Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Maggio 2016

Buon compleanno, Fabio!

buon compleanno FabioQuesto mese inizio con gli auguri a Fabio Lotti, che il 1° maggio ha compiuto “cifra tonda” (non dirò quale). Ti auguro mille di questi giorni e diecimila libri ancora da leggere e recensire!
E adesso, via con il pezzo di Fabio.

Quattro anni insieme. Un ringraziamento ad Alessandra che mi ha dato l’opportunità di scrivere su questo blog e ai lettori che mi hanno seguito. Affidare una rubrica ad un vecchietto è sempre pericoloso. Ricordi nostalgici e patetici del vissuto, battutine ridanciane da barretto dello sport, pseudo filosofia mortuaria da quadrupede omologato per la bara. E via, e via, e via. Tanto di cappello per quelli rimasti. Un ringraziamento anche a coloro che non mi hanno letto. Ma sì, crepi l’avarizia.

Il dibattito sul noir italiano sta diventando sempre più articolato. Sulla sua voglia di affondare il coltello nella società sozza e nella ormai cancrenizzazione del male (inteso in senso lato) dove tutti si buttano alla ricerca spasmodica del dio denaro con ogni mezzo possibile, corruzione compresa, quando va di lusso e non ci scappa il cadavere controvoglia. Vedi i libri di Massimo Carlotto sulla cosiddetta “zona grigia” (malaffare e criminalità in contatto con i vari poteri) che vi ha dedicato passione e competenza, senza però allontanare la critica di una certa stanchezza ripetitiva che sembra assumere sempre di più le sembianze di uno stramaledetto reality. E allora occorre andare oltre, il romanzo non solo come denuncia della crisi ma, soprattutto, strumento di lotta, arma del “conflitto” in grado, sia di raccontare questa benedetta realtà gabinettara, sia di modificarla attraverso il cambiamento, la dinamicità e la speranza, parole chiave del nuovo corso noir (miezzeca!).

Colpo di genioNoi voliamo un po’ più bassi partendo dagli imprescindibili G.M. Il curatore, o i curatori della collana, fanno davvero delle scelte oculate. Dopo Il respiro del diavolo di Tessa Harris, dalle tinte forti e cupe, ecco Nero Wolfe colpo di genio di Rex Stout, Mondadori 2016, di una eleganza perfetta (anche se mortuaria). Ed il sottoscritto è favorevole alla varietà di letture.
Colpo di genio
Cena annuale per i Dieci dell’Aristologia, insomma degli appassionati della buona tavola. Cuoco Fritz Brenner e dunque tra gli invitati Nero Wolfe e Archie Goodwin che racconta la storia. Dodici fanciulle come coppiere fatte apposta per l’ultimo citato. Prima portata “cannoli spolverati di cipolline tritate, coperti di caviale e sormontati di panna agrodolce.” Ottimo e abbondante per tutti ma non per Vincent Pyle che ci tira il calzino. Qualcuno ha messo l’arsenico nella sua porzione. Sembra facile scoprirlo, basta sapere chi l’ha servito ma non è così. L’affare è complicato e Wolfe si sente perfino in colpa. Tra un ruggito e l’abbaiare dell’ispettore Kramer ecco che il Corpulento prepara un bel tranello all’assassino…
Nero Wolfe preso al lazo oppure Come volevasi dimostrare
Ancora una volta Nero Wolfe fuori casa. Per un pranzo, naturalmente, ovvero per due dozzine di fagiani del Montana, altrimenti non ci si smuove dalla sua poltrona. Qui pure Archie Goodwin che sta ascoltando una rivelazione di Cal Barrow. Questi ce l’ha a morte con un certo Wade Eisler, partecipante alla festa (una specie di gara col lazo) che ha “tentato”, come al solito, con una signora. Si troverà in un brutto guaio quando sarà lui stesso a scoprirlo cadavere strozzato in un ripostiglio proprio dal lazo che aveva perduto. L’organizzatrice della festa ingaggia Wolfe per risolvere il caso prima della polizia. Scontri con Kramer, baruffa fra donne, un’autoaccusa poco credibile, quattordici ore in cella per il nostro Goodwin. Classica riunione finale con smascheramento dell’assassino.
Assassinio indiretto oppure Archie Goodwin e il metodo numero tre
Qui troviamo Archie Goodwin dimissionario perché Nero Wolfe non vuole esaudire una sua richiesta. Mentre esce dalla famosa casa di arenaria della trentacinquesima strada, ecco l’incontro con una certa Mira Holt. Dal suo racconto astruso viene fuori che nel taxi da lei guidato c’è un cadavere di una donna, Phobe Arden, pugnalata con un coltello da cucina e avvolta in un telone da canapa. Ce l’ha trovato, dice lei, durante una sua assenza, ma l’ispettore Cramer non le crede. Le crede, invece, Nero Wolfe. Questione di soldi o di cuore?
Tre racconti di Rex Stout svolti con la solita arguzia, finezza e ironia che ben conosciamo nei confronti soprattutto del “ciccione” (viene apostrofato anche così) interessato solo alle delizie della cucina (altrimenti non si sposta di un millimetro), dell’irascibile ispettore Kramer con i suoi grugniti e ruggiti, dello stesso Goodwin narratore scodinzolante dietro le belle ragazze, caffè al mattino, copia del Times, pane tostato con miele. Il tutto basato su dialoghi scoppiettanti. Nero Wolfe impoltronato (mio conio) con il suo bicchierone di birra e la mente vigile a ricostruire la storia nei minimi particolari e a scoprire i punti deboli degli indiziati in cerchio intorno a lui. Al bisogno Fritz, pagato profumatamente, che scodella le sue virtù culinarie.
Lettura fresca e pulita come un lenzuolo steso al sole (mi è venuta così).

