerà sul campo morti e feriti. Amaro il finale.

Raccontato in terza, Non ti faccio niente è una monumentale ragnatela che si snoda tra passato e presente attraverso le vite di decine di personaggi. Ci sono gli investigatori, di allora e di ora; ci sono i cattivi; ci sono soprattutto i piccoli rapiti, le loro famiglie di origine e le famiglie attuali, quelle che hanno formato nel tempo.
Tutto ruota intorno all’evento che ha segnato ciascuno di loro, quei pochi giorni trascorsi in compagnia del loro rapitore di cui ognuno ha conservato un ricordo diverso. Quell’evento ha segnato il loro futuro: quello di essere finalmente accuditi, dopo essere stati maltrattati, o anche solo ignorati, da genitori distratti o assenti.
Ci sono una miriade di motivazioni e di ragionamenti che stanno dietro a ognuno di loro, e ci sarà un motivo se Remo è diventato padre di famiglia mentre Daniele ha scelto di non avere relazioni, se la bellissima Bianca ha deciso di farla finita mentre la bruttina Mariangela è assessore nel comune in cui risiede.
E poi c’è Vincenzo, che li ha salvati non potendo salvare se stesso. E che anche a distanza di anni sente forte il peso della responsabilità per quei piccoli “prescelti”.

Emozionante fino all’ultima riga.

Pubblicato a giugno, Non ti faccio niente è un romanzo nato su Wattpad, una piattaforma che consente, fra le altre cose, di pubblicare i singoli capitoli e ricevere un feedback dai lettori mentre l’opera è ancora in progress. Al momento Paola Barbato sta scrivendo un altro romanzo, 300, con la stessa formula. Si può leggere iniziando da qua.

Con Paola Barbato parleremo di Non ti faccio niente il 7 ottobre a Perugia, nell’ambito della manifestazione UmbriaLibri

Chi ha bisogno di te – Elisabetta Bucciarelli

Elisabetta Bucciarelli
Chi ha bisogno di te
Skira, 2017

Meri, diciassette anni, è un’adolescente speciale, introversa e sensibile. Salva le api e le mosche invece di ucciderle. Ha un piccolo difetto fisico, residuo di una disgrazia accaduta dieci anni prima, compensato da un piccolo superpotere. Si muove controllata – con l’abitudine che le deriva dallo studio del pianoforte –  al centro del suo universo fatto a corone concentriche: famiglia e amici stretti, scuola, interessi, forse un amore che si manifesta, attraverso misteriosi bigliettini colorati, con frasi tratte dalle canzoni dei Queen.
Intorno a lei gli altri sono nebulosi, vicini ma a volte distratti: i genitori sono separati, Meri vive con la madre che le ha trasmesso la passione per la musica e per le piante – i semi, soprattutto. Il padre è una debole presenza/assenza. Sara, la migliore amica, vive in un mondo che condivide solo in parte. Zia Vale ha il compito di dire ciò che gli altri non dicono. E poi c’è il misterioso autore dei bigliettini, che mantiene le distanze, suscita curiosità, si fa desiderare.
Attraverso lo sguardo acuto, curioso ma non invadente, disincantato e nitido di Meri, Elisabetta Bucciarelli restituisce il punto di vista di un’adolescente imperfetta che osserva gli adulti ma non li giudica, prende da loro ciò che serve e lascia il resto, si interroga su come stare al mondo:

Lei non fa mai domande, prende atto. Osserva i comportamenti
e poi trae le sue conclusioni. Dice che alcuni gesti
parlano in modo eloquente, non servono spiegazioni, non
serve nemmeno interpretare. Sono quello e basta. Allora
penso che anche le parole dette e non dette siano un gesto. Il
silenzio è un gesto. Tenere chiusa la bocca, non muovere le
corde vocali.

Meri è un’adolescente “normale”, di una normalità che troppo spesso dimentichiamo perché non fa rumore, non appare sui social o sui media, ma non per questo è indenne da delusioni e turbamenti. Qua e là ci sono riflessioni sulle relazioni affettive e umane (amore, amicizia, vicinanza), sul mondo (importante il capitolo UnoDiNoi sul cyber-bullismo), sugli altri. È un continuo sperimentare il mondo per conoscere se stessa.

Un romanzo compatto, evocativo, colmo di significati e pensieri, immagini e sensazioni. Per chi conosce il percorso di Elisabetta Bucciarelli c’è un piacere ulteriore nella lettura, quello di scoprire i cameo di opere precedenti:

Stimo solo chi ha molto amato. Lo dice uno dei nuovi personaggi
di Mamma, una donna molto grassa che è contenta del
proprio peso e delle sue dimensioni. Si chiama Olga.

i temi ricorrenti come fili di una trama unica, l’interesse per letteratura, musica e arte che persiste nel tempo (in questo romanzo ho scoperto Naoko Ito). E l’ormai celebre uso della lingua, sintetico, lineare ed efficace che molto deve alla poesia:

“Mi piace chi sceglie con cura le parole da non dire.” È un
aforisma di Alda Merini, la Mamma lo ha scritto su un biglietto
e messo sul frigorifero.

