Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Luglio 2020

Per ora ci siamo salvati…

La signora del martedì di Massimo Carlotto, edizioni e/o 2020.
Primo personaggio l’attore porno e gigolò Bonamente Fanzago. A quarantun anni si deve difendere con le unghie e con i denti dalla concorrenza. Ovvero dai negri che sono meglio equipaggiati (in quel senso). Già colpito da un ictus prende delle medicine che lo buttano giù e ha una sola cliente, la signora del martedì (secondo personaggio) che regolarmente viene a visitarlo nel suo letto proprio in quel giorno della settimana dalle quindici alle sedici alla pensione Lisbona. Solo che, dopo un po’, si innamora di lei entrando in depressione. Inizio scoppiettante, nel senso della scrittura veloce e ironica che ha facile presa sul lettore e l’avrà sino alla fine.
Terzo personaggio il proprietario della suddetta pensione signor Alfredo Guastini, un ultrasessantenne travestito che si traveste, appunto, da donna, amico sincero di Bonamente e innamorato del professor Federico Bassi. Fino a quando… fino a quando il suddetto Bassi deve rinunciare agli incontri per via dei figlioli. E allora, unico suo scopo, quello di aiutare l’amico e difenderlo dalla signora del martedì…
La signora del martedì, dicevo, Alfonsina Malacrida, accusata ingiustamente dal commissario Michele Pagano dell’uccisione dell’avvocato Tommaso Fontana per averlo travolto con la macchina. Sua triste, desolante storia. Assolta, condannata, di nuovo assolta e di nuovo condannata a suo tempo per l’uccisione dell’amante quando era conosciuta con il nome di Nanà. Al momento della nuova accusa scrive libri per bambini sotto pseudonimo, inventa fiabe ma si porta dietro il marchio infamante dell’assassina. Aveva incontrato l’avvocato Fontana che si era presa cura di lei, erano andati a vivere insieme e diventati amici, veramente amici, non amanti. E ora, oltraggiata anche dai social, non le resta altro che “rannicchiarsi su se stessa”.
Non manca il classico giornalista nelle vesti di Pietro Maria Belli che ce l’ha fina con la sopracitata “Alfonsina Malacrida, la cagna, puttana e spacciatrice ora scrittrice di fiabe di successo” perché, secondo lui, non ha pagato abbastanza. È venuto il momento “di chiudere i conti”. Si mette quindi a indagare per questa sua sciagurata ossessione.
Una storia che lascia in secondo piano la parte squisitamente poliziesca per mettere al centro il sesso, la passione, l’amore, l’amicizia, i rimpianti e i pianti. Tutti a cercare conforto in qualcosa, in qualcuno, dentro situazioni ormai sfilacciate, dentro matrimoni falliti dove non c’è possibilità di separarsi anche per questioni economiche, dove a una gioia può contrapporsi un dolore. Si parte con il sesso e si finisce per rimanere aggrappati alle variegate maglie del Sentimento (con la esse maiuscola) che diventa il vero, più forte personaggio. E se si viene accusati, seppure innocenti, non c’è scampo, si verrà sicuramente messi alla gogna dai moderni mezzi di comunicazione. Ma, in fondo, potrebbe arrivare sempre qualcuno ad aiutarci. Qualcuno che calzi, magari, in questo caso, degli stivali texani a noi piuttosto conosciuti…
Ah la vita, la vita!

I cerchi nell’acqua di Alessandro Robecchi, Sellerio 2020.
Milano, settembre 2020. “Il sovrintendente Ghezzi è già una sagoma che si allontana, il passo svelto, imbocca il vialone che va verso Porta Garibaldi, una figurina in marcia verso i grattacieli, illuminata da lampioni e fari in movimento, da luci bianche che tagliano tutto con righe dritte, spigoli nella notte”. È appena uscito dalla casa del bellimbusto, ricco e viziato autore televisivo Carlo Monterossi, personaggio principale di diverse inchieste dell’autore, a cui ha raccontato un paio di storie che hanno coinvolto lui stesso e l’amico poliziotto Carella.
Che cosa era successo? Qualche settimana prima una visita inaspettata della prostituta Franca (fossette, fossette…) dopo addirittura trent’anni, la donna di un certo Salina Pietro, ladro di professione, praticamente il suo primo arresto. Ora è sparito da più di una settimana e la “vecchia amica” chiede il suo aiuto per ritrovarlo. Allo stesso tempo il vicequestore Gregori vuole capire che cosa frulla nella testa di Pasquale Carella che gli ha chiesto, cosa mai avvenuta prima, un bel po’ di giorni di vacanza. E non è tutto. Sta frequentando locali notturni poco raccomandabili, gioca grosse somme ai tavoli del Giambellino e gira su auto lussuose. Qualcosa non quadra… Carella è coinvolto dentro un fatto personale, un vecchio conto da regolare con un energumeno magnaccia che diversi anni prima ha mandato all’ospedale una ragazza diventata sua amica. A ciò si aggiunga il clamoroso fatto del giorno, ovvero l’inspiegabile delitto dell’antiquario incensurato Amedeo Crodi, trovato morto a furor di botte nel suo magazzino-laboratorio senza che siano stati portati via denaro e ricchi oggetti.
I due si ritroveranno insieme. Diversi. Tarcisio Ghezzi “poco meno di sessant’anni, poco più di ottantaquattro chili”, prende i malviventi e li porta dal magistrato. Fine. Pasquale Carella, invece, completamente acceso da sacro furore, è disposto a tutto. Proprio a tutto. “Carella cerca ogni balordo come se gli avesse scopato la fidanzata”. Due casi paralleli che finiranno per convogliare in un’unica indagine.
Praticamente un intreccio di giallo classico, di investigazione con i soliti dubbi e tormenti personali e di giallo d’azione alla maniera hard boiled americana dove non mancano minacce, violenza, scontri, sparatorie in una Milano feroce “tra bar, la mala, strozzinaggio, i gironi infernali di spacciatori, trafficanti, truffatori, uomini di fiducia, boss, galoppini”.
I cerchi nell’acqua del titolo rappresentano “una scia di dolore che non è possibile calcolare. Il sassolino nell’acqua ferma produce un cerchio, poi un altro, poi un altro, i cerchi si allargano. Il morto è morto, cazzi suoi, ma il dolore per la sua morte si contagia come una brutta scabbia”. Tra una pausa e l’altra, come sottofondo in casa di Carlo Monterossi, la canzone Memphis in June di Nina Simone.
La scrittura fila via liscia che è un piacere attraverso il volteggiare sinuoso delle parole che si muovono quasi motu proprio intorno ai tratti somatici, agli umori, ai sentimenti dell’animo, ai ricordi, ai momenti di brutale ferocia. Leggerezza, ritmo, che non vuol dire faciloneria espressiva. È la forza di una concatenazione verbale in continuo movimento senza perdere in profondità.

L’abate nero di Edgar Wallace, Il Giallo Mondadori 2020.
Mettiamo subito un po’ d’ordine. Intanto siamo al castello di Fossaway nel villaggio di Chelfordbury nel Sussex. Qui vivono il conte lord Harry Alford, proprietario della tenuta, e il fratello Richard (Dick) suo reale amministratore, entrambi innamorati della stessa ragazza Leslie Gine, al momento fidanzata di Harry. Poi abbiamo Arthur Gine, avvocato, fratello e tutore di Leslie, che sta prosciugando tutto il suo patrimonio con i debiti di gioco ed è costretto a chiedere aiuto al suo capufficio Fabran Gilder, anche lui innamorato di Leslie. Dunque tre uomini che girano intorno a una ragazza che sembra propendere, sin dall’inizio, verso Dick. E un certo Thomas Luck, il domestico della famiglia, con un passato piuttosto oscuro alle spalle…
A complicare la situazione abbiamo un tesoro che un avo degli Alford avrebbe nascosto da qualche parte e che Harry ricerca incessantemente studiando vecchi documenti, ovvero mille verghe d’oro e una mitica ampolla contenente l’elisir di lunga vita risalente, addirittura, al tempo degli aztechi. Alla sua ricerca partecipa anche Mary Wenner, l’ex segretaria di Harry, cacciata da Dick perché sospettata di voler sposare il fratello solo per interesse.
A tutto ciò si aggiunge il fatto più inquietante della storia, la maledizione dell’abate di Chelfordbury che nel medioevo era stato ucciso su ordine del secondo conte. Ed ora sembra ricomparso, come fantasma, tra le rovine dell’antica abbazia a suscitare terrore…
Il sergente Puttler arriva a pagina novantatré. Alto, magro, sulla quarantina, la fronte bassa, il labbro superiore stirato e lungo, le braccia che quasi raggiungono le ginocchia. Insomma una specie di scimmia. Chiamato da Dick proprio per avere un aiuto in un momento piuttosto difficile, anche se al fratello è stato presentato come un valutatore della sua tenuta, ma non avrà quel peso nella storia che ci si potrebbe aspettare. Intanto viene fuori un omicidio e la sparizione della stessa Leslie. Dove sarà? Qualcuno l’avrà rapita?…
Tutto gira intorno al tesoro, all’ampolla della vita eterna, al misterioso abate nero (Chi è? Perché appare solo in certi momenti?), al denaro e ai sentimenti d’amore contrastanti che provocano scontri tra alcuni personaggi. E poi il buio, la pioggia, la nebbia, la paura, la pazzia, urla, sinistre apparizioni, sotterranei, cunicoli che mettono brividi. Scrittura veloce, capitoletti brevi, brevissimi con continui colpi di scena, una commistione di giallo, gotico, rosa che fila via spedito fino all’ultima riga.
Per I racconti del giallo abbiamo Nel Brunello c’è il tranello di Fiammetta Rossi e Melania Soriani.
Montapicino 2018. Morte del cavaliere Sigismondo Brogi, proprietario di una vigna. Sembra una morte normale per infarto ma c’è qualcuno che non ci crede e allora il maresciallo Ivana Proietti è costretta ad indagare. Saltano subito agli occhi diversi sospettati ed è sparita una boccetta di calcio gluconato, la medicina giornaliera del defunto, proprio quella del lunedì, il giorno della sua dipartita. Poi c’è pure il fatto che il Brunello di Montapicino non è DOC… e allora basta la classica riunione finale per chiudere il caso. Con un gradito invito per la nostra Ivana…

Morte a corte di Rhys Bowen, Il Giallo Mondadori 2020.
Questa volta la quarta di copertina viene a fagiolo per introdurre la storia: “Lady Georgiana Rannoch è a corto di soldi. Pur essendo trentacinquesima nella linea di successione al trono britannico, è costretta a lavorare per guadagnarsi da vivere. Tuttavia non può accettare lavori tali da mettere in imbarazzo la Corona, che d’altra parte non le offre alcun sostegno finanziario. Un’occasione irrinunciabile le si presenta quando il principe Giorgio, quarto figlio del re, abituato alla bella vita e oggetto di pettegolezzi non proprio edificanti, si appresta a convolare a nozze con la principessa Marina di Grecia. Nientemeno che la regina in persona ingaggia lady Georgiana come dama di compagnia della promessa sposa. Tra i suoi compiti, aiutare la principessa ad ambientarsi nell’alta società londinese, portarla a fare acquisti o a teatro, e magari smentire qualunque maldicenza sul futuro marito. Il tutto complicato dal fatto che Kensington Palace, la residenza assegnata alla titolata ospite, risulta popolato da entità soprannaturali…”
Ecco il punto. E la nostra lady, che racconta la storia in prima persona, se ne rende conto quando vede una donna con un lungo abito bianco attraversare un’arcata che porta a un corridoio come se scivolasse senza far rumore. E lì sparire. La cosa si ripete più avanti quando scorge ancora qualcosa di bianco steso sotto la torre dell’orologio. Solo che questa volta non si tratta di un fantasma (si credeva fosse quello della Principessa Sofia) ma di un morto, più precisamente di una morta soffocata dopo avere sorseggiato un whisky con Veronal (lo si scoprirà in seguito), ovvero Bobo Carrington, una delle donne più affascinanti e in vista di Londra. Ma che ci faceva lì? Tra l’altro con una gravidanza recente portata a termine, secondo il medico della polizia, di circa tre mesi. E dove si trova il bambino?
Le indagini sono affidate all’ispettore capo di Scotland Yard Pelham che chiede l’aiuto di Georgiana in modo da indagare con tatto, senza creare scompiglio nelle alte sfere e provocare uno scandalo nazionale. Già sospettati il principe Giorgio e, addirittura, Darcy O’Mara, il fidanzato della stessa Georgiana. Ma non mancheranno anche altri fra cui la contessa Irmtraut. Indagine davvero difficile dentro un mondo nobiliare con le sue etichette, le sue stravaganze e i suoi lati bui nascosti, in una società assai diversa dove convivono “gentiluomini con bombetta e ombrello” e madri che accompagnano “a scuola bambini tutti pelle e ossa”. E Georgiana al centro della scena, intraprendente, sicura, ma anche impressionata dalle dicerie sui fantasmi, con una madre piuttosto “vispa”, un fratello cortese sposato a una donna scostante, un nonno affettuoso, la cameriera Queene servizievole (anche lei ha visto qualcosa di strano), la sua amica Belinda molto “aperta” con l’altro sesso e il fidanzato Darcy O’Mara “bello, in una maniera quasi impossibile.”
La Nostra si infila dappertutto, anche nelle feste e dove si gioca alla roulette russa, finge di essere un’altra persona, chiede, ascolta, rimugina, in contrasto con il sentimento d’amore verso il fidanzato (si sente tradita) e sarà perfino lei stessa sospettata! Scontro finale pericoloso con entrata in scena dei fantasmi. D’altra parte se esistono…

I Maigret di Marco Bettalli

Maigret al Picrats del 1951
Un Maigret molto classico. Freddo e pioggia, ambiente dei locali notturni di Montmartre, squadra degli ispettori al completo (con il giovane Lapointe che, si viene a scoprire, era addirittura innamorato della spogliarellista defunta!), con l’aggiunta del triste Lognon. Tal Arlette, sensualissima “stella” del Picratt’s, locale notturno a conduzione familiare, viene strangolata, e a seguire anche una contessa drogata all’ultimo stadio. La lenta marcia di avvicinamento al colpevole, tal Oscar, fascinoso ex-cameriere, è inesorabile. Il giallo è appena accennato, in compenso le figure di contorno sono fantastiche: da Fred, il padrone del Picratt’s, al Grillo, ad altre appena accennate. Il sesso domina sovrano, molto più dello stesso alcool, pur presente in dosi massicce: quasi tutti sono irrimediabilmente sessuomani, mentre le donne o accettano passivamente, o raggiungono straordinari livelli di ninfomania, come, a quanto pare, entrambe le defunte. Lo spogliarello integrale, marchio di fabbrica del Picratt’s, viene descritto a lungo un paio di volte. A ciò si aggiungono due categorie descritte certo non in modo politically correct (non era stato ancora inventato…): i drogati e i “pederasti”, umanità reietta presentata senza la minima pietà, con un disgusto profondo, viscerale e privo di sfumature. Un mondo abbastanza orribile, sul quale Maigret veglia con grande calma e serenità, del tutto a proprio agio con chi, almeno, non raggiunge i vertici dell’abiezione, come, per esempio, i coniugi tenutari del Picratt’s.

