La Debicke e… La vittima perfetta

Robert Bryndza
La vittima perfetta
Newton Compton, 2018

Londra, in una torrida estate rotta a fatica dalle pale dei ventilatori della sala operativa (i condizionatori sono riservati ai piani alti). E un nuovo caso per Erika Foster. Perché giustamente carta che vince non si cambia e Robert Bryndza, autore inglese che vive in Slovacchia con suo marito Jan, dopo il grande successo di La donna di ghiaccio, mira al bis con La vittima perfetta e riporta in scena la sua ispettore capo Foster, slovacca di origine (la nuova patria giustamente va tenuta in palmo di mano), bionda, alta, una donna sola seppur giovane. Erika è vedova, avendo perso il marito Mark, anch’egli poliziotto e in servizio con lei, in una tragica retata antidroga due anni prima. E le fa piombare tra capo e collo, nel bel mezzo di una cena tra amici in un’afosa e soffocante notte estiva, un nuovo difficile caso: un brutto omicidio. La vittima è un dottore di mezz’età, padre di un figlio, in procinto di divorziare dalla moglie. La madre, che lo credeva in vacanza, l’ha ritrovato nudo, con i polsi legati, gli occhi fuori dalle orbite e un sacchetto di plastica trasparente stretto con un cordino intorno al collo. Pochi giorni dopo, sempre di notte, un altro uomo, giovane contestato e chiacchierato, un volto noto della televisione, viene trovato morto nello stesso modo. Erika e la sua vecchia squadra si trovano al cospetto di una serie di omicidi compiuti dalla stessa mano. Insomma, una mano assassina che sembra appartenere un serial killer freddo e molto abile. E le vittime, uno stimato dottore e un conduttore televisivo, erano single, con tendenze gay, però apparentemente non legati tra loro e che custodivano gelosamente i segreti della loro vita privata. Ma perché ucciderli? E in quel modo?
Erika farà di tutto per bloccare “l’Ombra della notte”, soprannome subito affibbiato al killer dai media, prima che la conta degli omicidi cresca ancora. E invece l’escalation non si ferma, anzi con la terza vittima, uno scrittore, arriva a toccarla più da vicino. Un errore, un imprevisto e un calcolo sbagliato finiranno per incastrare uno dei suoi. Ora risolvere il caso diventerà per lei una vera missione e una necessaria occasione di riscatto anche a costo di mettere a rischio il suo lavoro e la sua vita.
Tuttavia, mentre è sulle tracce del killer, deve coprirsi le spalle, non abbassare mai la guardia e affrontare l’ombra minacciosa che la segue. La soluzione potrebbe essere a portata di mano? Un thriller che mischia equamente momenti di suspense a minuziose descrizioni, e che concede spazio e punto di vista a un serial killer pericolosamente instabile che agisce in modo brutale ma che preordina minuziosamente i suoi attacchi, sa rendersi trasparente, sceglie con cura le sue vittime – è chiaro che segue le sue prede in attesa del momento migliore per colpire e uccidere, muovendosi etereo come un fantasma.
Erika Foster è una donna forte, con una personalità decisa, che sa farsi rispettare e combatte per affermarsi. Ha perso molto, riesce a nascondere la sua fragilità emotiva, deve ancora riuscire a metabolizzare il dolore, ma le piace il suo lavoro e sa di essere brava, di avere un istinto innato e di poter fare carriera.
L’autore si è divertito a scrivere un doppio romanzo: giallo-noir fino almeno a metà, smaccatamente thriller dal momento in cui ci rivela il volto e il nome dell’assassino e le oscure motivazioni di questo Gufo, così lui si firma in deliranti messaggi chat irrintracciabili perché supportati dal browser Tor, e che come un gufo predatore osserva di notte e di nascosto le sue vittime.
Tanto che Bryndiza fa dire a Lee Graham, vecchio ex collega di Erika Foster della Metropolitan Police: “Tante volte vorrei che internet non fosse mai stato inventato. Ci sono troppe persone con troppo tempo a disposizione per le loro fantasie malate.”
Una frase e un’idea che sposo appieno. Certo è che negli ultimi anni ormai internet e tutto l’web, sia palese che perfidamente deep, stanno diventando privilegiati e quasi indispensabili protagonisti della letteratura thriller giallo/noir.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.