Route 68 project di Naoko Ito
2013
Wood, paint, hinge, screw, chain
24 x 33 x 15 inches
60.9 x 83.8 x 38.1 cm

Chi ha bisogno di te“: una domanda, un’esclamazione, una premessa da cui trarre le debite conseguenze?

Prima regola, non possiamo innamorarci di chiunque.
Seconda regola, ci sono modi diversi di essere innamorati.
Terza regola, l’amore vero contiene sempre una perdita.
Quarta regola, l’amore ha molti modi per esserci. Ci vuole
tempo e forse un po’ di vita per accettarlo.

Con Elisabetta Bucciarelli parleremo di Chi ha bisogno di te il 7 ottobre a Perugia, nell’ambito della manifestazione UmbriaLibri

“La forma del buio” di Mirko Zilahy

Dopo aver chiuso, non senza sofferenza, il caso dell’Ombra, il commissario Enrico Mancini prende una meritata pausa e si rifugia in un casolare di montagna. Fatica fisica, isolamento e vita semplice dovrebbero ritemprarlo. O almeno così lui spera, ma il dovere lo riporta a Roma. È avvenuto un omicidio macabro e bizzarro addirittura all’interno della Galleria Borghese; la stampa, nonostante il muro di silenzio eretto dalla Questura, ha pubblicato delle foto scattate di straforo e il Questore Gugliotti, messo sotto pressione, non può fare a meno di schierare il migliore dei suoi uomini. Mancini, appunto, commissario di lunga esperienza con specializzazione in profiling a Quantico.

Torna in campo la squadra già vista in È così che si uccide: Caterina, Walter, Antonio iniziano a indagare sull’omicidio (e poi su un secondo, e un terzo…), il vecchio maestro Carlo Biga fa da consulente, alla squadra si affianca una giovane storica dell’arte italo-americana, Alexandra. Rimane nell’ombra il magistrato Giulia Foderà: dopo il timido inizio della relazione con Mancini, la dottoressa e il commissario hanno smesso di vedersi e si evitano a vicenda.
Tutti gli omicidi avvengono nei (o in prossimità dei) parchi di Roma e tutti hanno un richiamo a mostri mitologici. Lo Scultore, questo il nome del serial killer, segue uno schema imprevedibile, colpisce e poi torna a nascondersi nella sua tana. Ma la sua tana è l’intera Città Eterna…

Giunto alla fatidica prova del secondo romanzo, Mirko Zilahy migliora la prestazione e compone un testo più maturo (anche se a lui non piace sentirselo dire), con ritmo serrato e molteplici piani di lettura. Lui lo definisce un romanzo di transizione, e lo è, non solo perché è il secondo di una trilogia, ma anche perché i personaggi sono in rapida evoluzione. Alle citazioni colte si affiancano quelle della cultura pop, con il risultato di creare nel lettore un senso di familiarità, un’affinità che richiama echi di cose già viste o sentite (ma dove?).
C’è poi il tema dei mostri, in senso mitologico e in senso letterale. C’è Roma, sia alla luce del sole che nei sotterranei. C’è una varia e complessa umanità che affronta l’ordinario e l’imprevisto. Ci sono le paure, quelle vere e quelle sublimate.

«Si dice che le persone scomparse restino con noi, che vivano in una dimensione contigua alla nostra, invisibili ma presenti. in questo posto inutile io ho avuto la possibilità di scoprire che non è così. La verità è che quando qualcuno se ne va, quando lo perdiamo per sempre, che sia la peggiore delle morti o il più banale degli incidenti a portarcelo via, qui dentro», posò il pugno sullo sterno, «si forma un vuoto. E man mano che andiamo avanti quello spazio si dilata ed è come se ci riempisse. Di fantasmi. Fantasmi che ci abitano. E che ci parlano, commissario, da un passato in cui erano fatti di carne. Ci parlano e le loro parole producono echi che restano in sospensione dentro di noi.»