Le memorie di Maigret del 1950
D’accordo, Simenon è in grado di rendere piacevole anche la lista della spesa. Inoltre, leggendo queste pagine si vengono a scoprire tante cose belle su Maigret (penso soprattutto all’infanzia, con i racconti sulla morte per parto della madre; molto carino anche la narrazione dei goffi approcci a Louise, la futura signora Maigret) e, per di più, si ha anche un quadro ritengo plausibile della criminalità a Parigi nei primi anni Cinquanta (Simenon sicuramente si sarà informato a dovere). Senza contare che l’incontro tra Simenon ventiquattrenne e lo stesso Maigret più o meno quarantenne, e il dipanarsi della loro amicizia, è raccontato con finezza. Ma, e vengo finalmente al ma: che senso ha tutto questo? Delle volte si ha l’impressione che Simenon, nel suo lussuoso eremo americano, abbia voluto vuotare i cassetti: perché scrivere un Maigret senza trama, senza alcun giallo, basato per di più su un’incongruenza (Maigret non è uno scrittore – a casa sua non ha neppure una scrivania e la cosa che odia di più è scrivere i rapporti! Figuriamoci se si mette a puntualizzare mille particolari, scrivendo qualcosa di simile alle sue memorie), è una cattiveria nei confronti del lettore: grande per i lettori occasionali, che nulla capiscono di quel che leggono (e un romanzo dovrebbe ambire a essere leggibile di per sé), ma tutto sommato irritante anche per i milioni di seguaci del commissario.

Spunti di lettura della nostra Patrizia Debicke (la Debicche)

Un nuovo e per me inatteso Bruno Morchio nel nuovo libro Dove crollano i sogni, Rizzoli 2020. Non ho ritrovato la colta e perspicace melanconia di Bacci, né l’avventurosa volontà di Il greco, sempre pronto a battersi. Niente di tutto questo, e invece un amaro e inquietante romanzo noir che pesca nel torbido dominato dal carattere della protagonista e voce narrante Blondi, nomignolo di Ramona, esoticheggiante rimando alle telenovelas televisive sudamericane, una ragazza bionda con gli occhi azzurri, bella come un fiore, figlia di madre single che si affanna a fare le pulizie in una casa di riposo e affoga la sua solitudine nel vino cattivo. Amaro, inquietante ma non per questo meno squisitamente realistico. La protagonista Blondie, poco più che bambina, un fiore cresciuto nel fango ma ricca di saputa ignoranza, è indurita da una strana quotidianità di nullafacente indifferenza, con rituali quali vedersi regolarmente con gli amici, fumare qualche spinello ogni tanto e scopare con il suo ragazzo. Per cui già un aborto alle spalle. Un personaggio multiplo, una ragazzetta mal cresciuta o un’astuta allieva delle male lezioni impartite da Youtube e dalla strada? Ma a me, che bazzico di storia, richiama la normale, consueta e scontata fino allo scorso secolo, mostruosa crudeltà dei fanciulli di tutti i tempi, sanguinari protagonisti o vittime ma sempre schierati in prima fila davanti alle esecuzioni. Un romanzo, che a tratti non può e non vuole fare sconti, ambientato in Val Polcevera, quella valle da dove fino a pochi giorni fa si vedeva il ponte ancora tagliato in due ma lì, lì, quasi pronto a ricongiungersi. Diventato forse l’unico vero simbolo in questo nostro oggi, in questa Italia percossa e ferita dalla pandemia, di una chance di rinascita, di una possibile uscita dal tunnel. Ma torniamo a Dove crollano i sogni, un noir classico che strizza l’occhio ai libri di Simenon, ambientando l’azione nei mesi di tragica vigilia del crollo del Ponte Morandi, mentre ci narra il retroscena da cui scaturirà un omicidio. Blondi, diciassette anni, è nata e cresciuta a Certosa, lo squallido quartiere ex industriale fatto di casamenti sbrecciati a quattro piani. Dalla periferia della Certosa il mare non si vede. Là la gente tira solo a campare tra i capannoni dismessi e gli scheletri di fabbriche della vecchia Genova operaia che non c’è più, all’ombra del grande ponte autostradale. Blondi non ha mai conosciuto suo padre. Di lui sa appena che era un marinaio e ha abbandonato sua madre prima della sua nascita. Blondi fa coppia stabile con il bello e arrapato Cris, un imbranato che sogna di comprarsi una moto ma non sa far altro che vivere alle spalle del padre e contestare, rifiutando il lavoro dello zio, stimato proprietario di una falegnameria. Un mezzo sbandato senza testa che passa da una canna a un “tirello” di ero. Loro due ragazzi non hanno mai finito gli studi e frequentano insieme una compagnia di sbandati, salvo forse un vecchio compagno di scuola di Cris, che fa il ragioniere e un muratore peruviano, a conti fatti l’unico ad avere davvero la testa sul collo. Da due anni, dopo avere letto, rubata e poi preziosamente conservata una patinata rivista di qualità, Blondi sogna solo di andarsene in Costa Rica. Perché a Certosa non c’è alcun posto al sole, alcun roseo futuro per lei che abita con la madre in un misero bilocale di periferia. La sua esistenza è tutta là, imprigionata o peggio inchiodata all’asfalto, tra le panchine dei giardinetti e il bar di Carmine, ritrovo degli ultras della Sampdoria, a bere e fumare fino a notte con improbabili amici. Salvo quelle scappate del venerdì e del sabato in centro, con la metro o il motorino, a sbavare davanti alle vetrine per poi la sera scendere nei vicoli vicini al porto, dove impazza la movida, a bere alcol, comprare ganja a poco prezzo, e dopo anche sedersi a guardare il mare di notte. Ma Blondi vuole altro. Lei mira ad altro. Lei vuole fuggire in Costa Rica e iniziare là una nuova vita. Epperò, per poterlo fare, ci vogliono i soldi, abbastanza soldi per pagare il biglietto aereo e arrivati là altri soldi per ricominciare. Ma per averli, occorre trovarli. O prenderli, ma allora bisogna creare l’occasione giusta. O sapersela creare a ogni costo, anche inventandola. Se si è veramente privi di anima e disposti a tutto pur di tagliare la corda, sembra persino facile scordare ogni scrupolo, ogni dubbio, ma proprio tutto e andare avanti fino in fondo, a occhi aperti. Un personaggio da manuale Blondi, costruito con straordinaria e plausibile genialità a tavolino. Un personaggio che ha imparato molto bene a fingere, a muoversi e ad agire pericolosamente. Un diabolico noir, Dove crollano i sogni, ambientato in zone e quartieri di Genova, ormai contaminati dalle nere dita della mafia. Una confessione in diretta che ci rivela il baratro in cui potrebbe facilmente sprofondare certa gioventù priva di innocenza e umanità. Una gioventù priva di altruismo, senza arte né parte, senza ideali, senza speranza e che soprattutto non ha modo e non riesce a imparare a vivere. Si può cambiare qualcosa? Attenti però perché è la stessa gioventù che, come tutti noi, ha dovuto affrontare la sfida del coronavirus, la drammatica peste nera del 2020. Molti hanno reagito bene e gli altri? Avranno imparato qualcosa? Avremo noi imparato qualcosa, o almeno imparato abbastanza da riportare qualcuno dei tanti, troppi giovani sbandati e lasciati in balia di se stessi a pensare e vivere in un altro modo?
Bruno Morchio è nato nel 1954 a Genova, dove vive e ha lavorato come psicologo e psicoterapeuta. È autore, tra l’altro, di una fortunata serie gialla che ha per protagonista l’investigatore privato Bacci Pagano. Per Rizzoli ha pubblicato Il testamento del Greco (2015) e Un piede in due scarpe (2017).

Pandemia di Laurence Wright, Piemme 2020.
Sorpresa, sorpresa, è uscito il 5 maggio e parla, figuratevi un po’, di una spaventosa pandemia provocata da un virus che somiglia tanto al Covid-19. Scritto dallo scrittore, giornalista sceneggiatore e premio Pulitzer Lawrence Wright, reso celebre dal suo Le altissime torri (in inglese: “The Looming Towers”), un bestseller sugli attentati dell’11 settembre poi trasformato anche in una serie televisiva. Insomma, uno che ci sa fare eccome coi disastri di ogni genere. Quale sarà la risposta del pubblico? Ci saranno quelli più schiacciati e provati dai mesi sotto il fatale tallone del Coronavirus che non ne vorranno sapere. Forse ci sarà chi preferirà ridere, leggere magari di impossibili e stravaganti avventure invece di avvinghiarsi all’orrore di descrizioni di morti spaventose. Ciò nondimeno non ho idea del livello di ritorno del masochismo umano, esaltato da un quinquennio almeno di orrori in diretta su You Tube. E se invece nelle affollate “chiese degli adoratori del complotto” si pensasse a metterlo sugli altari per esorcizzarlo? Non mi pronuncio, anche perché Pandemia è un polposo mix di fantapolitica mischiata alla guerra batteriologica con in più, a far da fil rouge, l’americanissima famiglia americana di un rachitico (per colpa dei genitori) ma straordinario scienziato, destinato a salvare una parte di mondo (naturalmente sotto la bandiera a stelle e strisce). Insomma, tanta roba tutta insieme per un romanzo parascientifico su un virus devastante che inizia in Asia prima di diventare globale…

Le letture di Jonathan

Cari ragazzi,
questa volta niente Geronimo e niente Schiappa ma vi presenterò Delitti esemplari di Max Aub, Sellerio 2006.
Questo libro parla di vari delitti commessi da tante persone in cui è spiegato il motivo, il luogo e il modo in cui sono avvenuti. Per esempio: una signora spara ad un altro signore del suo condominio perché continua a russare e non la fa dormire; un signore ammazza con una pietra una signora perché lei ha riso di lui quando è scivolato su una buccia d’arancia; due amici si sono dati appuntamento in città alle sette ma quello più giovane arriva tre ore dopo e l’altro lo scaraventa sotto il primo autobus che passa. Come potete vedere negli esempi l’autore esagera sempre a raccontare le ragioni del delitto, anche per far sorridere il lettore. E dunque si può sorridere anche di morti ammazzati.

Le letture di Jessica

Cari ragazzi,
oggi vi presento La bambina della noce, Edizioni del Baldo 2015.
Una bambina, di nome Mignolina, nasce da un guscio di noce. È alta come dieci formiche. Vuole cercare una casa dove vivere con una mamma ed un papà. Allora prima va dalle rane, poi da un uccellino, poi dai conigli, poi dalla gallina e infine riesce ad arrivare dai genitori. Durante questi incontri impara un sacco di cose e alla fine diventa sempre più grande come una vera bambina. Che bello!