I dodici delitti di Natale di Rhys Bowen, Mondadori 2016.
I dodici delitti di NataleDal 14 dicembre 1933 al 1 gennaio 1934. A Castle Rannoch tra le cupe brughiere scozzesi si trova intrappolata, lo dice lei stessa, Lady Georgiana Rannoch (Georgie), aristocratica senza il becco di un quattrino accudita, si fa per dire, dalla signorina Queenie sua domestica svampita che ne combina di tutti i colori. Tra parenti serpenti (la vogliono maritare per forza) non si trova certo a suo agio, allora via come donna di intrattenimenti in una casa di campagna a Tiddleton-under-Lovey, villaggio del Devon appollaiato “ai piedi di una vetta rocciosa coperta di neve”. Un paesaggio da cartolina, secondo la “particolare” domestica, che si tingerà presto di rosso: un vicino ucciso dal suo fucile dopo essere scivolato giù da un pero; un altro caduto da un ponte e affogato; la vecchia signorina Effie (una di tre anziane sorelle) morta soffocata dal gas. Incidenti o delitti?
Per completare il quadro abbiamo tre prigionieri evasi dal carcere del Dartmoore (che c’entrino in qualche modo nella vicenda?), la maledizione di una strega bruciata sulla pira che ad ogni Natale sarebbe tornata a vendicarsi, lo scemo del villaggio Willum e la selvaggia Sally che danza al chiaro di luna ritenuta in possesso di poteri magici.
Arrivati anche il nonno e la mamma con diversi matrimoni alle spalle, gli americani Wexler insopportabili (ironia su di loro) e poi via via tutti gli altri tra cui Darcy O’Mara, il fidanzato che Georgiana che non può sposare perché di religione cattolica. Però, intanto, un bacio si dà lo stesso e, se non fosse per l’arrivo inopportuno di Queenie, ci scapperebbe pure qualcosa di più sostanzioso.
Nel frattempo continuano ad aggiungersi altre morti sospette (tra le quali una centralinista fulminata dalle cuffie, pensate un po’) insieme a certi strani incidenti che danno del filo da torcere all’ispettore Newcombe, coadiuvato dal nonno di Georgie della polizia metropolitana in pensione. A questi si aggiunge la nostra spiantata aristocratica che vuole vederci chiaro e già qualcosa di “fugace, troppo fugace” le passa per la testa fino a quando la lampadina si accende e… di mezzo una filastrocca, un vecchio processo, qualche personaggio che non sembra essere quello che dice (occhio a certi particolari).
Paura, movimento, pericolo anche per Georgiana con finale spasmodico nella palude. Il tutto tra colazioni, pranzi, cene, canti, bevute, il ballo in maschera, l’amore e, direi, anche l’istinto sessuale fra i due spiantati che, per un verso o l’altro, non può avere libero sfogo. Improrogabile citazione di Sherlock Holmes.
Prosa garbata, ironica, gradevole.