La forma del buio, esattamente come È così che si uccide, è un romanzo che fa paura. Non la paura dell’horror o dello splatter, però. Le storie di Mirko Zilahy spaventano perché entrano in risonanza con le mie paure. Che non sono quelle di essere uccisa da un serial killer, ma piuttosto la malattia, la solitudine, l’orrore per gli scarafaggi (come Cate lo ha dei topi), la vecchiaia, la patologia mentale più o meno grave (non solo quella dei serial killer ma più semplicemente l’ansia e gli attacchi di panico), il dolore per la morte o la perdita di una persona cara, l’alienazione, la menomazione fisica…
E se la Roma di Zilahy è un mondo decadente e decaduto, in cui angoli di una bellezza sovrannaturale si alternano a scenari sordidi, i suoi personaggi sono pieni di luci e ombre, di umanità e debolezza.

Se a questo si aggiunge il gusto per una scrittura “importante”, densa e ricca di dettagli, curata come solo chi ha lavorato con le traduzioni può fare, ce n’è abbastanza per dire che Zilahy ha mantenuto le promesse del primo romanzo. Possiamo aspettare con fiducia la chiusura (?) della trilogia e… ciò che verrà dopo.

Per il momento, La forma del buio è il libro che non potrà mancare sotto l’ombrellone. Buona lettura!

“Le Sultane” di Marilù Oliva

SULTANE_Layout 1“Rompere gli stereotipi”: così, nel nuovo romanzo di Marilù Oliva Le Sultane (Elliot, 2014), la vecchiaia viene rappresentata senza edulcoranti. Wilma, Mafalda e Nunzia sono tre donne sulla settantina sulle quali il tempo ha tracciato una mappa ben precisa, come le intemperie sulla roccia. I difetti si sono accentuati, l’aspetto fisico è irrimediabilmente compromesso (non tutte invecchiando diventiamo Virna Lisi, è bene saperlo), alcuni errori sono diventati ormai irrimediabili.
I loro uomini non sono invecchiati meglio: tra patologie degenerative, fughe in tempi non sospetti e alcolismo, non sono certo un aiuto per le tre donne. Così come non lo sono i figli: lontani, distratti, insofferenti o, nella migliore delle ipotesi, bugiardi, anche la discendenza delle tre donne non promette bene.
Ma le Sultane di via Damasco, in quel di Bologna, sono ancora dotate di energie. Così, di fronte a un fatto imprevisto (un delitto, addirittura) le tre si armano di astuzia e riescono non solo a farla franca, ma anche a trarne dei vantaggi. In che modo? Beh, questo non si può svelare (anche se, come accade anche nella vita, un pizzico di fortuna non guasta mai).
Romanzo popolare, grottesco e a tratti amaro, Le Sultane ci spinge a riflettere sulla necessità di non giungere impreparati alla terza età. Sempre che non si faccia la fine della povera Carmela, certo…

Perugia 2Nella foto sopra, la presentazione di Le Sultane a Perugia, Foyer del Teatro Morlacchi, nell’ambito di UmbriaLibri (a cura di Pasquale Guerra). Sullo sfondo gli studenti del liceo musicale che hanno allietato la serata con tre “stacchi” musicali a tema.

UmbriaLibri 2013

umbrialibri scrivaniaRieccomi con il consueto resoconto post UmbriaLibri. La parte perugina della manifestazione (che, ricordo, si prolunga fino a oggi sulla sede di Terni) si è conclusa domenica 10 novembre.
Sono stati giorni di grande fatica e soddisfazioni.
In primo luogo corre l’obbligo di ringraziare l’organizzazione nella figura degli sponsor istituzionali (la regione Umbria, il comune di Perugia, il Museo civico di Palazzo della Penna – Centro di Cultura Contemporanea che ha ospitato la maggior parte degli eventi) e tutto lo staff che è stato costantemente presente e attento a intervenire durante gli (inevitabili) contrattempi. In particolare ringrazio Elisa Bellucci, Daniela Buglione e il tecnico informatico per l’assistenza anche umana, oltre che professionale.
Poi, ovviamente, ringrazio gli autori presenti nonostante le avversità, a volte anche drammatiche, che quest’anno sembravano essersi moltiplicate. Tuttavia, visto che dalla crisi nascono anche nuovi spunti, abbiamo avuto modo di sperimentare soluzioni alternative che in futuro potrebbero risolvere numerosi inconvenienti.
Infine il ringraziamento va al pubblico, soprattutto ai più giovani, che hanno dimostrato attenzione e partecipazione inaspettate.
Quello degli spettatori rimane comunque un punto cruciale da tener presente per le future edizioni, in quanto – vuoi per la sovrapposizione di eventi, vuoi per condizioni climatiche ostili, vuoi per motivi oscuri sui quali ancora ci stiamo interrogando – non sempre la presenza del pubblico rispetta le attese dell’autore e degli organizzatori.
Infine, un ringraziamento particolare e personale a Pasquale Guerra, ideatore della sezione noir e convinto sostenitore del valore della lettura, valore che trasmette nel corso di tutto l’anno ai suoi alunni coinvolgendoli non solo in classe, ma anche in progetti e manifestazioni esterni alla scuola.