Un saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Aprile 2020

Andiamo subito al sodo con…
Gli invisibili di Valerio Varesi, Mondadori 2019.
“L’uomo era stato ripescato vicino alla foce dell’Enza sulla sponda emiliana. Il cadavere presentava un grosso trauma nella zona occipitale, la probabile causa della morte, e i segni di una forte contusione toracica”. Tre possibilità: omicidio, incidente o suicidio. Da tre anni è chiuso in una cella frigorifera senza che nessuno lo abbia reclamato e ora, secondo la legge, deve essere seppellito. Ma il commissario Soneri di Parma vuole sapere chi è, vuole conoscere il suo nome, sente “affiorare una subdola familiarità con quell’uomo morto e col suo mistero”. Si immagina di essere morto anche lui. Chi lo avrebbe ricordato? La moglie Ada lo aveva lasciato presto ed era stato lui a ricordarla. Non aveva un figlio. Forse Angela, la nuova compagna. E poi vuole trovare delle risposte a tutto ciò che rimane irrisolto. Anche se il questore desidererebbe una cosa veloce, solo formale (un classico).
Personaggio principale, dunque, il nostro Soneri tormentato da certi ricordi dolorosi che annaspa tra realtà e finzione “in quell’universo fluviale sfuggente e cedevole” dove niente e tutto si sprofonda. Il fiume, il grande fiume scuro che con il suo lieve saltellare risveglia un ritmo sepolto nel tempo di culle e ninne nanne. Ma all’improvviso si ingrossa, fa paura e diventa esso stesso personaggio presente e pressante durante tutto il racconto, come la pioggia che cade con “inesorabile regolarità” e la nebbia a stendere un velo di brivido su tutte le cose.
Via al circolo nautico di Torricella per ascoltare, confrontarsi, cercare indizi, via in giro per dissipare la reticenza di chi sa qualcosa e non vuole esporsi. Incontri particolari come quello con il Matto e la sua fissa idea che c’è in giro la Bestia del Po a creare altra atmosfera fosca e inquietante. Ha visto le sue impronte sulla sabbia, attacca anche i lupi, dice, si porta le prede nell’acqua e le mangia.
L’indagine è difficile fatta di piccoli passi, affiorano pian piano intrallazzi, imbrogli, una gestione poco chiara di ristoranti e trattorie, lotte fra clan per la pesca, droga, prostituzione, mafia, camorra e ‘ndrangheta a spartirsi il territorio. Mentre il nostro si è preso una vacanza, ha affittato una casa galleggiante dove pensare, meditare da solo.
In un giallo che si rispetti non manca la buona cucina e quindi troviamo il commissario intento a preparare degli gnocchi al pomodoro su uno strato spesso di parmigiano, oppure a cena al Milord dove affoga con Angela i suoi pensieri “nel burro fuso in cui nuotavano i tortelli di patate di Alceste”, ma anche da Marisa tutto preso dal risotto con lo strolghino, ovvero un sottile salame tagliato a piccoli dadi che gli provoca un “fiotto d’allegria e un guizzo dei succhi gastrici”.
Soneri, comunque, continua la sua lotta contro il tempo (non può tirarla troppo per le lunghe), si divincola fra gli ostacoli, annaspa, accende spesso il Toscano per calmare la sua ansia, aiutato dall’amore e dalla forza di Angela. Ma ecco che qualcosa appare, si fa strada nella sua mente. Quello che viene fuori dalla lettura del libro è il problema dei rifiutati come figli e dal mondo stesso, degli “invisibili” con la loro rabbia, il desiderio di essere amati ma incapaci, allo stesso tempo, di amare. La storia è un intreccio, una mescolanza di atmosfera opaca, di lentezza e malinconia. Perché chi ha vinto sono i cinici e gli indifferenti. E allora non resta altro, secondo Soneri, che raccogliere “i morti dopo la battaglia”.

Rito di sangue di Anne Perry, Il Giallo Mondadori 2020
Inghilterra 1870. Più precisamente nell’ufficio di un magazzino della zona portuale di Londra, “il cadavere giaceva supino sul pavimento; nel petto gli era stata infissa una baionetta. Innestata su un fucile militare. Il morto sembrava in tal modo sormontato da un albero di nave spezzato, in procinto di crollare da un momento all’altro”. Ma non è finita qui. Le dita della mano destra sono tutte spezzate, le labbra asportate e ficcate in bocca, intorno diciassette candele con lo stoppino rosso (due delle quali viola scuro) che sembra intinto nel sangue. Un delitto raccapricciante e una bella gatta da pelare per il comandante Monk della polizia fluviale. Intanto trattasi dell’ungherese Imrus Fedor come dichiara il suo connazionale Antal Dobokai, farmacista che sa tradurre in inglese, ed era venuto a consegnarli una medicina.
Delitto efferato, crimine d’odio commesso sotto un impulso incontrollabile. Occorre sapere tutto il possibile sul morto, con l’aiuto di Hooper, braccio destro di Monk, e quindi via a parlare con i vicini. Viene a galla il problema del “diverso”, di colui che è nato in un’altra nazione e non è ben visto dagli inglesi. Comunque Imrus era un imprenditore “educato, niente debiti, nessun vizio, affabile, tranquillo, pulito, generoso”. Chi poteva avercela con lui? Allora bisogna considerare il numero diciassette delle candele. Che ci sia sotto una società segreta degli occultisti? Il colore viola significa, infatti, potere, un potere oscuro. Oppure, oppure la rabbia dei protestanti contro i cattolici ungheresi?…
Arriveranno, poi, altri morti uccisi con le stesse modalità a complicare ulteriormente un’indagine lunga e difficile. Il racconto si svolge su due piani: il presente ricco di atmosfera misteriosa, di paura, di scontri (la folla inferocita mette in pericolo anche Monk) e il passato che riaffiora angoscioso sia per lo stesso Monk (aveva perso la memoria nel 1856 subito dopo la guerra di Crimea), per la moglie Esther (infermiera durante quella guerra) e anche per il medico Herbert ossessionato da incubi, sospettato e processato. E qui si apre la fase processuale con l’accusa e la difesa a scontrarsi sfruttando tutte le loro capacità. Fino a quando… fino a quando il nostro Monk riesce a capire come siano andate veramente le cose. Perché c’è pure di mezzo la pedofilia…
L’idea fondamentale del libro è che le tragedie della guerra si ripercuotono inesorabilmente nell’animo di chi le ha vissute e che il pregiudizio, come pensa la stessa Esther ha, al fondo, la convinzione che il diverso, il differente costituisce una minaccia alla propria tranquillità. Problema, aggiunge il sottoscritto, vivo ancora oggi.

La cattiva stella di Georges Simenon, Adelphi 2019.
Una storia di falliti. Di falliti borghesi, come tende a sottolineare lo stesso Simenon. Una nutrita serie di racconti sul “turista da banane” che se ne va in giro nelle isole del Pacifico, ovvero “storie di gente che quando è partita era piena di entusiasmo, di vita, di speranze, di progetti, e che i tropici hanno ridotto in uno stato che…” Ce lo spiegherà più avanti l’autore. Vediamone qualcuna di queste storie in cui, ad un certo punto, arriva la cattiva stella…
Come quella di Popaul che ha ottenuto una concessione per abbattere alberi nella foresta equatoriale. Però non riesce a venderli e si ritrova in una capanna sporca in mezzo a una cinquantina di negri. Con l’idea fissa di essere avvelenato dopo una serie di coliche. Forse è opera di quel negro, forse di quell’altro. Gliela farà pagare… Oppure la storia di un visconte che se ne va in Nuova Caledonia. E lì rimane povero con quattro o cinque mogli ricoperto di pustole fissato a guardare il mare. E quella dell’Alsaziano a Tahiti che finisce al lebbrosario della città.
Fallimenti e fallimenti da non giudicare troppo severamente secondo monito dell’autore. Dove ci può essere lo zampino del Caso. Vedi la storia del discendente di una nobile famiglia francese durante un viaggio di piacere nel Sudamerica. “In una torrida cittadina popolata di indios e avventurieri si azzarda, per curiosità, a bere la chicha”, una mistura di mais masticato dalle “indie sporche e sdentate” ed ecco che non ne può fare a meno. La famiglia manda allora a trovarlo il figlio minore che lo convinca a ritornare in patria. Ma anche lui beve la chicha… Ora siamo in uno degli isolotti tra la Nuova Guinea e la città di Numea. Qui da tre anni, e forse di più, ci sono due bianchi il cui unico passatempo serale consiste nel giocare a scacchi in attesa del benedetto sonno. Uno di loro va a letto con una canaca, la donna del luogo che viene trovata strangolata in un boschetto. Chi è stato? Forse l’amico geloso…
Insomma non se ne salva uno. Nemmeno Millet, partito alla ricerca del sole, della libertà che si ritrova in un “porto grigio e piovoso”, oppure la baronessa Wagner suicidatasi alle Galapagos dopo aver fatto la bella vita a Montparnasse e ancora il dottor Ritter che ha lasciato scritto delle Memorie da cui si ricava “che queste incantevoli isole non sono fatte per l’uomo e che la natura stessa si oppone alle sue imprese…”.
Falliti! Tutti quanti falliti. Tutti quanti con il sogno di una vita agiata senza preoccupazioni per il futuro. Lì nelle isole ai tropici sotto il sole opprimente e l’aria infestata da malattie rare. Un tourbillon di situazioni difficili, incasinate, grottesche, presentate con uno sguardo ironico e sorridente. Non una parola di più, non una parola di troppo. Alla Simenon.

L’incredibile viaggio di Todd Downing, Polillo 2014.
“Farà saltare in aria il treno?” “Sì, è stata questa la sua minaccia. Mi è parso necessario avvertire qualcuno” si confida Saul King con Hugh Rennert, agente del Tesoro americano in viaggio da Laredo a Città del Messico (per essere precisi è stata la moglie di S.K. a udire queste parole).
Il treno non salterà in aria ma il morto ammazzato salta fuori lo stesso dopo una lunga galleria ucciso con una iniezione ipodermica di nicotina (vedete un po’ come le studiano).
Sette i viaggiatori di una carrozza tra cui si nasconde l’assassino (lo dirà in seguito lo stesso Rennert che indaga): “King, Spahr, Radcott, il messicano dallo sguardo furtivo, l’uomo dai capelli grigi, l’individuo alto che aveva l’aria di un agricoltore e la signora vestita di taffetà nero che portava un anello al dito e le maniche coi polsini”. Avvoltoi che sembrano seguire il treno, costretto a fermarsi per un guasto alla macchina, a creare un clima lugubre e spettrale, una spilla da cravatta trovata, un tagliacarte sparito, una cappelliera che non è al suo posto e altri piccoli indizi sparsi qua e là.
Ancora: un secondo omicidio che avviene con le stesse modalità, l’isolamento della carrozza in cui si trovano i sospettati, delitto che si riallaccia a un altro delitto del passato, l’inquietudine e la paura che serpeggiano, la tensione in continuo aumento, anche per la presenza dei soldati sul treno che temono un attentato del movimento dei Cristeros ribelli al governo.
Scrittura precisa, accurata, personaggi credibili, colpo di scena finale ben assestato, e insomma un lavoro svolto con la bravura dell’artigiano di un tempo che fu.

I Maigret di Marco Bettalli

Maigret e la vecchia signora del 1950
Tutto il romanzo ruota intorno alla figura di Valentine, vecchia vedova demodé nella cui casa “di bambole” avviene un inspiegabile assassinio, per avvelenamento, della sua donna di servizio, la giovane Rose. Valentine appare inafferrabile: con Maigret è sciolta, simpatica, ironica, insomma una meravigliosa vecchietta, mentre sempre più fonti la descrivono come un mostro, avida arrampicatrice sociale priva di scrupoli e di veri sentimenti, persino nei confronti dei figli. Questi ultimi vanno a comporre una curiosa compagnia: una figlia totalmente e disperatamente ninfomane (Simenon indulge spesso nel descrivere donne del genere, segno del suo rapporto non facile con il gentil sesso…; piccola nota di costume: nella prima traduzione italiana degli anni Cinquanta, questa parte venne censurata!), un figlio “arrivato” (è deputato) ma irrimediabilmente coglione (nei romanzi di Maigret i deputati, gli uomini importanti sono sempre degli idioti), l’altro il cui scopo di vita sembra quello di assomigliare al duca di Windsor. Sotto lo sguardo un po’ stupito dell’ispettore del luogo (siamo a Étretat), Maigret, più che altro, beve: lo fa sempre, in ogni romanzo, ma qui l’abitudine diventa quasi parossistica. Questo non gli impedisce, ovviamente, di dipanare la matassa, basata su tristi questioni di gioielli di valore: alla fine, erano le voci su Valentine a essere vere, non la sua fragile immagine dal vivo: la donna è davvero un mostro.