Sherlock Holmes e il mistero del Sussex di Amy Thomas, Mondadori 2016.
Sherlock Holmes e il mistero del Sussex“Cari Holmes e Watson…”, una lettera di Irene Adler, la Donna (un tempo nemica di Sherlock e ora sua amica, apicultrice nel Sussex) ai nostri beniamini insieme ad una lattina di colofonia per il primo e il miele per il secondo. Praticamente la richiesta di aiuto per risolvere il caso della scomparsa di James Phillimore, proprietario di una fattoria, sposato con Edith e padre di Elizabeth (Eliza). Come afferma la moglie, durante la cerimonia nuziale tra Edward Cox Rayburn e Julia Ellworth Stevenson in quel di Fulworth, “È giusto entrato a prendere il suo ombrello, e poi… poi è sparito”.
Subito in azione Holmes mentre Watson rimane, per il momento, a corteggiare la signora Willow (che poi scapperà con un prete allargandoci la bocca al sorriso). Lo ritroveremo più avanti accanto al Nostro con la sua “faccia rubizza impreziosita da un paio di baffi”, per insinuarsi nel cuore della burbera cuoca dei Phillimore e strapparle qualche segreto (si insinuerà anche in quello della signora Turner, governante di Irene, con scopi più personali).
Il cadavere di James viene trovato in seguito nella rimessa della fattoria, seduto sul calesse, avvolto in una coperta con un foro di pallottola in fronte. Ad indagare il “tronfio come sempre” ispettore Greaves irritato dalla presenza di Holmes (ha avuto uno scontro precedente con lui) e il duo Irene-Sherlock (a cui si aggiungerà Watson) attraverso le loro voci narranti, in prima e in terza persona. Su quest’ultimo il solito repertorio del violino che suona divinamente (conosce bene Niccolò Paganini), il travestimento insieme al dottore, i momenti di riflessione, qualche ricordo tenero d’infanzia, il  fascino sulla Donna che ne resta completamente rapita: “Holmes, lei è un eroe, che lo voglia no.”  Proprio il rapporto fra i due qui viene approfondito, essa è cambiata, seppure sempre “indipendente e volitiva” (Pachì) e se ne accorge proprio l’Investigatore quando vede in lei tenerezza, libertà “una pace interiore che in precedenza le erano assolutamente estranei.” (e noi lì pronti a vedere se ci scappa qualcosa di più concreto fra i due).
Ma chi ha ucciso James? Chi lo voleva morto e perché? Sospetti (ce ne sono diversi), dubbi (addirittura che la moglie sappia qualcosa), intrighi, scandali, un ricatto, la scomparsa della stessa Eliza (consolata da Holmes “eccellente narratore di favole”), il concitato finale. Tutto il romanzo, scritto in maniera “semplice” ed efficace, si basa sul tema dell’Amore, l’Amore che sbaglia, l’Amore che perdona e vince. Almeno per una volta.
Come scrive Luigi Pachì in “Sherlock Holmes e Irene Adler ancora una volta insieme”  la cosa non finisce qui perché “È nostro obiettivo concludere la trilogia nel corso dei prossimi mesi pubblicando anche il terzo titolo, The Detective, the Woman and the Silent Hive, uscito all’estero nel corso del 2014.”
Alla prossima.

