Le brevi di Valerio/69: Kapllani

Breve diario di frontieraTitolo Breve diario di frontiera
Autore Gazmend Kapllani
Editore Del Vecchio
Anno 2015 (orig. 2009)
Pagine 192
Prezzo 15 euro
Traduzione di Maurizio De Rosa

Frontiera Albania-Grecia. Il suo paese è povero e totalitario, a scuola gli insegnanti devono spiegare che sono un popolo “eletto”, nessuno può sperimentare il “mondo-oltre-i-confini”, i soldati uccidono gli aspiranti fuggiaschi. L’albanese Gazmend Kapllani viveva a Lushnjë, non lontano dalle spiagge adriatiche; studiava con profitto, sa le lingue; il padre era violento, lo picchiava spesso. Quando cade il regime nel 1991 a piedi raggiunge la frontiera greca, inizia la sua vita di migrante forzato, di “senza patria” in un campo profughi; la realtà è diversa dalla fantasia.
Qui la racconta, vita terribile, narrazione magnifica. Spiega la sindrome delle frontiere, sogna un mondo senza stranieri ed espatriati, solo liberi migranti. Un reportage ironico e arguto il Breve diario di frontiera. Gazmend alla fine si è tolto dai guai, si è laureato, è ricercatore, insegna. L’originale (in greco) è del 2006, consigliato a chiunque legge le cronache contemporanee.

(Recensione di Valerio Calzolaio)

2 thoughts on “Le brevi di Valerio/69: Kapllani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.