Cécile è morta del 1942
Ripeterò l’incipit de L’ispettore Cadavre: la differenza sta nei particolari. Cécile è morta (pubblicato in Italia, originariamente, con il titolo poco sensato Un’ombra su Maigret) è uno dei migliori Maigret, nonostante la trama arzigogolata, mille particolari che si ripetono, personaggi già conosciuti che si agitano seguendo binari prestabiliti nella Parigi piovosa di inizi autunno. È splendido perché ha i ritmi giusti, gli snodi giusti, un Maigret presente in ogni pagina nella sua grandiosa personalità, con tutti i suoi pregi e i suoi apparenti difetti (“pareva di un’arroganza incredibile”, e lo dice la signora Maigret! e mai come in questo romanzo, in effetti, il nostro è stato così scorbutico, inavvicinabile, persino scortese). Nelle ultime pagine, viene anche reintrodotto il personaggio dell’anglosassone simpatico e un po’ ingenuo venuto a studiare i suoi metodi (v. per esempio Il mio amico Maigret), con la evidente funzione di esaltare l’onnipotenza del commissario. Anche la trama gialla, pur complessa, non è così campata in aria e si snoda tra i soliti protagonisti da Comédie humaine, la vecchia avara all’inverosimile, i parenti poveri che si portano dietro la croce di irredimibili complessi di inferiorità, avvocati sussiegosi, ragazzine un po’ ninfomani, portiere laide con il torcicollo e, soprattutto, l’ex-avvocato pedofilo, per cui Maigret prova una repulsione fisica che fa tenerezza, assecondato da Simenon che descrive l’uomo come un vero e proprio monstrum, che ha disegnati in faccia e nel corpo i suoi terribili impulsi, seguendo una teoria lombrosiana utile a far risaltare la castità e la assoluta purezza dello stesso Maigret, in questo romanzo molto evidenziata. Si vedano a questo proposito la scena al cinema o l’incontro con i tenutari dei bordelli, o persino l’affermazione (veramente al limite della verisimiglianza!) secondo la quale Maigret aveva qualche difficoltà di rapporti persino con il buon Cassieux, capo della Buoncostume, per il solo fatto che quest’ultimo aveva di continuo a che fare con gente immorale…

Spunti di lettura della nostra Patrizia Debicke (la Debicche)

La signora del martedì di Massimo Carlotto, edizioni e/o 2020.
Romanzo corale dal gradevole sapore teatrale questo La signora del martedì di Massimo Carlotto, molto ben recitato dai tre personaggi principali: il signor Alfredo Guastini, attempato omosessuale che indossa gli abiti di una signora elegante d’altri tempi e che parla di sé al femminile, Bonamente Fanzago, attore porno quasi in pensione che tiene ancora duro e la misteriosa signora che ogni martedì, da ben nove anni, dalle 15 alle 16 si infila nel suo letto per approfittare e pagare i suoi servizi da gigolò. Lo scenario è misterioso e suggestivo, siamo d’inverno, in provincia, dove? Forse la riviera romagnola, o magari più a Nord. Comunque una cittadina sul mare, ma d’inverno il mare sembra così lontano… Imprescindibile e irresistibile filo conduttore della trama, un albergo di sapore felliniano, la Pensione Lisbona. Vecchiotta, ben tenuta, poche camere messe con gusto, sempre aperta ma poco frequentata, la Pensione Lisbona funge da impagabile palcoscenico di tutta la storia. Ma torniamo al romanzo e alla sua straordinaria galleria di personaggi, riprendendo da Alfredo Guastini, vero elemento trainante della narrazione, abbiente proprietario della Pensione Lisbona, attempato omosessuale di buon cuore, capace di cacciarsi nei guai per amore, magari egoistico, ma sempre amore…
La signora del martedì è un giallo che azzarda persino e con rara abilità a sfiorare i toni del fotoromanzo. Ma è un giallo ben calibrato da ogni punto di vista, in cui soprattutto si privilegiano i migliori istinti dell’amore, di qualunque genere sia. E quando Nanà si troverà davvero nei guai, potrà far conto su uno sconosciuto signore dagli stivali: lo riconoscete? Proprio lui, Marco Buratti l’Alligatore, che interviene nel ruolo di angelo custode con l’aiuto di una coppia specializzata nel far sparire cadaveri. E se necessario persone. E poi chissà se la storia di Alfredo, Bonamente, Alfosina sarà proprio finita? Come recita a ragione la quarta di copertina, stavolta Massimo Carlotto va al di là del noir. E ci regala l’arguto ma colto divertissement di una trama variegata, perfetta per raccontare i nostri tempi afflitti da tante incontrollabili difficoltà. Insomma una storia di cui tutti potremmo essere stati testimoni, magari per caso, o volontariamente attori. Tutti coinvolti? E comunque bravo Massimo! Esperimento azzeccato: un romanzo notevole, permeato di un fine e geniale umorismo che seduce.

Il corpo del peccato di Silvia Di Giacomo, Foschi 2020.
Secondo Gianluca Morozzi, il commissario Claudio Degli Esposti è “un personaggio che mancava al noir bolognese. Solo l’eclettica Silvia Di Giacomo l’avrebbe potuto inventare”. E voilà il personaggio di Silvia Di Giacomo. L’autrice a pagina 10 ce lo presenta come poliziotto e bravo investigatore, poi però nelle pagine successive precisa che Degli Esposti ha il fallimento del suo matrimonio dietro le spalle, conserva ancora dentro di sé ferite psicologiche dovute a demoni personali che l’attanagliano e sta portando avanti un appassionante ma difficile rapporto affettivo che potrebbe trasformarsi in una trappola fatale. Richiamato con urgenza al lavoro alle otto di sera, il Commissario Claudio Degli Esposti si sta recando sul teatro del delitto in sella a una Vespa. Stavolta lui e la sua valida e bionda collaboratrice, l’ispettore Giulia Nanni, dovranno far fronte a un omicidio dagli anomali connotati. Apparentemente infatti Maddalena Zorbi, ultraottantenne, vecchia e ricca signora della Bologna bene – quella che conta economicamente e dispone di relazioni in alto loco – è stata aggredita, buttata a terra e pugnalata in casa sua, nel pomeriggio. Ma le scena del delitto è stata pesantemente inquinata da chi l’ha trovata…
Una scelta narrativa che si avvale del continuo cambio del punto di vista e spesso della narrazione in prima persona. Come per gli struggenti intermezzi in corsivo che a mio vedere forse sarebbero risultati più incisivi se i collegamenti temporali fossero stati in parallelo. Ciò nondimeno una trama che coinvolge, portando in scena un bel carosello di eroi e antieroi. Storia di tante vite, vite che si incrociano ma soprattutto un grido di denuncia per il barbaro sfruttamento di corpi femminili, per le tante donne abusate e rese schiave dalla paura. Donne coraggiose però, che non arretrano davanti alla scelta di imboccare tutte le strade, anche quella della vendetta, per riscattarsi a ogni costo davanti al mondo.

Le letture di Jonathan

Cari ragazzi,
oggi vi presento Diario di una Schiappa. Non ce la posso fare! di Jeff Kinney, il Castoro 2016.
Come succede in ogni sua avventura, Greg combinerà un sacco di pasticci. Ovviamente non posso elencarveli tutti perché sennò finirei domani mattina. Quindi ve ne dirò due o tre, senza, però, raccontarvi la fine in modo che, per scoprirla, dovrete leggere il libro!
Un giorno il nonno di Greg decide di trasferirsi da loro perché hanno aumentato il costo dell’ Happy Residence dove viveva prima. Qualche giorno dopo la famiglia va al supermercato e il nonno resta a casa da solo, ma quando tornano scoprono che…
Il mese dopo Greg deve fare una gita con la scuola alla Fattoria Vitadura, vorrebbe restare a casa a giocare ai videogiochi ma i suoi genitori lo costringono ad andarci. Niente computer e cellulari per un intero fine settimana. Deve cavarsela come fanno gli adulti. Ce la farà?…

Le letture di Jessica

Cari ragazzi,
oggi vi presento Il brutto anatroccolo di Hans Christian Andersen, EdiBimbi 2010.
Una anatra cova le sue uova. Si schiudono ma l’ultimo uovo più grosso degli altri non ci riesce. Poi alla fine si schiude e viene fuori un anatroccolo grigio. Al pollaio tutti lo prendono in giro, gli dicono che è brutto, non lo vogliono con loro. Anche i suoi fratelli incominciano a maltrattarlo. Disperato fugge via. È sempre più triste e solo, ma un giorno mentre vola vede tre cigni nuotare in un laghetto. Si avvicina e guarda la sua immagine riflessa nell’acqua. Ora non è più brutto perché è diventato un bel cigno anche lui. Che bella trasformazione!

Un saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Marzo 2020

Il sorriso politico…
Due parole sul sorriso a presa di culo del politico mentre parla il politico della parte avversa. Ci avrete fatto caso. Impossibile non averci fatto caso. Uno parla e l’altro sorride. A presa di culo, si capisce, infiorettato da mille smorfie per rendere ancor più manifesta la presa di culo. Come a dire ma che stronzate tira fuori questo, ma che coglione è questo, ma chi ce l’ha mandato. Un sorriso carico, duro, caricaturale, ma va bene anche un sorrisetto spocchioso che l’altro non se lo caca nemmeno. Un sorriso politico, insomma. E non si sa bene chi faccia più sorridere, se quello che parla o quello che sorride.

Dipartimento casi bizzarri di Carter Dickson, Il Giallo Mondadori 2019.
Un uomo agitato, “dagli occhi leggermente sporgenti e dal naso indagatore” arriva a Scotland Yard. “Lo hanno ucciso proprio davanti ai miei occhi!” farfuglia alla guardia, e avrebbe potuto uccidere anche lui, aggiunge ancor più trafelato. “Chi è stato a fare tutto questo?”. “Un paio di guanti”.
Ecco l’inizio del primo racconto di storie assurde, di casi bizzarri che vedremo velocemente. Continuiamo…
Dorothy Brant si sveglia da un sogno confuso in un cottage di montagna dove è venuta con il padre e con il cugino Harry. Tutto bene, solo che, sta rimuginando, c’è quella vecchia bisbetica della signora Topham, tra l’altro pure ladra, nel cottage vicino a sciupare tutto. Ma la suddetta signora Topham si trova ora all’ospedale con la testa fracassata, e le impronte sulla neve che si dirigono verso il suo cottage sono solo le sue. Per il sovrintendente Mason è lei l’assassina. Senza alcun dubbio.
Un edificio assai particolare in Sloane Street. Tutti gli appartamenti sono arredati allo stesso modo. Ronald Denham, un po’ alticcio per aver partecipato ad un party per soli scapoli, verso mezzanotte sale al suo appartamento al secondo piano. Qui trova qualcosa di strano, ovvero certi paralumi e un quadro che non ha mai visto. E trova pure un tizio “tranquillamente seduto in una sedia dallo schienale alto accanto alla porta” con l’impermeabile messo a rovescio. È morto. Morto che sembra poi sparito completamente e ritrovato, addirittura, nell’ascensore con l’impermeabile rimesso a dritto. Strano, eh…
Una rapina alla banca di quattro uomini. Vengono catturati ma delle ventimila sterline rubate neanche un penny addosso a loro. Il malloppo l’hanno nascosto o passato ad un ricettatore. E c’è una signorina che questi soldi li ha visti davvero in casa di un noto avvocato. Solo che sono scomparsi anche dopo un’accurata perquisizione da parte della polizia. Eppure stanno ancora lì…
Siamo all’Orient Club. La signorina Rapport sta ballando coperta dal trucco, mentre una ragazza sparisce con un portafoglio seguita dal poliziotto Jim Matthews (si trova lì alla ricerca di un noto borseggiatore). Proprio nel camerino della Rapport pugnalata alla schiena “con un paio di lunghe forbici acuminate”. Sembra lei l’omicida ma c’è qualcosa che non quadra…
Al casinò di La Bandelette. Un giovanotto che perde un sacco di soldi, ossia il signor Winton e un altro che vince parecchio, Ferdie Davos. Il primo, però, si può beccare ben diecimila dollari se si reca da un medico ad un certo indirizzo fra un’ora su proposta del secondo. Proposta davvero strana ma accettata (i soldi fanno comodo). All’ora stabilita si avvia, da lontano scorge Davos camminare, sente un grande rumore e un grido orribile, si volta per un attimo e poi vede Davos scalciare in terra pugnalato alla base della nuca. Morto e sembra proprio lui l’assassino all’agente che sta arrivando.
Il giornalista Bill Stacey cammina con una pesante valigia verso la Zampa del Leone per rivedere Norman Kane ma, soprattutto Marion, la nipote e segretaria di Kane. Ed anche Norman Kane, eccezionale affarista nella City, anche se per lui un “colossale truffatore.” Ma ecco, lo vede da lontano sulla spiaggia che gli grida “Vieni a fare un tuffo!” Poi tutto precipita. Ondeggia premendosi le mani contro il petto e cade a faccia in giù. Nello stesso tempo arriva Marion con il dottor Hastings. L’uomo è morto, addirittura ucciso secondo il dottore. Ma come?…
Dal colonnello March del Dipartimento Casi Bizzarri (ne riparleremo alla fine) arriva lady Patricia Mortlake con il cagnolino Flopit. Vuole che ritrovi il suo ricco fidanzato Francis Hale scomparso in un “terribile ufficio di Piccadilly”. Beccato lì, proprio da lei, tra le braccia di una “orribile sgualdrinella dai capelli rossi.” Ma, dopo un po’, completamente svanito.
Una maledetta radio infastidisce Douglas Chase che sta lavorando a una tesi storica per una docenza in un’università americana. Se riesce a vincere la sfida con K.G. Mills che non conosce. Ma la radio diventa davvero insopportabile. Decide di scendere dall’inquilino di sotto e, guarda caso, trattasi proprio di Kathleen Gerrard Mills. Il suono, però, sembra provenire dall’appartamento vicino che risulta vuoto, disabitato per qualche brividoso motivo. Sempre che non ci sia dentro un morto…
A indagare su questi casi incredibili c’è proprio un ufficio apposito del Dipartimento Casi Bizzarri guidato dal colonnello March “un uomo amabile e imponente (peserà almeno un quintale), dalla faccia lentigginosa, gli occhi azzurri vivaci e cordiali, e una pipa estremamente corta che gli sporge da sotto i baffi ben curati, di un colore incerto tra il grigio e il sabbia” insieme al paziente e incredulo ispettore Roberts. Ci penserà lui, innamorato degli enigmi e spesso con il sorriso, a risolvere i vari ambaradan tra scambi di persona, imitazione, daltonismo, mistero sulla scia della famosa “La lettera scarlatta”, sostituzioni di persona, sosia, finto morto… e tante altre diavolerie davvero impensabili.