Ciò detto, vediamo brevemente come è andata (le foto, alcune del fotografo Andrea Ottaviani, sono tratte dalla pagina FaceBook di UmbriaLibri):

Giovedì 7 novembre, ore 18.30
magistrati scrittori
“Magistrati scrittori”, un incontro con Gianni Caria (vincitore del “Premio Giovani Lettori Memorial Gaia di Manici Proietti”), Francesco Caringella e Vittorio Nessi, con la partecipazione di Fausto Cardella e Claudio Messina.
Causa assenza della sottoscritta non sono in grado di riferire, ma mi dicono sia andata molto bene. Il primo da destra è Pasquale Guerra, il primo da sinistra il dottor di Manici Proietti, che ha consegnato la targa a Gianni Caria.

Venerdì 8 novembre, ore 17.00
Francesca Zucchiatti Schaal
, La couleur de l’encre (Mokedem)
Introduce Laura Leonelli che ha letto il romanzo, ovviamente in lingua originale, inquadrandolo nel genere “noir quasi gotico” per via di un’asfissiante e incombente reclusione in una caverna di una dei due protagonisti. Una Francesca Zucchiatti quasi arrabbiata provoca i ragazzi presenti in sala a proposito del fatto che i giovani sono lasciati a sé stessi nel processo di crescita, perché chi sarebbe deputato a fornire loro indicazioni (i genitori, la scuola, la società) ha abdicato al ruolo in nome di una sorta di buonismo che sconfina col lassismo.
Il romanzo di Zucchiatti Schaal è stato pubblicato in lingua francese ed è ormai introvabile perché l’editore Mokedem ha chiuso i battenti, quindi aspettiamo una traduzione e un editore italiani…

Venerdì 8 novembre, ore 19.30
Il Paese che amoSimone Sarasso, Il Paese che amo (Marsilio)
E qua, che dire: autore con febbre a 39, l’editore Jacopo De Michelis anche lui malconcio, orario infelice e la presentazione diventa una chiacchierata tra amici per parlare di quello che è, a mio avviso, uno dei romanzi clou di quest’anno.
Chiusura della Trilogia Sporca d’Italia, Il Paese che amo copre quasi quindici anni di storia recente, dall’inizio degli anni Ottanta fino alla famigerata “discesa in campo” di mister B.
Con la premessa che, nel romanzo, quasi tutti i nomi sono stati cambiati e i personaggi sono simili, ma non uguali, a quelli reali.
Tra fatti storici e fiction si allunga, ancora e per l’ultima volta (forse) l’ombra di Andrea Sterling, l’eminenza grigia che sta dietro a ogni misfatto italiano e internazionale dal dopoguerra a oggi.
Alla domanda “Andando a riguardare le vicende di quegli anni, quale episodio ti ha colpito di più?” Simone Sarasso risponde citando il sequestro dell’Achille Lauro e la conseguente crisi di Sigonella che porterà alla caduta del governo Craxi. Effettivamente sono pagine drammaticamente incisive.
Il romanzo è fra i 23 (sì, quest’anno si sono mossi al grido di “crepi l’avarizia”) prefinalisti del premio Scerbanenco.

Sabato 9 novembre, ore 17.00
Bucciarelli Nardini Zucchiatti Becchetti
AlcazarStefania Nardini
, Alcazar. Ultimo spettacolo (edizioni e/o)
Lettura introduttiva di Elisabetta Bucciarelli, presentazione toccante: insieme a Ciro Becchetti e a Francesca Zucchiatti Schaal Stefania Nardini ha raccontato i retroscena di Alcazar, ispirato a una storia vera. In Alcazar infatti Stefania racconta alcuni anni della vita della madre, una donna che ha precorso i tempi e si è inventata un mestiere sul palcoscenico quando essere una donna di spettacolo significava essere “facile”. Silvana Landi (nome fittizio), giovane donna di buona famiglia, è costretta da un rovescio di fortuna a cercare lavoro; dopo qualche tentativo con la canzone e l’allora EIAR si inventa una carriera da trasformista, da “Fregoli al femminile”. L’inasprirsi del regime fascista la porta a Marsiglia insieme a Gino Santoni, in arte Cordero, che invece si esibisce come – diremmo oggi – drag queen. Grande protagonista, la città di Marsiglia.