Arsenico di Richard Austin Freeman, Polillo 2016.
ArsenicoGià letto secoli fa ma riletto volentieri, anche per dare una mano alla Polillo che si sta riprendendo dopo un momento di crisi. Chi racconta la storia in prima persona, un po’ come il dottor Watson, è l’avvocato Rupert Mayfield. La storia di un morto avvelenato con l’arsenico, più precisamente il malato cronico benestante Harold Monkhouse, mentre la giovane moglie Barbara è lontana. Tutto sta in una boccetta di medicinale che alle sei del pomeriggio di martedì 12 settembre conteneva pochissime gocce di Liquor Arsenicalis ma alle dieci e mezzo, durante l’ultima dose data, ne conteneva in grande quantità. Letali, come testimoniato dalla autopsia voluta dal fratello di Harold, il reverendo Amos Monkhouse, per nulla convinto della sua dipartita.
Dunque il verdetto del processo (esposto nei minimi particolari con lunga sfilata di testimoni e con puntuale tecnicismo) è morte per avvelenamento di arsenico somministrato da una o più persone sconosciute. Insomma la medicina è risultato il mezzo principale di somministrazione del veleno. Ma come è stato introdotto il veleno in quella medicina e chi è l’assassino?
Bella gatta da pelare per il dottor Thorndyke chiamato in aiuto da Rupert. Comunque i sospetti si riversano sulla moglie, sulla bella fanciulla adottata Magdalene, sul segretario Wallingford infatuato di Barbara. Soprattutto su quest’ultimo che fa uso di droghe e si trova sempre a seguire qualcuno. A ciò si aggiunge la storia dello stesso Mayfield e la perdita di Stella morta per tubercolosi, un’orfana adottata da Rupert, amica stretta di Barbara, che getterà una luce chiarificatrice sul presente caso.
Racconto preciso, puntuale, scientifico, con l’avvocato che a volte si trova in imbarazzo di fronte alle idee e alle iniziative di Thorndyke tali da sembrare “più del ciarlatano che dell’investigatore.” (si dovrà ricredere). Un vero e proprio trattato sull’avvelenamento da arsenico esplorato nei minimi dettagli attraverso una scrittura che scivola via felice anche quando trattasi di un momenti carichi di tensione: la nebbia, la figura nell’ombra, i pedinamenti, spunti su certi quartieri oscuri di Londra brulicanti di vicoli e passaggi, un pacco che potrebbe nascondere una trappola mortale. Non manca lo spunto sulla mentalità maschilista del tempo (anche oggi non si scherza) nei confronti delle donne che vogliono fare i lavori come gli uomini con elogio di Madeline così dolce e gentile “un mirabile esempio di donna tradizionale… occupata nelle tradizionali attività che per millenni sono state associate al suo sesso.” Qualche tratto amoroso (c’è pure un bacio) e… occhio a certe candele!
Colpo finale che un po’ ce lo eravamo immaginato, senza nulla togliere alla bontà del lavoro. Un classico che rimarrà nella storia come L’impronta scarlatta e L’occhio di Osiride.