Il gioco del mai di Jeffery Deaver, Rizzoli 2019.
Di crimini commessi seguendo orme già prestabilite ne abbiamo visti. Come, per esempio, l’assassino che imita alla perfezione gli omicidi tratteggiati in un noto romanzo poliziesco o segue, addirittura, le mosse di una partita a scacchi. Con l’evoluzione della società in senso tecnologico il sanguinario “imitatore” si rivolge a un’altra forma di espressione. In questo caso al mondo dei videogiochi. Ovvero a un particolare videogame (lo sapremo in seguito).
In breve. Scompare Sophie Mulliner, studentessa diciannovenne nella Silicon Valley. Lavoro per Colter Shaw, un tracker, un ricercatore di persone scomparse che gira con il camper Winnebago, la Malibu e la Glock 380. Diecimila dollari la ricompensa da parte del padre Frank per il suo ritrovamento. Sicuramente non è fuggita perché non avrebbe mai lasciato Luka, il suo “barbone di grande mole”, anche se c’era stato un litigio fra i due per il cambio di casa in una zona del sud. All’inizio lo troviamo addirittura intento a salvare Elizabeth, una donna incinta, rapita e prigioniera su una imbarcazione che sta affondando. Poi l’azione si sposta indietro di due giorni per il citato caso di Sophie.
Via al Quick Byte Café di Mountain View, il posto in cui la ragazza si trovava mercoledì pomeriggio prima di scomparire. Visione dei filmati di sicurezza: qui, oltre a Sophie in bicicletta, è inquadrata un’altra persona con occhiali da sole e coperta dal cappello. Il rapitore?… Tra gli altri avventori, incontra la bella rossa Maddie (futuri salti sul letto?) che lo avvicina al mondo dei videogiochi (verrà lui stesso preso dal vortice del gioco) aprendo uno spiraglio di luce sulla scomparsa della ragazza.
La figura di Colter Shaw si staglia al centro della scena con i suoi ricordi, alternati al presente, soprattutto del padre Ashton, il Re del Mai, e delle sue regole perché quasi tutte incominciano proprio con la parola “mai”. Padre che era scomparso e poi ritrovato morto all’Echo Ridge. Un incidente per la polizia ma non per lui che sospetta essere stato ucciso. Nell’immensa casa della Tenuta dove vivevano gli Shaw un mucchio di libri. Colter era stato attratto in particolare da quelli di legge, aveva fatto tirocinio in uno studio di un avvocato e sapeva tutto sul diritto penale.
Ma ecco scompare un’altra persona, Henry Thompson, e affiorano i primi dubbi, si accendono le prime luci. E se tutto dipendesse da un gioco malato? Sophie, infatti, era stata lasciata nella stanza di una fabbrica abbandonata con cinque oggetti che poteva utilizzare per sopravvivere. Proprio come nel videogame “L’Uomo che Sussurra”…
Colter Shaw, dicevo, al centro della scena contornato, però, da una serie di personaggi che hanno la loro ben costruita personalità nel bene e nel male, il loro modo di vivere, i loro interessi, il loro vissuto. Non sempre facile come quello della poliziotta Standish, gay e nera, costretta a subire battutacce e prese in giro dagli altri colleghi. In una Silicon Valley “che non è solo ricchezza, potere, modernità scintillante”, ma anche un luogo duro e terribile per chi è debole e incerto.
Concludendo. Tutto ruota intorno al mondo dei videogiochi che muove una enorme mole di denaro e interessi oscuri, un mondo che attrae e affascina dal quale possono scaturire le nuove menti perverse del crimine. Momenti di dubbio, perplessità (diversi sono gli indiziati), intrecciati a ricordi, a movimento, azione, scontri, pericolo e morte. Con Colter pronto a ogni evenienza per risolvere i vari casi e scoprire, finalmente, la verità sulla fine del padre.

La sposa nel lago di Cocco & Magella, Marsilio 2019.
Como e dintorni a febbraio. Due omicidi nel giro di poco tempo. Un anziano clochard nella vecchia zona industriale con la testa fracassata che sembra essere stato trascinato lì. Un clochard particolare, chiamato il “Professore” dal portamento e dai modi eleganti. E una bella ragazza, Ginevra Bassi, studentessa di diciannove anni, ritrovata senza vita (si scoprirà essere stata soffocata) sul ramo orientale del lago di Como, da un monaco al quale sembra una vera e propria “sposa”.
Due vicende che si intrecceranno inevitabilmente fra di loro (un classico) sulle quali deve indagare la commissaria Stefania Valenti. Una poliziotta vera, dura, ferrea, energica e nello stesso tempo gentile, divorziata dal marito vive con la figlia Camilla e il nuovo compagno Luca. Aiutata dai fedeli Piras e Lucchesi che presentano una loro ben costruita fisionomia. Collaborativa ma anche in contrasto con le alte gerarchie (altro classico).
Andando avanti con energica volontà si scoprono diverse “cosette”. La ragazza era fidanzata ma aveva anche una relazione poco chiara con un uomo molto più anziano. Al dunque viene fermato il fidanzato praticamente senza un alibi, ma non sembra la soluzione giusta, perché la vicenda è davvero complicata: “Si trattava di una partita a scacchi, in cui la mossa vincente poteva risultare, a seconda dei punti di vista, lontanissima o a portata di mano.” Pesano diversi elementi: i rapporti difficili nelle relazioni familiari e amorose, un misterioso testamento con una somma ingente “quantificabile in almeno un milione e mezzo di euro” completamente sparita, i problemi del figlio e del figliastro, quelli inerenti alla ludopatia, certe foto che possono offrire nuovi spunti…
La nostra Stefania Valenti ce la mette tutta alle prese con la figlia Camilla che cresce “ad una velocità impressionante” e con Luca, il compagno, che teme di perdere, sia per il suo notevole impegno di lavoro sia per la differenza di età (fino a quando sarebbe rimasto al suo fianco?). Una storia basata soprattutto sui mille risvolti di una tosta indagine (c’è anche l’amico giornalista a dare una mano) inframezzata da sprazzi di paesaggio (spazi aperti, il lago…) e brevi momenti di relax. Per risolvere il problema bisogna alzare lo sguardo. In alto. Come sempre. In una società dove le differenze ci sono, si vedono e contano.
Alla fine del precedente libro Ombre sul lago, Guanda 2013, avevo scritto “Buona lettura senza urletti di gioia.” Confermo. Un giallo ben confezionato lungo linee, purtroppo, risapute.

L’urlo di Margaret Millar, Il Giallo Mondadori 2019.
“Quattro mesi dopo, vennero ritrovate le ossa di Annamay a circa un miglio più in su del torrente, sotto un cumulo di foglie secche coperte da un groviglio di edere velenose. In quel periodo dell’autunno, l’edera del Canada aveva il fogliame rosso ed era molto bella.” Annamay Hyat è una bella bambina di otto anni, ribattezzata “la principessa” che gioca spesso con le sue amiche, tra cui la cugina Dru, in un palazzo in miniatura costruitole da un architetto. Ma un giorno scompare, forse per non aver seguito i consigli di una poesia scritta per lei “Non parlare con gli sconosciuti, anche se loro ti sorridono. Non accettare mai un passaggio da nessuno, neanche per mezzo miglio… Corri via subito. O quello potrebbe essere l’ultimo giorno della tua vita.” Ora, secondo la perizia del coroner “Non era affogata, non si era rotta una gamba, non era stata avvelenata dall’edera né colpita da un fulmine”. Dunque era morta per mano di una persona non identificata.
La sua scomparsa e la sua fine mettono in crisi il rapporto matrimoniale fra il padre Howard e la madre Kay. I mesi di attesa l’hanno invecchiata, è stanca, è triste, non ha più niente da amare. L’amico Benjamin (Ben) cercherà in tutti i modi di riappacificarli (anche lui, però, in conflitto con l’amante Shelley Quinn) portando la donna perfino a ballare. Comunque Howard e il reverendo Michael Dunlop, che ha visto nascere la bambina, non si perdono d’animo e si mettono in moto per scoprire il colpevole. E allora via ai colloqui con chi la conosceva, via alla lettura dei file della polizia riguardanti il caso portati di nascosto dalla segretaria del vicesceriffo, via a sentire la nuova inquilina, la pazza miss Rosa Firenze, “matta come un cappellaio”, che urla, tiene delle memorie interessanti e ha avuto delle strane visioni il maledetto giorno della scomparsa di Annamay. Poi c’è anche il signor Cassandra che ha visto qualcosa di particolare, sempre quel fatidico giorno e, ultimamente, la cugina Dru prende dei brutti voti a scuola, è nervosa, racconta un sacco di bugie, non sembra più la stessa…
L’autrice scava nei rapporti matrimoniali e non mettendo in rilievo i lati più bui e nascosti, le difficoltà, i malumori, le insofferenze, gli scontri, il maschilismo e la violenza imperante, insomma un senso di vuoto e disagio circola nella vicenda con il classico colpo di scena finale improvviso e insospettabile.
Per I racconti del giallo abbiamo Sul Tagliamento di Raffaele Serafini.
Fernanda. Una poliziotta lasciata dal primo e unico fidanzato. Sta guardando una foto di un nordafricano ucciso con una coltellata al petto. Omicidio volontario, in Friuli. Poi l’incontro con una vecchia amica e un’uscita a quattro in trattoria. La discussione cade sul delitto perfetto. Deciso così, a caso, senza un movente… Raccontino gustoso con spunto da Diario di un assassino di Leo Bruce. Ma epilogo diverso.
Per La Storia del Giallo Mondadori, Gli anni Novanta… e oltre di Mauro Boncompagni.
Questa è la volta di una serie succosa di artisti del giallo: James Yaffe, Shelley Smith, Ruth Rendell, Colin Dexter, Michael Dibdin, Lilian Jackson Braun, P.C. Doherty ovvero Paul Harding come pseudonimo, John Franklin Bardin, Martin Edwards, Paul Halter, Rhys Bowen, Maureen Jennings. Da leccarsi i baffi. E la storia della prestigiosa collana continua.

I Maigret di Marco Bettalli

Il mio amico Maigret del 1949
L’ideuzza di mettere l’inappuntabile e molto british ispettore Pyke – inviato da Scotland Yard per studiare i metodi del nostro commissario – appiccicato a Maigret quasi 24 ore su 24, con il conseguente fastidio del commissario e una serie infinita di piccole gags legate alla circostanza non è poi geniale, quanto meno non se ne sentiva certo la mancanza: Maigret è perfettamente in grado di reggersi da solo e la faccenda sa un po’ di riempitivo, visto che a volte il nostro sembra non sapere bene come arrivare in fondo alle 150 pagine canoniche. Il nodo centrale del romanzo è l’isoletta di Porquerolles, al largo di Tolone, nella quale Simenon visse a lungo, scrivendovi vari Maigret (ma non questo): luogo magico, e universo a sé stante, di quelli che affascinavano lo scrittore, e non solo lui. Qui vivono un sacco di spostati, portati alla deriva dai loro insuccessi, dalla loro stanchezza, dai loro peccati, dalla loro malattia: e tra questo branco di disadattati che bevono a più non posso, prendono il sole e giocano a carte (e persino a scacchi) matura uno strano delitto, che Maigret risolverà collegandolo a una faccenda di falsi Van Gogh. In effetti, il giallo è pressoché inesistente, mentre tutto il resto – l’isola, i suoi curiosi personaggi, la porquerollite che prende quasi tutti, inducendoli a non voler più tornare nel mondo, e sta per catturare persino il nostro commissario, più meditabondo e malinconico che mai, – lascia una traccia delicata e dolente. Non uno dei migliori Maigret, ma non un Maigret banale.

Maigret a New York del 1947
Maigret, cinquantaseienne in pensione nella sua casetta nella Loira, si trova catapultato a New York, dove vive un’avventura abbastanza complessa, non senza assumersi qualche rischio personale, sulla scia del suo creatore che in quegli anni si era trasferito nella Grande Mela. La storia è di quelle – amate da Simenon – che affondano le radici in un lontanissimo passato, in questo caso quello di un miliardario scontroso, diventato ricco con i jukebox, e del suo amore profondo e romantico per una esile ragazzina sua compagna in improbabili tournée artistiche. Inevitabilmente non mancano molte cose piacevoli, come in tutti i Maigret, in primo luogo alcune figure di contorno, dall’amico O’Brien al bizzarro investigatore privato che coadiuva il commissario. Ma a Maigret non si addice l’America, o meglio l’ambientazione può servire a creare – per contrasto – un sacco di gags divertenti, a partire per esempio dalla lingua (Maigret conosce molto male l’inglese), ma si tratta di espedienti di cui Simenon non ha certo bisogno per far funzionare la sua macchina perfetta. E la trama, poi, risulta quasi insopportabilmente arzigogolata, sostanzialmente inverosimile.