Sabato 9 novembre, ore 18.30
Bucciarelli Buccheri
dritto al cuore 2Elisabetta Bucciarelli, Dritto al cuore (edizioni e/o)
Ne abbiamo già parlato, ma merita ricordare che Dritto al cuore è una tappa di grande valore e spessore nel percorso artistico, già blasonato, di Elisabetta Bucciarelli. Ricordiamo che il tema centrale è il desiderio; che è stato letto come romanzo di formazione per la presenza di tre preadolescenti alla ricerca di uno spazio nel mondo; che la Casa, elemento apparentemente soprannaturale nel romanzo, ha radici in una storia vera, quella di una donna che ha sempre vissuto nel villaggio senza mai conoscere altra realtà al di fuori di esso e che tuttavia era sempre informata sui fatti del mondo grazie al suo spirito di osservazione. Una donna dura, tenace, solitaria, alla quale ci si rivolgeva come a un oracolo e che come un oracolo dava risposte criptiche. E poi: la scrittura come atto terapeutico, già oggetto di riflessione di Bucciarelli in un saggio del 1998, adesso approda a una nuova…
Presentazione veloce e scoppiettante, mi dicono, che il pubblico sembra aver apprezzato. Anche Dritto al cuore è tra i finalisti del premio Scerbanenco.

Domenica 10 novembre, ore 11.30
Palazzolo Ugolini Iannucci
cattiverìaRosario Palazzolo, Cattiverìa (Perdisa Pop)
Siamo ancora nel filone “eventi funestati dagli imprevisti”, ma questa volta ci salva la tecnologia: la presentazione si tiene via Skype, con Vanna Ugolini e Rosalba Iannucci presenti e la bella voce profonda di Rosario, proiettato a schermo, che risuona nella sala.
E per fortuna, così ha modo di spiegare i temi e le scelte linguistiche del suo romanzo, la tragica storia di un dramma familiare, una tragedia corale che richiama il dramma antico ma ambientata, evidentemente, nel tempo presente.
Una donna racconta il suo passato, un uomo (chiuso in manicomio) intercala la storia con episodio apparentemente senza senso. Perché? Tocca al lettore ricostruire la vicenda nascosta dalle parole.
Riesce a convincere fino in fondo anche gli scettici.

Domenica 10 novembre, ore 15.30
sergio rossi
un lampo nell'ombraSergio Rossi, Un lampo nell’ombra (Feltrinelli)
Giovanni Dozzini e Claudio Ferracci hanno piacevolmente dialogato con l’autore, un fisico prestato al fumetto (l’unico fumettista che all’affermazione “Tu hai la fortuna di fare un lavoro che ti piace” può legittimamente rispondere “Veramente io volevo fare l’astronauta”). Sergio Rossi ha scritto questo romanzo ambientato a Bologna, con un protagonista che fa il poliziotto per caso (e per intercessione della madre, che vuole per lui il posto sicuro) nell’appena nata Scientifica (sempre per opera della madre, perché va bene il posto sicuro, ma mica il figliolo può rischiare la pelle…). In realtà il povero Enea si ritrova a rischiare la vita quasi in ogni pagina, e come se non bastasse si innamora della figlia del capo, bella, ricca e determinata a non fare solo la figurante, in un mondo e in un tempo che concedono pochissimo spazio alle donne.

Domenica 10 novembre, ore 18.30
Buticchi Buccheri

la stella di pietraMarco Buticchi, La stella di pietra (Longanesi)
Si chiude in bellezza con il nuovissimo romanzo di Marco Buticchi. Una nuova avventura di Sara Terracini e Oswald Breil, la prima, quella che li vede incontrarsi in occasione del drammatico attentato a Ezio Tarantelli proprio nel giorno in cui Sara completa la sua brillante carriera universitaria discutendo la tesi di laurea. I fatti degli anni di piombo, le connivenze che videro coinvolti con pari responsabilità politici, terroristi e servizi segreti si intersecano con una vicenda lontana: il mistero della statua di Laocoonte, attribuita per secoli a… sulla quale aleggia invece la mano di Michelangelo Buonarroti.
Fatti solidamente documentati, narrazione veloce, autore animato da forte vena di impegno civile. Siamo nel filone della narrativa “per non dimenticare”.

shopper UmbriaLibri di OttavianiUmbriaLibri è tutto questo e tanto, tanto di più.
Infine, due ulteriori ottime ragioni per partecipare: le bellissime borse gadget (ogni anno diverse, quest’anno addirittura tre) e il cibo di Peppone, l’uomo del tartufo (ma anche delle tagliatelle fatte in casa, degli affettati, dei dolci, del vino buono…): una sana consolazione, balsamo per la stanchezza. Anche per questo, grazie di cuore.