Il bazar dei brutti sogni di Stephen King, Sperling & Kupfer 2016.
Il bazar dei brutti sogniButto giù all’impronta. Venti succosi racconti. Il primo bello sì, ma senza grande entusiasmo (invece il preferito di King e, mi immagino, dei lettori). D’altra parte de gustibus con quel che segue. Il fantastico, o l’horror fantastico, chiamatelo come vi pare, va bene (per me) se non è troppo ripetuto. Altrimenti un po’ mi ammoscia. Vedi, appunto, le macchine che ingoiano un tizio dopo l’altro (ne bastava una).
Fra i tanti ricordo soprattutto La morte, scritta pensando a Elmore Leonard dallo stile asciutto e secco come un colpo di pistola. Personaggio Jim Trusdale accusato di avere ucciso una ragazzina e rubato il suo dollaro. A tradirlo il cappello trovato accanto a lei, ma Jim giura e spergiura di averlo perso. E lo sceriffo Barclay incomincia a credergli. Si salverà?
Aggiungo Morale con la proposta del semiparalizzato Winnie alla sua assistente Nora “Ti piacerebbe guadagnare duecentomila dollari?” Niente di indecente in quel senso, però, insomma… Turbamento, dubbi della coppia Chad e Nora. I soldi sono soldi. E Winnie, ex della Seconda Chiesa Presbiteriana, vorrebbe buttarsi, almeno una volta, nelle braccia del peccato per vedere l’effetto che fa (un salutone a Jannacci). E noi lettori siamo lì, curiosissimi, a vedere proprio l’effetto che farà sui vari personaggi.
Con Aldilà veniamo proiettati in un dilemma che ci riguarda tutti. Cosa ci aspetta dopo la morte? Per William Andrews una duplice scelta. Ricominciare tutto daccapo o farla finita.
La duna superba con il Giudice novantenne a ricordare  la magia dell’isolotto, ovvero della duna che predice le morti. Brividozzo incorporato e un sorriso finale che si trasforma in ghigno.
Il bambino cattivo, “la quintessenza di tutti i ragazzi cattivi di sempre”, è un tormento che assilla.  Anche quando sembra che sia morto ammazzato da uno che non ne poteva più, eccolo che riappare con un biglietto per ricordarci che è sempre vivo e vegeto (i rompicoglioni non mancano mai).
Poi c’è, anzi, prima di ogni racconto c’è il nostro Stephen a spiegare le ragioni che lo hanno spinto a scriverlo, le influenze ricevute da certi scrittori preferiti e amati, insomma la voglia di dividere un po’ con il pubblico le sue ansie senili (come lo capisco). In maniera franca, a volte spiccia perché lui scrive per amore, sì, “ma l’amore non paga le bollette.” E se c’è da “vendersi” per Amazon lo si fa con un bel racconto, Ur, per esempio, in cui ci si infila il kindle di seconda generazione. Kesley Smith, assistente presso la Facoltà di Letteratura inglese di Moore, è fissato con i libri (in buona compagnia). Figuriamoci se vuole un kindle. Manco per idea, penserete voi…
Vite dure, frustrate, mamme giovani con una barcata di figlioli sulle spalle, l’amore vero che continua imperterrito anche durante la vecchiaia, l’amore che muore subito, il destino fatale, gli anni Sessanta quando si credeva di cambiare il mondo (e dillo a me), lotta tremenda per i migliori fuochi d’artificio, il bizzarro, il fantastico, il sovrannaturale, il ribaltamento delle aspettative, dubbi, dilemmi di fronte al bene o al male, l’incubo che è dentro di noi.
Occhio alla lama, lettori, anzi Fedele Lettore perché, si parli pure di baseball, ma è sempre una storia alla Stephen King, con lui dentro, addirittura, ovvero Blocco Billey. Per l’impatto vitale che ha il sesso nella esistenza umana c’è Mister Yummy. In questo caso si può trattare un argomento senza averne avuta una esperienza diretta? (essere gay). Si può trattare, si può trattare. Con pochi personaggi, un ricordo, il sesso giovanile, la passione, la vita, la morte e un misto di tristezza e gioia insieme.
Sul dolore Il piccolo dio verde del dolore e ne viene fuori una storia demoniaca lungo la scia de L’esorcista fra il vento che ulula, la pioggia che scroscia e tutto il casino che ne consegue.
Basta un incontro di sguardi avvenuto nella realtà per buttar giù Quell’autobus è un altro mondo. Due sguardi che si incrociano fra il protagonista e l’assassino che uccide una ragazza in autobus, e subito affiora il ricordo di Miss Marple e di quella stupenda interprete che ne fu Margaret Rutherford nel film Assassinio sul treno. Breve, secco, preciso, perfetto.
Da un film horror visto da Stephen ragazzino spunta Io seppellisco i vivi. In brevissimo. Un giornalista che ha il compito di sparlare dei morti, ancora vivi, per la rivista web Neon Circus. Che muoiono davvero (ecco l’idea!). Carino, gustoso, sorriso, ironia, salti sul letto il giusto senza strafare. Un po’ di malinconia per l’uomo e il cane che stanno morendo in Tuono estivo e tutto è finito.
Spaparanzato sulla sedia a sdraio in quel di Ampugnano mi sono crogiolato nella lettura dei venti raccontoni. Con un  brivido sussultorio quando è passato un lupo nero. Si è fermato proprio davanti a me, fissandomi con gli occhi rosso fuoco, e ha ululato “O Ciccio, svegliati!”

