Il caso Bontempelli (Le brevi di Valerio 409)

Paolo Aquilanti
Il caso Bontempelli. Una storia italiana
Sellerio Palermo, 2020
Storia

Roma. 2 febbraio 1950. Massimo Bontempelli (1878 – 1960), filosofo insegnante giornalista poeta drammaturgo, è stato un grande intellettuale italiano, realista magico del ‘900. Attraversò il fascismo, con scritti e scelte non lineari e coerenti, nel 1938 fu comunque espulso dal PNF col divieto di scrivere per un anno. Dopo la guerra, a 70 anni fu eletto senatore nelle liste del Fronte Democratico Popolare, Gruppo Democratico di Sinistra. A inizio 1950 la sua nomina fu invalidata a voto segreto, nonostante il parere contrario della Giunta e l’intervento a lui favorevole di Terracini, poiché aveva curato nel 1935 un’antologia scolastica e la legge prevedeva non potessero candidarsi per cinque anni autori di testi scolastici “di propaganda fascista”. In Il caso Bontempelli l’esperto brillante ex funzionario del Senato, ora Consigliere di Stato, Paolo Aquilanti (Roma, 1960) narra la giornata decisiva in terza persona sul protagonista “in aderenza ai fatti e con licenza d’immaginazione”.

(Recensione di Valerio Calzolaio)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.