UmbriaLibri 2013: La cultura che…

umbrialibri 2013UmbriaLibri 2013 ai blocchi di partenza: è disponibile online il programma che copre, con decine di incontri, due fine settimana su due città (a Perugia dal 7 al 10 novembre, a Terni dal 15 al 17).
L’edizione di quest’anno ha come filo conduttore “La cultura che…“, frase da completare con un termine a piacere. A me piace pensare alla cultura che resiste, vedremo cosa suggeriranno i nostri autori.
Come ogni anno ci sarà una sezione dedicata al genere, sezione curata da me e soprattutto dall’infaticabile Pasquale Guerra.

I nostri incontri si terranno nella Sala Grande di Palazzo della Penna.

Ecco il calendario della selezione Umbrialibri Noir del 2013:

Giovedì 7 novembre, ore 18.30
Magistrati scrittori, un incontro con Gianni Caria (vincitore del “Premio Giovani Lettori Memorial Gaia di Manici Proietti”), Francesco Caringella e Vittorio Nessi, con la partecipazione di Fausto Cardella e Claudio Messina.

Venerdì 8 novembre, ore 17.00
Pasquale Guerra e Laura Leonelli parleranno, insieme all’autrice Francesca Zucchiatti Schaal, di La couleur de l’encre (Mokedem)
Venerdì 8 novembre, ore 19.30
Simone Sarasso, intervistato da Alessandra Buccheri e Jacopo De Michelis, presenterà il suo ultimo libro, Il Paese che amo (Marsilio)

Sabato 9 novembre, ore 17.00
Stefania Nardini
presenterà Alcazar. Ultimo spettacolo (edizioni e/o), insieme a Ciro Becchetti e a Francesca Zucchiatti Schaal
Sabato 9 novembre, ore 18.30
Alessandra Buccheri intervisterà Elisabetta Bucciarelli su Dritto al cuore (edizioni e/o)

Domenica 10 novembre, ore 11.30
Presentazione del libro Cattiverìa (Perdisa Pop) di Rosario Palazzolo introdotto da Vanna Ugolini e Rosalba Iannucci
Domenica 10 novembre, ore 15.30
Un lampo nell’ombra (Feltrinelli), di Sergio Rossi; con l’autore dialogano Giovanni Dozzini e Claudio Ferracci
Domenica 10 novembre, ore 18.30
Conosceremo il nuovissimo romanzo di Marco Buticchi La stella di pietra (Longanesi) con l’autore e Alessandra Buccheri.

Qualche nota biografica sui partecipanti:

1. MAGISTRATI SCRITTORI. Abbiamo invitato a discutere della loro esperienza Gianni Caria, Procuratore a Sassari, con La Badante di Bucarest; Francesco Caringella, Consigliere di Stato, con Il Colore del Vetro; Vittorio Nessi, Procuratore a Torino, con Strani Amori (storie vere tratte dalla sua esperienza).
Tre temi diversi: la fiction noir, l’invenzione narrativa, la cruda realtà.
Ciò che accomuna gli autori, però, è la  doppia funzione di magistrato e scrittore.
A gestire l’incontro Fausto Cardella, Procuratore capo a L’Aquila.
Al termine dell’incontro verrà consegnato a Gianni Caria il premio come miglior libro dell’anno letto dagli studenti del Liceo. Un premio giunto alla settima edizione, con una giuria popolare, quindi, ma avvertita e incorruttibile.

2. Simone Sarasso, novarese, classe 1978, giunge con la Marsilio alla conclusione della Trilogia Sporca d’Italia (Confine di Stato, Settanta e Il Paese che amo) che lo ha imposto al grande pubblico. La trilogia segna l’evoluzione del nostro paese e, forse, è proprio lo specchio della complessa realtà che abbiamo vissuto, dei misteri irrisolti, delle vittime innocenti. E raccontare è, solamente, resistere oltre che ricordare!
Appassionato di cinema, di action movie in tutte le epoche, scrive per la TV.

3. Francesca Zucchiatti-Schaal è nata a Pordenone ma vive tra Venezia e Parigi. È traduttrice, interprete, curatrice di eventi culturali, giornalista. Nel 1994 si stabilisce a Parigi e fa parte del Centro de Langue et Culture italienne e della Camera di Commercio Italiana di Parigi per la quale ha curato l’edizione di alcuni saggi sull’immigrazione italiana oltralpe.
In Italia ha pubblicato Una dolce fine in Costa Azzurra (Milano, 1999), Una musica nella notte (Milano, 2001), In un posto qualunque all’ora indicata (Roma, 2003), Il problema del mese di aprile (Roma, 2004).