Spunti di lettura della nostra Patrizia Debicke (la Debicche)

New York: Codice rosso di James Patterson e Michael Ledwidge, Longanesi 2019.
Il nuovo libro di Patterson per l’Italia ha come protagonista il detective Michael Bennett del NYPD, bravo poliziotto conosciuto come eccellente negoziatore, figura non troppo abituale per un eroe di una serie poliziesca. Tanto per cominciare Bennett, quarantenne vedovo, è padre di ben dieci figli. Una specie di colorita tribù che riesce a crescere con l’aiuto del nonno Seamus, pastore protestante, e di Mary Catherine, una bella, efficientissima e incantatrice tata. Michael Bennett è di ritorno da un breve viaggio in Irlanda. Da solo, perché l’affascinante Mary Catherine, che aveva accompagnato in patria e ormai gli ha preso il cuore, ha dovuto fermarsi là per un contrattempo nella vendita dell’attività alberghiera della sua famiglia. Atterrato a New York, Bennett ha appena il tempo di digerire il jet lag, di affrontare la confusione dei figli abbandonati a se stessi e di recuperare suo nonno – ricoverato in ospedale a seguito di un leggero disturbo confusionale, conseguenza non grave di un recente ictus – quando due improvvise spaventose esplosioni compromettono gravemente la principale linea della stazione della metropolitana. Il nostro eroe viene immediatamente convocato e coinvolto nelle indagini, ma i disastri non sono finiti perché ben presto ci sarà lo scioccante assassinio del sindaco che sta parlando in diretta per rassicurare i concittadini da un palchetto alzato all’esterno del quartiere generale delle indagini e, poco dopo, anche un drammatico e letale attentato esplosivo al Federal Building. Con la tensione alle stelle, Michael Bennett è costretto a prendere le redini di una situazione che rimanda con la mente all’11 settembre 2001, con l’America sotto attacco…
Insomma il detective Michael Bennett, spalleggiato dalla sua vecchia amica e partner Emily Parker dell’FBI, deve individuare e catturare i criminali che si celano nell’ombra, approfittando del caos generato dagli attacchi. In una affannosa corsa contro il tempo, sfidando il più pericoloso nemico mai affrontato finora, si troverà costretto a ricorrere a ogni possibile risorsa, prima che il peggiore incubo di tutti rischi di trasformarsi in realtà mentre una serie di attacchi, sempre più devastanti, viene perpetrata contro la città da un gruppo terroristico non identificato.

Delitto a Villa Fedora di Letizia Triches, Newton Compton 2019.
Torna in scena Chantal Chiusano che avevamo conosciuta in Verde napoletano, poi ritrovata a Venezia in veste di commissario in carica per I delitti della Laguna, dove si era fatta affiancare dal personaggio cult di Letizia Triches, Giuliano Neri, per sbrogliare e risolvere un omicidio collegato a un complicato intreccio americano-napoletano con potenziali legami con illeciti commessi nel mondo dell’arte. Stavolta invece tutt’altro fondale, via le gondole, via i canali e si passa direttamente al grande splendore e a certe debolezze legate alla capitale che ritroviamo in questo nuovo romanzo tutto romano. Eh già, perché nel 1992 Chantal Chiusano è stata trasferita a Roma da due anni e vive al quinto piano di una palazzo un po’ vecchiotto del Testaccio. Nessun posto fino ad allora ha mai dato a lei, ischitana purosangue costretta a nascondere la pena di un lutto che l’aggredisce spesso e a tradimento, un vero senso di appartenenza, la capacità sentirsi di nuovo quasi in pace con se stessa. Sarà anche per l’amichevole complicità che la lega alla sua dirimpettaia di pianerottolo. Ma un poliziotto ha il suo lavoro da fare e Chantal Chiusano è un bravo poliziotto, sempre pronta a mettersi in gioco. Un feroce delitto è stato scoperto a Villa Fedora, nel quartiere Coppedè, proprietà indivisa degli eredi del famoso cineasta romano Alberto Fusco, scomparso da diciotto anni, e nulla è stato toccato da allora. Molte stanze sono in disordine ma mancano segni di effrazione. Dunque l’assassino o conosceva la vittima, la donna che l’ha fatto entrare, o ha usato proditoriamente la chiave. La morta, massacrata al volto con un pesante oggetto contundente, è Liliana Fusco, 54 anni, nuora del defunto. Il delitto è stato scoperto poco dopo le otto di sera da sua figlia Magda, una ragazza fragile e complessata che era venuta a prenderla. Liliana Fusco da giovane era stata anche l’assistente segretaria del suocero e dopo la sua scomparsa era diventata quasi il nume tutelare della villa e dei suoi ricordi. Da giorni Villa Fedora era stata attrezzata come set cinematografico per un film-documentario celebrativo di Alberto Fusco e tutti i componenti della famiglia volenti o nolenti erano stati coinvolti nella produzione. Un ladro sorpreso in flagrante? Insomma è difficile a prima vista capire se manca qualcosa, perché sportelli e cassetti solo stati aperti e diversi monili sono sparpagliati in giro. Ma la villa, imponente e così spaziosa da sembrare un labirintico memoriale, è sovraffollata ai limiti dell’inverosimile di mobili e oggetti. Villa Fedora pare quasi un irreale scenario teatrale piuttosto che una casa. Forse l’assassino cercava qualcosa di particolare? Ma Villa Fedora contiene soltanto oggetti d’arte e ricordi legati ad Alberto Fusco? Nascondeva magari qualcosa? Il commissario Chantal Chiusano e l’ispettore Ettore Ferri, suo vice, per riuscire a fare luce su quella tragica vicenda dovranno andare a fondo, scandagliando il presente ma soprattutto il passato…

Ah l’amore, l’amore di Antonio Manzini, Sellerio 2019.
“Ah l’amore, l’amore”, indimenticabile canzone di Luigi Tenco, portata al successo da Ornella Vanoni, e imperdibile nuovo “canto” (secondo me il decimo) dello strepitoso romanzo a puntate sul vicequestore romano Rocco Schiavone. Antonio Manzini riprende la storia proprio dal punto in cui aveva lasciato il suo protagonista in Rien ne va plus: gravemente ferito, steso a terra privo di sensi in un lago di sangue. Una storia grossa, culminata con una sparatoria all’alba, quando Schiavone e la sua squadra avevano incastrato e arrestato la banda di falsari, rapinatori e assassini che operava a Saint Vincent.
Non si sa ancora chi gli ha sparato, l’addetta alla scientifica Michela Gambino non ha avuto tempo e modo di chiarire, ma intanto sia la stampa che i superiori lo trattano da eroe. Comunque è stato un bello spavento per lui e tutta la sua squadra, ma l’uomo è un duro, una pellaccia: portato di corsa all’ospedale ci ha sì rimesso un rene, ma l’operazione eseguita d’urgenza il 21 dicembre è andata bene. Però però, una successiva infezione batterica postoperatoria l’ha costretto a prolungare la degenza sotto cura di antibiotici. Un inghippo che, al 26 dicembre 2014, lo tiene ancora prigioniero nell’ospedale di Aosta, tutto vestito a festa dagli addobbi natalizi. Stare a letto a leggere? Proprio no! Gabriele gli avrebbe anche portato dei libri, ha il giornale ma il ritmo ospedaliero, il cibo che passa il convento e l’incongruo balbettare del suo compagno di stanza sono quasi insopportabili. Schiavone si sente peggio di un leone in gabbia. E reagisce con atteggiamenti semi goliardici. Appena può, scappa al bar, si nutre di brioches, panettoni, cioccolata, attacca briga per un nonnulla ed esce in pantofole con addosso il loden sui ballatoi a fumare sigarette e canne. Anche perché se guarda dalla finestra non vede che pioggia e… un’incongruenza.
Anche stavolta Schiavone ha fatto centro e, mentre i suoi dubbi cominciano a concretizzarsi, informa il magistrato Baldi e il questore Costa. Le loro indagini hanno scoperchiato alcuni segreti viventi della famiglia Sirchia e appurato che i rapporti tra marito, moglie e figlio non erano rose e fiori. Chi poteva desiderare la morte del ricco patriarca? Bisogna trovare il modo di mettere in trappola chi è stato pronto a colpire. Stavolta Manzini lascia largo spazio alle riflessioni psicologiche, sia di Schiavone che della sua squadra, e alle tante suggestive atmosfere che li circondano.

Le letture di Jonathan
Cari ragazzi,
oggi tocca al Diario di un Amico Fantastico. Il giornale di bordo di Rowley di Jeff Kinney, il Castoro 2019.
Questo libro è raccontato da Rowley, il migliore amico di Greg, la nostra Schiappa. A differenza di lui, Rowley è alto e un po’grassottello, è più bravo e più obbediente. Ma adesso gli lascio la parola.
Ciao, io sono Rowley e ora parlerò di alcune avventure divertenti e anche paurose vissute con il mio migliore amico Greg. Per esempio ieri per la prima volta sono andato a dormire una notte da lui. Per un po’abbiamo giocato ai videogiochi ma poi Greg ha avuto un’idea molto stramba tirando fuori dal cassetto del comodino un film. Ci siamo messi a guardarlo e parlava di una mano assassina che uccideva tutte le persone che incontrava. Ma ad un tratto…
Un’altra volta io Greg siamo andati di nascosto di notte nel trampolino del nostro vicino di casa mentre tutti dormivano. Ma dopo cinque minuti che saltavamo un cane si è messo ad abbaiare molto rumorosamente. Allora siamo scappati velocissimi a casa e quando siamo arrivati…
Ciao ragazzi sono di nuovo io, Jonathan. Volevo dirvi che Rowley non ha finito di raccontarvi i suoi episodi perché non voleva rovinarvi la sorpresa. Quindi per sapere come vanno a finire leggete il libro!!!

Le letture di Jessica
Oggi vi presento Peter Pan, Edibimbi 2019.
Peter Pan non vuole crescere ma andare ai giardini dove sono gnomi e fatine. Una sera gli spuntano le alucce e ci vola. Quando diventa grande gli cadono le ali. Allora suona il flauto alle feste delle fatine e degli gnomi che ballano. Poi deve uccidere Capitan Uncino e i suoi pirati nell’Isola che non c’è perché è cattivo. Ma vengono catturati. Solo Peter Pan riesce a fuggire. La fatina Tintinna con una vecchia sveglia spaventa Capitan Uncino che cade nella bocca del coccodrillo. Poi ritornano tutti a casa. Che bel racconto! Piacerebbe anche a me avere le ali.

Un saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Febbraio 2020

Un salutone a tutti i lettori!

Furto d’identità di Boileau-Narcejac, Il Giallo Mondadori 2019.
Trattasi di diciotto racconti (se non ho contato male) alla maniera di certi grandi autori del poliziesco dove incontreremo tanti amati beniamini rimasti nei nostri cuori. Impossibile parlare di tutti. Vediamo, allora, cosa si può fare.
Intanto si parte da Sherlock Holmes. Anno 1889 “particolarmente gravido di crimini.” Il collezionista di monete John Bancroft chiede il suo aiuto. Ama la signorina Maisy perseguitata da lettere minatorie che a un certo punto scompare lasciando tracce di sangue. Dopo una breve perlustrazione sul luogo dell’accaduto per Sherlock tutto è molto semplice e sa pure indicare l’aspetto, il lavoro e l’abuso di cocaina dell’assassino lasciando Watson a bocca spalancata. Scontro finale e relativa sorpresa…
Altro grande personaggio Padre Brown che si trova a sciogliere il mistero di una seduta di spiritismo, dove ci scappa il morto colpito da un coltello infilato tra le scapole. Per lui basta ripetere la seduta, questa volta con la sua presenza, per smascherare l’assassino…
Potremo poi incontrare il distinto Lord Peter Wimsey alle prese con il cognato ispettore Parker che sospetta la signorina Mary dell’uccisione di lady Ballister. Come figlia gelosa della nuova moglie del padre. E c’è pure una lettera della suddetta, fuggita, che ammette l’omicidio. Ma Peter Wimsey è tosto, non si lascia fuorviare, anche perché ci sono certi pidocchi in giro…
A risolvere il mistero di un mostro che affoga i pescatori a Loch Bliss arriva il piccoletto belga Hercule Poirot “dai modi cerimoniosi e quasi timidi”. Ritenuto pure vanitoso e un po’ matto. Per lui, comunque, il mostro esiste davvero, ha due braccia e due gambe e “il cervello di un demonio”. Occorre solo osservare attentamente un vecchio pescatore maldestro che sta lanciando l’esca…
Con certi palloncini rossi appesi a determinati appartamenti dove ci scappa il morto se la deve vedere, invece, Ellery Queen. Tra l’altro contro una banda di gangster. Mica facile. Ma lui potrebbe sfruttare proprio un palloncino rosso per sciogliere l’enigma…
Tra i vari personaggi famosi non manca certo Maigret. Trattasi della sua penultima indagine. Non sta bene, è stanco e febbricitante. Deve scoprire l’assassino di Marcenac, genero dei Dufaure-Verneuil, ucciso con un colpo di pistola che non si trova. Per l’ispettore Janvier si tratta della moglie fuggita con l’amante. Chiaro, lapalissiano. Ma non per Maigret. Parlando con i membri della famiglia e osservando bene il luogo del delitto si può giungere alla verità. Vedi pantofole che mancano e un certo odore di cloroformio…
Anche la stazza voluminosa di Nero Wolfe con il simpatico aiutante Archie è presente in questa pregevole raccolta attirato da impossibili orchidee rosse e dal risolvere il caso di sir Lawrence Tyndall che ha messo a punto una macchina capace di bloccare un motore, anche aereo, a chilometri di distanza. Bersagliato da attentati e furti nella sua casa fino alla sua uccisione. Ma certo l’assassino non può sfuggire al voluminoso, infallibile detective. C’è il passo dell’anatra che risolve il mistero…
A rappresentare il giallo prettamente d’azione, il thriller insomma, con la sua efferata brutalità e ferocia abbiamo, per esempio, Andy alla maniera di James Hadley Chase. Un ragazzo, un giovane ladro che piano piano scopre la sua insita violenza…
Non manca neppure la spy-story con Sua Altezza Serenissima Malko Linge preso dal problema dei gopher (giuro)…
e neppure il racconto prettamente umoristico dove Ange e Sandrine cercano di far fuori il nonno Pepé. Ma i nonni non sono mica così tonti…
E poi ce ne arriveranno altri come Lupin, Nestor Burma, Simon Templar…
E qui mi fermo. Per parlare di tutti ci vorrebbe un libro intero. Tanti nostri eroi con le loro straordinarie caratteristiche ben riprodotte dagli autori a svelare astuzie diaboliche e crimini efferati. Cervello e movimento spesso compagni di frizzante avventura, personaggi ben calibrati, vivi, concreti immersi in una ambientazione ottimamente costruita dove anche il tempo ha la sua parte nel creare un’atmosfera di suspense e di paura (il vento che fischia, la pioggia a raffica…), oppure i classici passi nel buio e pericoli inaspettati che possono venire anche da un cane fedele. Vi troviamo violenza e brutalità ma pure sorriso e ironia sparsi al punto giusto, dubbi, incertezze, la luce che si accende improvvisa, le “spalle” incredule a rendere ancor più geniali i veri protagonisti. E poi il denaro, l’invidia, l’amore, la passione, e altri oscuri sentimenti che spingono al delitto. D’accordo, qualche volta gli autori esagerano nel creare meccanismi estremamente complicati, al limite del credibile ma sono pur sempre piccoli nei di fronte all’eccellenza di tutto il resto.
Un furto d’identità ben congegnato e riuscito.
Per La storia del Giallo Mondadori l’undicesima puntata su Gli anni Ottanta di Mauro Boncompagni.
Questa volta incontreremo Stuart Kaminsky, Robert B. Parker, James Crumley, Tony Hillerman, Pierre Boileau e Thomas Narcejac, Margaret Doody, Anne Perry, Peter Lovesey, Leo Bruce, Rupert Croft-Cooke insieme alle puntuali osservazioni del nostro Mauro.

