Le gialle di Valerio/30: Vargas

tempi glacialiFred Vargas
Tempi glaciali
Traduzione di Margherita Botto
Einaudi, 2015 (orig. 2015)
Giallo Noir

Parigi e Grimsey (Islanda). Aprile e maggio scorsi. Nel XV° accadono due strani apparenti suicidi, il vulcanico commissario Bourlin non si fida e coinvolge quelli dell’Anticrimine, che operano nel XIII°. Il piccolo commissario capo Jean-Baptiste Adamsberg, bel mattiniero ultracinquantenne, cafone montanaro originario del pirenaico Béarn (padre calzolaio), pelle olivastra, lineamenti scavati, capelli bruni spettinati, naso aquilino, algoso sguardo svagato, mento debole, al polso sinistro due orologi (imprecisi), ha perso autorevolezza fra i suoi 27 collaboratori. Anche il vice (di fatto) meticoloso colto comandante Adrien Danglard questa volta vede crescere dubbi e incomprensioni. Prima sembra che tutto risalga a una storia di 10 anni primi in Islanda, violenze e cannibalismo gestiti da un cattivo che teneva in pugno 11 francesi isolati, a stento sopravvissuti per giorni. Poi prevale la pista di un’associazione di ammiratori della Rivoluzione e del Terrore, la società per lo studio degli scritti di Maximilien Robespierre. Morti antiche e nuove si aggiungono, qualcosa ruota intorno a un allevamento della periferia, suicida (?) il conte, bugiardi il figlio e il segretario.

Ah, ce ne fossero di gialliste poetiche così! L’ottima archeozoologa dotatasi dello pseudonimo Fred Vargas è lieve e ironica, doppia e multipla, fiabesca e illuminosa: una musicale leccornia per l’estate. Narra in emozionante terza quasi sempre sul protagonista, invidiato non solo dall’autrice (che fatica a creare grandi femmine seduttive). La cosa più acuta e divertente sono gli opposti colleghi e subalterni, spesso riuniti in “concilio” con il capo: i positivisti materialisti disturbati dalle divagazioni erratiche e gli accomodanti per i quali c’è poco di male a spalare nuvole di tanto in tanto, cui si aggiungono moderati ed esitanti (destra e sinistra verso il centro). Soliti dialoghi surreali e curiosità linguistiche, uno stile assecondato da stranezze ossefiane e multimediali. Interessante le citazioni dei grandi personaggi storici, la concretezza non difetta. In copertina il cinghiale Cino. Segnalo che il moto prevale sempre (contro stabilità e inerzia). Si usa il vino per far allentare i freni.

(Articolo di Valerio Calzolaio)

1 thought on “Le gialle di Valerio/30: Vargas

  1. Una cosa che non ho capito è perché la copertina dell’eizione originale Viviane Hamy é una copia scherzosa di quelle Adelphi (con tanto di credit) anche se in italiano è pubblicata da Einaudi… Lumi?

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.