La gioia di uccidere di Harry Maclean, Fazi 2016.
La gioia di uccidereUno scrittore che butta giù la sua storia con la Underwood in una casa isolata tra i boschi del Minnesota. Quaranta anni dopo un episodio avvenuto nell’ultima carrozza di un treno del Midwest. L’amore, il sesso con una bella ragazza incontrata lì per caso. I tremori e la passione rivissuti nei minimi particolari a cui si intrecciano immagini di altri episodi: una ragazza a pagamento offerta da un anziano pedofilo a lui e al suo amico David; l’annegamento misterioso dell’altro amico Joseph; il tradimento dello stesso David con sua moglie; l’uccisione di Shelley Duval dal “collo lungo e bianco come quello di un cigno”.
Mentre batte a macchina là fuori le stelle si stanno facendo più intense, il vento sbatte un ramo sottile contro la finestra, i rumori grattano intorno alla casa. Una notte come un concerto, come un’opera teatrale di spirito e di bellezza.
Ricordi e ricordi, lo sforzo continuo della memoria (ma sarà tutto vero?), i poliziotti che bussano alla porta, l’urlo rivolto a Joseph, e poi silenzio. Silenzio assoluto.
E via si ricomincia, il presente e il passato che si intrecciano e divincolano fra loro, il lago, la scogliera, frammenti, “scene sbilenche”, attimi di pausa, riprese, lui insegnante al College di Booneville, il suo romanzo “Il professore” con la teoria che “gli esseri umani, come gli altri animali, sono essenzialmente amorali”, e poi l’altro parto “La gioia di uccidere” che provoca contrasti e discussioni. Nichilista, nega la presenza del bene e del male, unica possibilità un momento di armonia casuale come l’incontro con la ragazza sul treno e l’ipotesi che un uomo possa sentirsi bene dopo avere ucciso.
Cinquantadue anni, niente figli, diversi amanti, il non amore con la prima moglie, il gatto Thesis, spicchi di vita, il padre alla guerra di Iwo Jima,  un tourbillon di sensazioni e ancora la ragazza del treno che lo ha ammaliato, il coltello nella sua borsa (perché?), sesso e sangue dappertutto, una disperata ricerca della verità.
Alla fine la ragazza “Voglio raccontarti una storia”. E la storia è quella del suicidio del fratello e il suo inestinguibile senso di colpa. Qui la casa trema, le finestre sbattono, cade per terra, urta la testa contro il lato della sedia. Ancora altre scene si affacciano alla mente: l’uccisione dell’amico David e dell’anziano pedofilo Willie, lo zippo, il coltello, il sangue. Ma tutto è confuso, incerto. Realtà o illusione? Verità o finzione? Uccisore o, addirittura, ucciso?
Scrittura che si allunga, si accorcia, si avvolge su se stessa come i fatti raccontati in una sorta di continuo delirio di una mente allucinante e allucinata. E la recensione un po’ si adegua.

