Le brevi Valerio/32: Hachtroudi

l'uomo che schioccava le ditaTitolo L’uomo che schioccava le dita
Autore Fariba Hachtroudi
Editore Edizioni e/o
Pagine 139
Prezzo 16 euro
Traduzione Alberto Bracci Testasecca
(dal francese, orig. 2014)

Iran e Norvegia. Un ex colonnello della Repubblica teologica, prima dirigente tecnico per import-export, poi capo della guardia personale del Condottiero supremo, sposato con un’astrofisica, chiede asilo politico nel Nord Europa, la moglie è d’accordo. L’interprete nell’Ufficio per i rifugiati viene dallo stesso paese. Lui non lo sa ma lei è proprio la mitica prigioniera 455, per 18 mesi martoriata senza che parlasse nella prigione Devine, stupri programmati, torturata bendata ogni giorno, pasionaria innocente per il suo amore. Fu lui a far liberare Vima, chissà perché. La colta brava giornalista Fariba Hachtroudi è cresciuta in Francia, nel toccante romanzo L’uomo che schioccava le dita (“Le colonel et l’appât 455”) racconta alternando le due autobiografie, il terribile passato e l’angosciante presente.

(Recensione di Valerio Calzolaio)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.