Circondati!

Oggi ospito un intervento di Fabio Lotti, assiduo commentatore di questo blog (e anche del precedente) e arguto osservatore. A voi.

Prepariamoci a respingere l’assalto…
Già vi avevo avvisati con “L’assalto delle pocce”. Le donne stanno arrivando dappertutto. Come protagoniste delle storie e come autrici delle storie stesse. Dalle vecchiette sferruzzanti di una volta alle giovincelle sbarbatelle di oggi. Si insinuano nei racconti, nei romanzi, nelle vicende sanguinose portando la loro forza, la loro grinta e togliendo di mezzo “piccoletti con la testa d’uovo, ciccioni orchideati, nobili monocolati, lungagnoni elementari, pretucoli ombrelliferi, tracagnotti fumantini, omaccioni vocioni, belloni scienziatoni, casalinghi birraioli”, visionari tristoni, giovanottoni sghimbesciati e tutti quei disgraziati maledetti sfigati fradici che gliene andasse bene almeno una (mi diverto a strapazzar le parole dopo averle rispettate per tanto tempo).
Portano, dicevo, la loro forza, la loro grinta insieme ad una variegata messe di vicende sentimentali che si ampliano e si sviluppano come per partenogenesi: il batticuore, il sussultino, lo sguardino birichino, il contattino frementino, il sospirino struggentino, il sognino spintarellino con risveglino sudatino e insomma tutto l’ambaradan del rosa si insinua prepotente nella struttura giallistica.
Fanno mille mestieri, hanno mille fattezze, arrivano da mille paesi, hanno mille età, ma sono soprattutto giovincelle scherzose codesta età fiorita d’allegrezza piena (mi è venuta così).
È nato il gialletto rosa. Scoprire chi è l’assassino e seguire il corso delle indagini passa in secondo piano. L’importante è sfogliare i petali della margherita: mi ama, non mi ama, mi ama, non mi ama, ah se mi amasse!
Scrittrici, recensori, blogghiste, lettrici, commentatrici sono ormai  dappertutto come il prezzemolo. Si buttano all’assalto dei blog, vedete un po’ questo, e discettano di sesso come neanche il Papa sulla vita di Gesù, lasciando di stucco il portatore di palle che se ne sta mogio mogio in un angolo.
E allora maschietti miei portatori di palle, per non essere buttati fuori dalle gonne d’assalto, prepariamoci a respingere l’attacco poccesco. In alto i nostri batacchi, in alto il nostro grido di guerra…
“Mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!”.

Fabio e Jonathan Lotti

10 Comments

  1. Ah ah, un post a metà tra un calembour e un rap veramente godibile. Fabio, rassegnamoci, è una guerra persa in partenza: sono meglio loro. E l’amore è del mondo motore…

    Like

  2. Il solito stile dei Lotti. Divertente ed interessante!
    Ciao e arrivederci anche su altri lidi, come sempre.

    Like

  3. Gli altri lidi sono quelli scacchistici, per chi non lo sapesse. E il giallo e gli scacchi hanno un buon feeling… 🙂

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.