Per motivi di spazio oggi niente giretto tra i miei libri ma vediamo cosa ci ha preparato la nostra cara Patrizia Debicke.
I racconti neri del commissario Bertè di Emilio Martini, Corbaccio 2016.
I racconti neri del commissario BertèRecita a un certo punto la prefazione della piccola antologia che contiene i dodici racconti neri del Commissario Berté raccolti da Emilio Martini (alias Martignoni sister): «La metropoli lombarda è un luogo noir per eccellenza. Non perdona la goffaggine dell’ingenuo, perché per sopravvivere nelle giungle verticali e nebbiose non è ammesso essere ingenui.  Bisogna imparare a difendersi, avere il pelo sullo stomaco e sapersi adattare, evolversi.
Berté conosce ogni palazzo, strada, vicolo, anfratto della sua città. E conosce ancora meglio il Nero che si annida nei cuori umani. Anche nel suo.
Per esorcizzare la paura di coltivare in sé il germe della pazzia, Berté scrive racconti.
Crudi, quasi surreali… eppure possibili.
Ma, in tutto questo, dove sono finite l’autocritica costante e la vena ironica, a tratti quasi comica, interpretate dalla caustica “coscienza aguzzina?”
Chi legge con attenzione coglierà, tra le infernali mostruosità e le follie, anche il sorriso spregiudicato di Berté, quel suo parodiare la vita per allentarne la tensione.
E troverà anche molto spesso la sua presenza sotto le mentite spoglie di un personaggio dalla lunga coda brizzolata: un vezzo, una firma e un doveroso tributo a Hitchcock.»
E quindi ordino a voi lettori: si apre la caccia al codino. Si comincia a scoprirlo nel primo racconto “Il poeta”, nelle vesti del Lordo, un vero poeta che bazzica la Stazione Centrale, come il barbone che vede stormi di uccelli neri forieri di morte. Lo ritroviamo come il “Commissario”, che cerca di tranquillizzare una signora alla quale hanno vuotato la casa, in “Mannaia”, sarà poi il poliziotto strano «con una coda di capelli brizzolati lunga fino al culo» che va a chiedere in “Il vedovo inconsolabile” al marito della donna, uccisa da un pirata della strada, di andare alla centrale a riconoscere un sospetto. Però è impossibile  individuarlo in “Qualcosa di storto”, a meno che non sia l’invisibile padrone del cane guardone. Lo ritrovo invece sotto le mentite spoglie di panettiere nel delicato “Picnic urbano”. Ma scompare del tutto nell’angoscioso “Il tram” e invece  ricompare nei panni di un dottore che sembra un batterista rock in “Com’è difficile la mia vita”. Diventa un giornalista della TV, che fa “il figo con la coda” per l’incazzato protagonista di “La Rossa”. E si trasforma in Enrico, il tardivo amore della serial killer che impazza e uccide in “Il coltello”. In “Sangue milanista” sarà il gestore del Mulligun, il pub di via Govone. In “Zumba inutile” è l’istruttore di ginnastica simpatico e che parla volentieri con Gabriella, l’arrampicatrice. Ma lo cerco invano nella platea della Scala per la rappresentazione della Manon in “Ma non… lo dirò”. Però guardate bene  anche voi. Magari mi sono persa qualcosa.
Da leggere pure Trama imperfetta di Rocco Ballacchino, Frilli 2015, dove l’autore ripropone l’accoppiata del corposo commissario Sergio Crema con moglie e due bambini e dello stagionato critico cinematografico, che non demorde dalle velleità amorose, Mario Bernardini, già incontrati in Scena del crimine. Torino, piazza Vittorio.
Fabio Jonatan Jessica

Un saluto da Fabio, Jonathan e Jessica Lotti

5 thoughts on “Letture al gabinetto di Fabio Lotti – Maggio 2016

  1. Un sincero augurio di Buon Compleanno (anche se in colpevole ritardo per un lungo periodo di assenza inernettiana…) al maestro in cifra tonda!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.