4. Stefania Nardini, romana, vive tra Marsiglia e l’Umbria. Giornalista, è autrice di Matrioska (Pironti, 2001), una storia sulla condizione delle donne in Ucraina, paese dove è stata la prima scrittrice contemporanea tradotta dopo la rivoluzione arancione, Gli scheletri di via Duomo (Pironti, 2009), un noir ambientato nella Napoli degli anni ’70, Jean Claude Izzo, storia di un marsigliese (Perdisa Pop), la biografia romanzata del grande autore francese grazie alla quale ha ottenuto numerosi riconoscimenti. Alcuni suoi racconti compaiono in diverse antologie, tra cui L’altra Roma, pubblicato in Olanda nella raccolta De stedenverzamelaar (ed. Serenalibri).

5. Elisabetta Bucciarelli vive e lavora a Milano. Nel 2010 ha vinto il Premio Franco Fedeli con il libro Io ti perdono (Kowalski/ColoradoNoir) assegnato dalla Polizia di Stato per il personaggio femminile dell’ispettrice Maria Dolores Vergani. Nel 2011 ha vinto il Premio Scerbanenco per il miglior romanzo noir italiano con Ti voglio credere (Kowalski/ColoradoNoir). Tra gli altri suoi libri Dalla parte del torto (Mursia), Femmina de luxe (PerdisaPop, ora ripubblicato da Feltrinelli Zoom), Corpi di scarto (Verdenero Edizioni Ambiente), L’etica del parcheggio abusivo (Feltrinelli) e Dritto al cuore (edizioni e/o). Scrive per il teatro il cinema e collabora con diverse testate giornalistiche. È tradotta in Spagna, Francia e Germania.

6. Rosario Palazzolo è nato a Palermo nel 1972. Drammaturgo, scrittore, regista e attore, per il teatro ha scritto e diretto: Ciò che accadde all’improvviso, I tempi stanno per cambiare (con Luigi Bernardi), i tre spettacoli che compongono la Trilugia dell’impossibilità: Ouminicch’, ’A Cirimonia, Manichìni e il Dittico Del Disincanto (Visita guidata e Tauromachia). Vincitore del Fringe al 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano, i suoi spettacoli sono stati rappresentati nei maggiori teatri di ricerca nazionali. Ospitato a più riprese dall’Università di Liverpool nell’ambito degli Studi di Italianistica, di recente al suo lavoro sono stati dedicati studi monografici e tesi di laurea, in Italia e all’estero. Per la narrativa ha scritto L’ammazzatore (Perdisa Pop, 2007), Concetto al buio (Perdisa Pop, 2010) e Cattiverìa (Perdisa Pop, 2013).

7. Sergio Rossi, perugino, classe 1970, vive a Bologna e lavora nell’editoria. Dal 2009 scrive per la seria a fumetti Kino la talpa per il mensile prescolare GBaby. Esperto e storico di fumetto, ha diretto dal 1998 al 2995 la rivista di critica Fumo di China. Tra i suoi libri, il romanzo per ragazzi Scacco matto (Milano 2005), l’antologia sul fumetto erotico italiano Maledette, vi amerò (Vicenza 2007) e quella sul fumetto politico italiano degli anni ’70, L’immaginazione e il potere (Milano 2007).

8. Marco Buticchi è nato a La Spezia e ha viaggiato moltissimo per lavoro, nutrendo così anche la sua curiosità, il suo gusto per l’avventura e la sua attenzione per la storia e il particolare fascino dei tanti luoghi che ha visitato.
È il primo autore italiano pubblicato da Longanesi nella collana «I maestri dell’avventura», accanto a Wilbur Smith, Clive Cussler e Patrick O’Brian.
A dicembre 2008 è stato nominato Commendatore dal Presidente della Repubblica per aver contribuito alla diffusione della lingua e della letteratura italiana anche all’estero.
Con La voce del destino, suo penultimo romanzo (Longanesi, 2012), ha vinto il Premio Salgari 2012 ed è entrato nella rosa dei finalisti al Premio Bancarella.

UmbriaLibri Noir – Lo stato… degli Italiani

Si è conclusa domenica la rassegna UmbriaLibri, di cui ho curato, insieme a Pasquale Guerra e Silvia Rampini, la parte “noir”. In realtà il termine è utilizzato in senso molto ampio come ampia e varia è stata la selezione di autori che hanno partecipato.
Quest’anno eravamo nella centralissima Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori.
Vista l’alta qualità degli interventi la nostra speranza è che la costola noir di UmbriaLibri sia sempre più seguita, anche se è difficile catalizzare l’attenzione del pubblico quando nella sala accanto ci sono nomi di grande richiamo mediatico… ed è un peccato, perché i “nostri” scrittori sono stati bravissimi a intrattenerci ed emozionarci raccontando le loro storie.

