La Debicke e… Bad panda, l’istinto del lupo

Luca Bonisoli
Bad panda, l’istinto del lupo
Todaro, 2019
In libreria da oggi

In un tropicale inizio di luglio, tipico della bollente estate milanese, il corpo di una ragazza viene rinvenuto in un container in periferia. Il bastardo del cantiere vicino ha fiutato la puzza e gli operai hanno scoperto il cadavere e chiamato la polizia. L’inchiesta è stata affidata all’ispettore Agatino M., detto anche Bad Panda per il suo passato di tallonatore nel rugby, un ispettore siciliano, ottimo poliziotto, da anni in forza in un piccolo commissariato della periferia meneghina. Agatino M., funzionario della squadra mobile con un passato duro e oscuro nelle Forze Speciali militari, sessantenne e sovrappeso, da tempo soffre di turbe mentali che cerca di nascondere anche perché gli provocano uno sdoppiamento della personalità, ma deve affrontare l’omicidio e cercare di risolvere il caso. Caso a prima vista facile da sbrogliare, squallido ma dai risvolti familiari: la giovane donna potrebbe essere una prostituta, uccisa per strada. Uno sgarro? Una punizione? Ma qualcosa non quadra, quella morte non è né semplice né lineare. Agatino, che non ci vede chiaro, mette in atto i suoi metodi poco ortodossi e che gli hanno provocato tanti richiami e reprimende dai superiori. Ma tant’è, lui è convinto di se stesso e, con il complice appoggio del suo aiutante e del medico legale, a forza di botte e minacce, si troverà a esplorare i meandri delle realtà parallele del deep web, dove vigono regole diverse e crudeli che lo porranno davanti a tragiche scelte.
Ambientata e inserita nella tecnologica attualità del presente, Bad panda è la sofferta odissea di questo piccolo ispettore siciliano, cresciuto nel solco dei ricordi morali e materiali segnati dalla passata grandezza e cultura familiari. Agatino, l’insoddisfatto emigrante morale e mentale, attraversa la Milano di oggi, la città piagata da troppe ferite, mettendone a nudo ipocrisie e violenze e i tanti, troppi lati oscuri celati nei quartieri di periferia. La sua incontrollabile e multiforme personalità lo costringerà a ricorrere a una scelta senza salvezza, che segnerà la sua vita in modo totalmente imprevisto e imprevedibile, senza ritorno. Una scelta irrimediabile di rinuncia, di totale chiusura con il passato. Riciclatosi in contractor, inserito in una banda di emarginati, braccati e violenti mercenari, traslato dalla periferia milanese alle immense pianure americane, Agatino si imbarcherà in un specie di percorso di formazione che lo costringerà ad affrontare finalmente se stesso, il suo passato, i suoi fantasmi, la sua natura e l’ineluttabilità del destino.

Luca Bonisoli, classe 1967, architetto, lavora nell’ambito della progettazione e realizzazione di biblioteche, musei, e archivi storici da più di vent’anni. Lombardo di nascita e di professione, è stato mediano di mischia della squadra di rugby degli Old Monza, coacervo di amicizie, di esperienze, di vita vissuta, e fonte di ispirazione inesauribile. Gestisce in collaborazione con altri il blog Bad Panda. Nel 2014 scrive e pubblica in e-book “Bad Panda”, ripubblicato oggi con Todaro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.