La misura del tempo di Gianrico Carofiglio, Einaudi 2019.
Bari, febbraio 2014. “Ciao, Guido. Non mi riconosci? Sono Lorenza”. È proprio Lorenza, Lorenza Delle Foglie che si presenta davanti all’avvocato Guido Guerrieri dopo tanto tempo dalla loro relazione. Dopo ventisette anni. Cambiata. Non più bella e affascinante. Ora alta, magra, dai capelli grigi. Un’altra. Il Tempo, il Tempo, uno dei personaggi principali della storia…
Chiede aiuto. Suo figlio Jacopo Cardace è stato condannato ingiustamente per omicidio di primo grado, e l’avvocato Costamagna che lo aveva difeso è morto. Via alla lettura degli incartamenti e della sentenza in cui, però, “si motivava in modo adeguato la condanna che pareva del tutto fondata”. Una brutta gatta da pelare.
Non c’è tempo da perdere, l’avvocato inizia il lavoro coadiuvato dalla collega Consuelo (sempre dalla parte delle vittime) e dal duo investigativo Tancredi-Annapaola, quest’ultima la sua fidanzata-non fidanzata molto più giovane. Un primo aspetto da tenere presente: la difesa di Costamagna, che durante quel periodo non stava bene, è debole e deficitaria. Altro punto da sondare: le polveri da sparo ritrovate sui vestiti del ragazzo spacciatore…
Narrazione in prima persona da un Guerrieri cambiato, un uomo più maturo che ha lasciato da parte perfino le sigarette e cucina meglio di prima (spaghetti all’assassina). Gran parte del libro è dedicata al nuovo processo, agli interrogatori dei testimoni e dell’accusato, agli scontri accusa-difesa, insomma alle sottigliezze dell’una e dell’altra parte dove la verità, quella vera, sembra irraggiungibile. Si mette in rilievo l’importanza e la difficoltà del sistema giudiziario, le soluzioni che vanno trovate di volta in volta attraverso “la capacità di convivere con l’incertezza, con l’opacità del reale.” Come a dire niente è perfettamente sicuro. “Tutto diventa quotidianità, le persone fascicoli e carte.”
Accanto alle indagini e al processo i ricordi dei genitori, i ricordi di se stesso e dei suoi cambiamenti, la storia con Lorenza completamente diversa da lui, sempre pronta a provocarlo, a manipolare i discorsi. Belle, invece, le loro conversazioni sui libri, soprattutto sulle fiabe che fanno capire il lato oscuro dentro di noi. Poi ad un certo punto il distacco improvviso, così, senza un motivo logico.
Qualche momento di relax con Mr. Sacco o al ristorante Il piede di porco di Orazio. Spaghetti con frutti di mare e liquore al finocchietto selvatico per finire, altrimenti all’Osteria del Caffellatte, nonostante il nome una libreria di Ottavio, spunti sul bullismo, chiacchierata con un cliente che cura i problemi esistenziali attraverso la filosofia.
Indagine, ricordi, vita reale ma il lettore è sempre con la mente al rapporto Guido-Lorenza per sapere come finirà, se ci sarà qualcosa di nuovo, di inaspettato. Con il Tempo a muovere le fila della vita. A scorrere lento o veloce secondo le età. A farci cambiare o restare ancora noi stessi.

Natale di sangue di Augusto de Angelis, Leo Bruce e Edgar Wallace, Il Giallo Mondadori 2019.
Il do tragico di Augusto de Angelis
“Il do maggiore fu preso di slancio, con agilità e fu tenuto con sciolta franchezza. Una voce d’oro”. Per poco, che ad un tratto la voce della bella soprano Sofia Milena Scimanova, che canta la romanza della Lucia “Quando rapita in estasi” negli studi dell’EIAR, si spezza. È successo qualcosa. Qualcosa di strano perché si è come addormentata. Portata nella sala d’aspetto ad un certo punto va via la luce e… si scoprirà in seguito essere stata uccisa con uno spillone nel cuore. Abitava all’hotel Bristol dove, guarda caso, è arrivato anche il gangster americano Romney Bypas alias Kid Tiger. Altro fatto strano sei buste azzurre recapitate a sei destinatari che provocano in loro grande terrore. Bel guazzabuglio per il commissario De Angelis della squadra Mobile di Milano interessato soprattutto al “mistero dell’anima umana”, alla “psicologia delle persone che egli studiava con accanimento, con passione, con sofferenza…” Caso strano e complesso, numerosi, troppo numerosi gli indiziati “Nove persone attorno a una addormentata. Cinque minuti di oscurità e una di quelle nove persone compie il delitto. Quale di esse?” Occorre conoscere bene la personalità di Sofia, interrogare tutti i testimoni, verificare le loro affermazioni, scoprire i legami con le buste azzurre e Kid Tiger. Mentre, tra l’altro, scoppia un incendio al Bristol proprio nelle stanze dove abitava l’uccisa. La quale, aggiungo, era stata sottoposta a ipnosi per addormentarsi a una certa ora, e questo avviene proprio mentre canta la summenzionata romanza… Caso strano, complesso e difficilissimo ma niente può sfuggire al nostro commissario seguace imperterrito di Freud.
Capolavoro di Augusto De Angelis che costruisce un plot ottimamente congegnato attraverso anche una grande cura nella costruzione variegata, non priva di humor, dei personaggi a partire dalla stessa, affascinante, diabolica Sofia, per continuare con gli altri, ognuno con le sue particolari caratteristiche.
Diario di un assassino di Leo Bruce
Si parte proprio dal diario di un assassino. Egli ucciderà senza un movente e non verrà mai scoperto. Su un lungomare di un piccolo centro balneare, con un martello che già possiede, durante una sera buia di novembre e dicembre. Allora conoscerà “la sublime sensazione di essere un assassino”. Un assassino di un delitto perfetto.
Si passa all’hotel Queen Victoria di Selby-on-Sea. Arriva un tizio strano. Un presunto morto, dichiara di essere alle due ragazze dell’hotel. Si riempie di whisky e via sul lungomare. Qui, seduto su una delle pensiline, viene trovato morto davvero dal poliziotto Sitwell con il cranio fracassato da un grosso martello ai suoi piedi. Ecco pronto il lavoro per l’ispettore John Moore e per l’amico Carolus Deene “Professore Emerito di Storia presso la Queen’s School di Newminster”, profondo conoscitore e appassionato di alcuni dei più celebri delitti del passato. Seguiremo lui e i suoi metodi basati sulla logica. Intanto il morto è Ernest Rafter, odiato collaborazionista per aver passato informazioni ai giapponesi e creduto davvero morto. Via alla ricostruzione dell’accaduto. Colloqui con i familiari, con le ragazze del locale, ricostruzione metodica dei suoi ultimi movimenti e dei passanti che erano circolati a quell’ora sul luogo del delitto. Ricostruzione precisa, dettagliata, ma manca il movente. Manca davvero un movente credibile. E arriva un altro delitto con le stesse modalità di esecuzione. Beh, ora qualcosa si incomincia ad intravedere. Che sia il Caso, il Destino, un elemento imponderabile a fornire l’indizio utile?… Ci penserà Carolus a sbrogliare l’incredibile matassa.
Il caso Chopam di Edgar Wallace
E il Caso, l’Imprevisto è proprio il personaggio principale di questo racconto. Alphonse o Alphonso Riebiera è un uomo che ci sa fare con le donne. Specie se maritate. Le conquista e le ricatta fino a quando il marito di una di esse non scopre il suo “gioco”. Allora gliela farà pagare cara. E infatti verrà trovato ucciso da un colpo di pistola sparato da un tizio a sua volta ucciso da lui. Ma qualcosa non quadra. L’assassino doveva essere il marito e invece… Cosa è veramente successo?…
Ancora una scelta oculata e ben calibrata del nostro Mauro Boncompagni. Tre capolavori ambientati durante le feste natalizie tra psicologia, logica ed evento inatteso a creare interesse, attenzione, sgomento nel lettore attratto da plot assolutamente intriganti. Sempre tenuto sul chi vive dentro atmosfere incerte e nebulose costruite con garbo, leggerezza e ironia. Il tutto presentato all’inizio con una bella ed efficace introduzione.

Un mondo di ferro di Marco Bettalli, Laterza 2019.
Il regalo più bello di Natale è stato questo libro dell’amico Marco, professore di Storia greca all’Università di Siena (anche ottimo giocatore di scacchi), che mi ha riportato indietro nel tempo ai miei studi di Storia moderna con il prof. Giorgio Spini (lo cito sempre con ingenuo, fanciullesco entusiasmo). Un libro, lo dico subito, bello, raffinato, elegante. Di gradevole lettura su un argomento così complesso e fascinoso come la guerra nel mondo antico.
Intanto l’autore nella Introduzione chiarisce subito le sue scelte: niente storia evenemenziale disposta cronologicamente; niente storia antiquaria; niente storia decisa dalle strategie dei comandanti. Piuttosto storia vista dal basso, ovvero “l’analisi del fenomeno guerra all’interno delle società antiche”.
Poi ci inoltriamo, sotto la sua esperta guida, nel passato. In un passato lontano di guerre, di assedi, di lotte per mare e per terra. Di eserciti greci, romani, macedoni, persiani, cartaginesi ognuno con le proprie caratteristiche, con i propri punti di forza e debolezza. Di nomi fascinosi e roboanti che ci riportano ai nostri studi fanciulleschi: Epaminonda, Milziade, Ciro il Giovane, Filippo V, Scipione l’Africano, Tito Quinzio Flaminino, Claudio Marcello, Alessandro Magno, Annibale e via di seguito, tanto per citarne alcuni sparsi nel tempo in qua e là. Di nomi, ancor più fascinosi degli storici che hanno raccontato quei momenti drammaticamente terribili e stupendi: Plutarco, Senofonte, Polibio, Strabone, Erodoto, Tucidide, eccetera, eccetera.
Quanti nomi, quante storie! Con la guerra piantata saldamente al centro. La guerra di Troia, le guerre persiane e del Peloponneso, quelle di Alessandro Magno e quella, epica, di Annibale. Vista nelle sue varie sfaccettature, come educazione, esaltazione, fine a se stessa e terrore. Intorno ad essa i generali, i soldati (opliti, psilòi, peltasti, mercenari), le armi, le tattiche, il rapporto con la religione (vedi il timore degli dei, i sacrifici, gli oracoli, gli indovini), con la società, la sua cultura, la sua arte (poesia, filosofia, teatro, storia) e le sue classi sociali (aristocratici, proprietari terrieri, poveri derelitti). Una guerra di uomini (ci sarebbero volute migliaia di Lisistrate per cercare di fermarla) necessaria e inevitabile, quasi fenomeno naturale collegato alla vita. Una guerra “etica”, individuale e di massa, a stretto contatto con la politica (le due sfere “in larga misura coincidono”), attraverso la quale si scopriva il valore del singolo, della persona, il valore del coraggio e dell’obbedienza, per risolvere certi problemi, certi inevitabili contrasti. Una vera manna di arricchimento per moltissime persone insieme ad una marea stupefacente di derelitti e di morti.
Lo studio è accurato, accuratissimo, ricco di fonti e citazioni (anche in chiave moderna) corredato, alla fine, da cartine, cronologia e incredibile bibliografia. Un racconto dotto e complesso senza mai cadere nel pesante, attraverso una esposizione leggera, limpida, veloce, incasellata dentro brevi capitoli. Ascoltiamo il nostro Marco Bettalli proiettati in un mondo lontano. In un mondo di ferro. Con un chiaro, semplice, passionale intento “Il mondo antico era quello che era, né più bello né più brutto del nostro. Era solo diverso, e mi piacerebbe che queste pagine mettessero in risalto un po’ di questa diversità e servissero, almeno in piccola parte, a comprendere l’universo mentale dei suoi abitanti. Non per renderli scioccamente più vicini: ma per lasciarli là dove si trovano, con grande rispetto e, perché no, anche un po’ d’amore”.
Leggendo il libro talvolta sembra davvero di essere lì, con i grandi del passato, ad assistere, meravigliati, alle loro storie, ai fatti che hanno vissuto, visto o studiato. A seguire, da lontano, le operazioni di un assedio, lo scontro di una battaglia navale o campale, le gesta eroiche di un grande condottiero. Oppure ad aspettare intrepidi e ansiosi, insieme agli altri soldati, sotto pesanti armature e il caldo asfissiante, l’arrivo del nemico, pronti a combattere e morire per qualcosa in cui crediamo o ci hanno fatto credere.
Dello stesso autore ricordo anche Mercenari. Il mestiere delle armi nel mondo greco antico, Carocci 2013.