A ogni autore è stato chiesto di dare un’interpretazione del filo conduttore della manifestazione che quest’anno – lo ricordiamo – era “Lo stato … degli Italiani”. Ecco le loro risposte e una carrellata di foto:

Pasquale Guerra (in piedi) e Ciro Becchetti introducono UmbriaLibri Noir

Pietro Del Re (Giallo Umbro, La Lepre Edizioni, 2012) con Giovanni Dozzini.
“Vogliamo essere ottimisti? Lo stato convalescente degli italiani”

Giampaolo Simi (La notte alle mie spalle, edizioni e/o, 2012) con Silvia Rampini.
“Lo stato confusionale degli italiani”

Marilù Oliva (Mala Suerte, Elliot 2012), io e Pasquale Guerra.
Marilù Oliva: “Lo stato assente degli Italiani”

Pasquale Guerra, Maria Stella Eisenberg e il procuratore Fausto Cardella presentano Sumino O’ Falco (l’autore è contumace poiché il magistrato di sorveglianza non ha concesso il permesso per partecipare: Cosimo Rega, infatti, sta scontando un “fine pena mai” a Rebibbia. Al suo romanzo autobiografico si ispira il film dei fratelli Taviani Cesare deve morire, candidato all’Oscar, in cui Rega interpreta sé stesso).

Elena Mearini (a destra) riceve per il secondo anno consecutivo il Premio Giovani Lettori intitolato alla memoria di Gaia Di Manici Proietti per Undicesimo comandamento (Perdisa, 2012)
Elena Mearini: “Lo stato “che non sa” degli Italiani”

Da sinistra Pasquale Guerra, Fabio Bussotti (Il cameriere di Borges, Perdisa 2012), Rosalba Iannucci e Vanna Ugolini.
Fabio Bussotti: “Lo stato latente degli Italiani”

Maurizio de Giovanni (Il metodo del coccodrillo, Mondadori 2012 e Gli altri fantasmi, Edizioni Spartaco 2012). (la foto è di Chiara M. – se ne troviamo una definita meglio la sostituisco, ma intanto ringrazio Chiara per averla inviata!)
Maurizio de Giovanni, al termine di un intervento meraviglioso: “Lo stato “che peggio di così non si può” degli Italiani”

Note di viaggio – L’ospitalità è stata fornita dal centralissimo hotel La Rosetta. La foto di apertura è un dettaglio della vetrina della pasticceria Sandri di Perugia, che ha “riprodotto” in materiali commestibili il manifesto di UmbriaLibri e le copertine di alcuni libri. Se andate a Perugia non perdetevi un pranzo o una cena da Peppone (lasciate fare a lui per il menù, vi proporrà il meglio): è un’esperienza indimenticabile.

 

UmbriaLibri2012, ecco la sezione noir (Perugia, 9-11 novembre)

È online il programma di UmbriaLibri 2012. L’edizione di quest’anno è dedicata a Lo Stato … degli Italiani (i puntini possono essere riempiti a piacere, qua una lista delle parole suggerite. A me piace “precario”, ma anche “confusionale”).

Come accade già da qualche anno, ho il piacere di collaborare alla sezione noir di UmbriaLibri insieme a Pasquale Guerra e Silvia Rampini. Quest’anno potrete trovarci a Palazzo dei Priori (Sala della Vaccara). Ecco i nostri ospiti:

VENERDI 9 NOVEMBRE
h. 17.00
Introduce Ciro Becchetti
h. 17.30
Presentazione del libro
Giallo umbro di Pietro Del Re
La Lepre Edizioni
Intervengono Giovanni Dozzini e l’autore
h. 19.00
Presentazione del libro
La notte alle mie spalle di Giampaolo Simi
Edizioni e/o
Intervengono Silvia Rampini e l’autore

SABATO 10 NOVEMBRE
h. 17.30
Presentazione del libro
Mala suerte di Marilù Oliva
Elliot Edizioni
Intervengono Alessandra Buccheri e l’autrice
h. 19.00
Presentazione del libro
Sumino ‘o falco di Cosimo Rega
Robin Edizioni
Intervengono Fausto Cardella, Maria Stella Eisenberg, Pasquale Guerra e l’autore

A seguire consegna del premio Giovani lettori Memorial Gaia Di Manici Proietti per il miglior libro dell’anno a Elena Mearini

DOMENICA 11 NOVEMBRE
h. 10.00
Presentazione del libro
Il cameriere di Borges di Fabio Bussotti
Perdisa pop
Intervengono Rosalba Iannucci, Vanna Ugolini e l’autore
h. 11.30
Presentazione del libro
Il metodo del coccodrillo di Maurizio De Giovanni
Mondadori
Intervengono Alessandra Buccheri, Pasquale Guerra e l’autore

Tutti gli ospiti di UmbriaLibri 2012.

La pagina UmbriaLibri su FaceBook.

UmbriaLibri su Twitter.