I Maigret di Marco Bettalli

Le vacanze di Maigret del 1948
L’abbiamo già visto in pensione, in “esilio”, in missione o nella sua Parigi. Ora Maigret è in vacanza a Les Sables, località di mare in Vandea, ben conosciuta da Simenon che vi soggiornò un anno, e l’ambientazione è funzionale a introdurre mille situazioni che suscitano il sorriso: perché Maigret, in realtà, è antitetico al concetto di vacanza, non va al mare, non ha hobby, odia il sole e il caldo, non legge, non sa che fare e, in buona sostanza, beve come una spugna. In questo caso, poi, la cosa si complica per l’improvviso attacco di appendicite della signora Maigret, utile solamente a veicolare l’inizio del caso e a scatenare Simenon nella descrizione rispettosa quanto velenosa delle suore che dominano nel piccolo ospedale di provincia. Al di là di tutte le amenità e delle consuete punzecchiature sociali, con il commissario particolarmente insofferente della buona borghesia e a suo agio con pescivendole e gente da poco, il giallo, ancora una volta non giallo (il colpevole è il primo e unico sospettato fin dalle prime pagine), è a tinte foschissime, con l’uccisione a sangue freddo di una ragazzina e varie altre atrocità; tutto si basa sulla figura affascinante quanto improbabile del dottor Bellamy, eccezionalmente intelligente e irrimediabilmente malato d’amore e di gelosia per la sua bella moglie. Il duello ingaggiato con Maigret lo perderà, ovviamente: ma è evidente che, in qualsiasi altro caso – bastava che il commissario andasse in vacanza in qualche altro posto… – l’avrebbe fatta franca.

Firmato Picpus del 1944
Legato a ricordi infantili (è l’unico Maigret con Gino Cervi, TV fine anni 60, del quale mi ricordi qualcosa), è un bel Maigret ambientato nella Parigi accaldata d’agosto, con tutti gli ispettori e i luoghi comuni tradizionali al loro posto. Indimenticabile nel titolo (Picpus non è che una pubblicità di una ditta di traslochi in rue Picpus, entrata per caso nella trama: in romanzi successivi apparirà curiosamente come la via dove abita il dottor Pardon, amico fidato di Maigret), ha uno splendido inizio: Maigret aspetta nervoso l’assassinio preannunciato di un’indovina, l’evento si verifica puntualmente e la polizia, quando accorre sulla scena del delitto vi trova… un vecchio suonato e incappottato nonostante il caldo afoso dell’estate. Il giallo, che ci rivelerà le schifose trame di una vecchia signora, una di quelle figure intrise di cattiveria sorda, profonda e irredimibile che Simenon è maestro nel tratteggiare, tende poi un po’ a ingarbugliarsi in una macchinosità che l’autore riesce a stento a controllare. Lo scioglimento, col violentissimo temporale d’estate che fa da spartiacque e il finale con il vecchio, che si rivela di grande umanità e simpatia, coccolato al ristorante da un Maigret soddisfatto, è molto bello: l’umanità fa schifo, ma c’è per fortuna chi la comprende e, con i mezzi che ha a disposizione, punisce i colpevoli e premia le persone per bene.

Spunti di lettura della nostra Patrizia Debicke (la Debicche)

Nozze per i Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni, Einaudi 2019.
Un proverbio dice: nozze bagnate nozze fortunate, ma queste Nozze, l’ultimo capitolo dei Bastardi di Pizzofalcone, non potranno essere fortunate perché bagnate di sangue la sera della vigilia. Il momento che avrebbe dovuto essere speciale, di festa, si trasforma in una tragedia. È inverno e anche a Napoli fa freddo, il vento s’incunea gelido sotto le vesti e magari piove… E poi una data di febbraio, decisa da un giorno all’altro, quasi un capriccio.
Ma gli sposi non badano a spese. Gente danarosa con casa residenziale in collina, fanno parte di quel mondo che può andarsi a cercare, se lo desidera, il caldo altrove, o magari il mare in lontane spiagge tropicali. E allora perché no! Affari loro. Ma quel momento, che avrebbe dovuto essere meraviglioso, si è trasformato in una tragedia. L’abito nuziale della futura sposa, che galleggia sull’acqua, ha destato l’attenzione di Costanza Giaquinto, ottantanove anni compiuti e tutta una vita passata nell’antico palazzo tirato su nel Seicento, oggi trasandato ma ancora in piedi.
Un dedalo di stanze edificato sul tufo di un piccolo promontorio naturale, che si sporge sull’azzurro del golfo, sovrastando una piccola spiaggia privata corredata da un anfratto, una grotta artificiale frequentata spesso dagli innamorati e dove, ai suoi tempi, l’originaria padrona del palazzo incontrava gli amanti. La vecchia signora affacciata alla finestra in quel pomeriggio di febbraio ha visto «che la corrente che spingeva acqua dalla riva al largo recava una grande macchia bianca. Qualcosa di ampio e setoso, con merletti e veli. Un abito da sposa. Che andava via, in direzione dell’isola simile a una figura di donna». Ha chiamato la badante per farsi portare il cappotto, è scesa con lei per vedere meglio e da vicino e nella grotta ha trovato una bella ragazza, nuda, immobile, distesa supina sulle lisce rocce di tufo, morta… Un nuovo caso per la squadra di poliziotti più scombinata ma infallibile della questura partenopea: i Bastardi di Pizzofalcone…

Le sigarette del manager di Bruno Morchio, Garzanti 2019.
Dopo una telefonata di richiesta di aiuto, Bacci Pagano, il detective dei carruggi, sfida il meteo di una capricciosa primavera che minaccia pioggia, sale sulla Vespa e si mette in strada. Sono passati otto mesi dal crollo del ponte Morandi, che ha fatto 43 morti, e quella non è una strada qualunque perché passa proprio sotto il monumentale troncone, triste e muto testimone dell’umana incuria. È la strada che porta in Val Polcevera e, invasa dalle pozzanghere, corre di fianco alle acque impetuose del torrente. Di là Bacci imbocca via San Biagio, che si arrampica sulla collina alle spalle dell’IperCoop e del centro commerciale e, approfittando della panoramica dello scenario, osserva incuriosito, già conscio della negatività di ciò che vede, le ferite inferte negli ultimi trent’anni alla valle: sono pochi gli stabilimenti ancora in funzione e gli scheletrici fossili dei gusci industriali testimoni d’un operoso passato offrono uno scarno paesaggio da archeologia industriale. Una periferia quasi irriconoscibile, torpida, immersa in un ignorante, complice sopore e con i sensi annacquati dalle colorate offerte dalle multinazionali. Poi la lottizzazione fatta di decorose villette a schiera, sovrastata da verdi e boscose colline dominate dai forti di Begato e del Fratello Minore. La sua cliente, Donatella Sampò, madre di un ragazzino di tredici anni e moglie di Oreste Mari, imprenditore scomparso sei mesi prima e sotto accusa per bancarotta fraudolenta, che abita in una delle villette, gli apre la porta. Descrive la sparizione del marito quasi come un classico spunto da barzelletta: una sera alle sette Oreste Mari lascia borsa e telefonino all’ingresso ed esce di casa dichiarando di essere rimasto senza sigarette. Non è più tornato. E nessuno, secondo lei, né fisco, né polizia lo sta veramente cercando….
Con Le sigarette del manager Bruno Morchio offre una diversa visibilità a uno dei luoghi più tormentati della sua terra, la val Polcevera, ferita gravemente dalla tragica caduta del ponte e martoriata dal susseguirsi di eventi climatici. E si serve di Bacci Pagano, il suo personaggio cult, per gridare a gran voce spregiudicate e scomode critiche ai “nemici”, quella nuova genia umana fatta di collusione malavitosa con gli uomini d’oro della ‘ndrangheta che spadroneggia nelle vite e negli umani affetti e interessi.

I cinque cadaveri di Robert Bryndza, Newton Compton 2019.
Londra 1995: un mostruoso serial killer, per la stampa “Il Cannibale di Nine Elms”, uccide barbaramente ingenue adolescenti. Gli scenari sono da grand guignol e il soprannome non è casuale: il killer, infatti, prima morde selvaggiamente le sue vittime fino a staccare larghi brandelli di carne da cosce e schiena, poi le asfissia con un busta di plastica stretta attorno al collo da una corda sottile, fermata da un nodo elaborato, con una serie di giri che si intersecano fino a formare un piccolo gomitolo chiamato “a pugno di scimmia”.
Kate Marshall ha venticinque anni, è una giovane detective bella e ambiziosa e da sedici mesi fa parte della squadra di polizia di assegnata al caso, chiamato in codice Operazione Hemlock. Un caso che da due anni ha messo la polizia con le spalle al muro. Infatti, benché il Cannibale abbia già colpito mortalmente quattro volte, sembra introvabile e inafferrabile. Nessuna traccia certa di lui. Kate Marshall però è convinta che non bisogna abbassare la guardia: prima o poi, nel suo delirio di onnipotenza, il killer commetterà un errore fatale. Non sbaglia e sarà proprio lei a catturarlo, ma la situazione che si verrà a creare, invece di essere per lei motivo d’orgoglio, arriverà a compromettere la sua carriera in polizia, la sua reputazione e per un pelo non ci rimetterà anche la vita…
Robert Bryndza, dopo l’indiscutibile successo della sua precedente serie thriller divisa in tre volumi e interpretata da una tosta e convincente Erika Foster, con I cinque cadaveri inaugura una nuova serie con protagonista Kate Marshall, personaggio forte ma inquieto, una donna con le stimmate che ha rischiato e continua a rischiare il tutto per tutto, anche la vita, stringendo i denti per sopportare ciò che verrà.

Le letture di Jonathan

Cari ragazzi,
ecco a voi il Diario di una Schiappa. Si salvi chi può! di Jeff Kinney, il Castoro 2013.
Oggi tocca proprio a me, Greg Heffley la Schiappa, raccontarvi qualcosa delle mie avventure. Jonny è malato e non può scrivere. Dunque… Questa volta mi sono cacciato in un bel guaio. Dovevo cominciare a fare qualche soldo per comprare i regali di Natale a tutta la mia famiglia. Allora mi sono messo al lavoro e ho appeso dei poster sul muro della scuola con della colla verde super forte. Nei poster ho scritto che avrei spalato la neve dei vialetti per 5 euro. Ma appena appesi i cartelloni si è messo a nevicare e sul muro sono rimaste solo tre grandi macchie verdi. Qualche giorno dopo la scuola è stata chiusa per una forte nevicata e adesso io sono qui, a casa sotto le coperte, sapendo che al rientro a scuola mi aspetterà una supermegaextra punizione.
Adesso vi racconto qualche altra stupidaggine di cui mi devo occupare… L’altro giorno non sapevo cosa fare quando ho trovato un gioco da tavolo sui trucchi di magia. Ho deciso di farne vedere uno a mio fratellino Manny e poi lui lo ha rifatto con gli occhiali di Mamma, ma non è andata molto bene perché li ha rotti. Come al solito la ramanzina me la sono beccata IO.
Andiamo avanti. Oggi Mamma mi ha chiesto di preparare un hot dog a Manny ed è quello che ho fatto. Appena cotto ci ho messo una linea perfettamente dritta di senape. Ma Manny è scoppiato in lacrime, ed io non capivo quale fosse il mio errore visto che la linea era drittissima. Dopo un po’ è arrivata Mamma e mi ha detto che Manny vuole la senape nel lato CORTO dell’hot dog.
Roba da matti!!!

Le letture di Jessica

Cari ragazzi,
Oggi vi presento Hänsel e Gretel dei Fratelli Grimm, Giunti 2017.
Ai margini del bosco c’è una piccola casetta dove vivono un taglialegna con la seconda moglie e due bambini. Il primo si chiama Hänsel, la seconda Gretel. Sono molto poveri e la matrigna dice ogni giorno al marito di portare i due marmocchi nel bosco e lasciarceli. La prima volta riescono a ritornare a casa perché Hänsel ha fatto cadere dei sassolini bianchi lungo la strada. La seconda volta, però, non riescono a tornare a casa perché sulla strada ha lasciato le briciole di pane mangiate dagli uccellini. I due ragazzi si perdono nel bosco e tremano di paura. Ad un certo punto trovano una casa fatta di dolci e abitata da una strega che li vuole mangiare belli grassi. Ma essi sono furbi e riescono a fuggire dopo avere spinto la strega nel forno. Poi trovano un cofanetto pieno zeppo di monete d’oro, la matrigna muore, ritrovano il loro babbo e diventano la famiglia più felice del mondo. Un racconto in certi momenti pauroso con un bel finale felice. Leggetelo!

Un saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti